Sfere dorate croccanti che custodiscono al loro interno olive ripiene di carne e di odori. Un’icona della gastronomia marchigiana, prelibatezze da gustare a tavola o mentre si cammina, all’insegna della tradizione applicata allo street food

 
CERCA PER ZONA

Ricetta: Olive ascolane, terre picene da gustare

Ricetta: Olive ascolane, terre picene da gustare

Prima di essere assurta a simbolo di convivi spensierati in compagnia, l’oliva ascolana è innanzitutto un vessillo Dop, precisamente della provincia di Ascoli Piceno. E la storia delle olive ascolane è antichissima, risale all’antica Roma, quando le olive – per le loro proprietà nutritive – costituivano il pasto quotidiano dei legionari romani ed erano oggetto dell’attenzione di autori – ed estimatori - che ne hanno scritto. Fra questi spiccano Catone, Varrone, Marziale e Petronio il quale, nel “Satyricon”, le colloca sulle famose tavolate di “Trimalcione”. Passano i secoli e si arriva a Garibaldi che, secondo la leggenda - pur con dei contesti storici - dopo averle apprezzate il 25 gennaio del 1849 ad Ascoli, decise di far coltivare alcune piantine di olivo a Caprera, per poter riprodurre la ricetta delle olive ascolane. Ne hanno fatta, di strada, da allora: oggi sono diffuse e conosciute dagli intenditori in Italia e nel mondo che amano prepararle secondo la ricetta originale. Possono essere infatti servite come antipasto, secondo piatto o contorno e sono ideali in occasione di uno stuzzicante aperitivo.

Ingredienti

Per 6 persone

Per la farcitura delle olive

  • 500 grammi di olive ascolane
  • 400 grammi di carne di manzo
  • 150 grammi di carne di maiale
  • 50 grammi grammi di carne di pollo
  • un uovo
  • cipolla
  • carota
  • sedano
  • vino bianco secco
  • sale
  • qualche chiodo di garofano
  • scorza di limone
  • pepe
  • noce moscata
  •  

Per la frittura

 

  • due uova
  • pane grattugiato
  • farina bianca
  • olio extravergine d’oliva

Procedimento

La prima azione da compiere è quella di immergere nell’acqua per circa dodici ore le olive ascolane, per togliere il sapore salato della salamoia. Passato questo tempo, si snocciolano le olive con un coltellino, eseguendo un taglio della polpa a spirale. Nella cavità lasciata dal nocciolo verrà messo il ripieno di carne che secondo la ricetta originale ha delle percentuali ben precise: 60% di manzo, 30% di maiale e 10% di pollo. Far rosolare la carne insieme a carota, sedano e cipolla e poi aggiungere sale, limone e il vino bianco, quindi far cuocere per una ventina di minuti. Togliere dal fuoco, passare tutto al tritacarne avendo cura di aromatizzare con noce moscata, poi unire le uova e il parmigiano, ottenendo un impasto morbido. A questo punto si inizia a riempire le olive con questo impasto, ricomponendole nella loro forma. Una volta farcite le olive, prenderle a una a una e passarle nella farina e nell’uovo - precedentemente sbattuto - e nel pane grattugiato, poi friggerle in abbondante olio extravergine di oliva a fuoco medio. Durante la cottura, girare e muovere le olive ascolane fino a quando raggiungeranno il loro classico colore dorato. A doratura avvenuta, eliminare l’olio eccedente su carta assorbente e servirle a piacimento: sono ottime calde e anche fredde!

 

Foto principale mangiarebuono.it

...buon appetito!

Eventi a Arquata del Tronto

  • Santissimo Salvatore
    18-03-2019 | Arquata del Tronto (AP)
    Feste patronali

    Aggiungi al tuo calendario 2019-03-18 2019-03-18 Europe/Rome Santissimo Salvatore Arquata del Tronto

    Borgo di Arquata del Tronto

  • Notte dei misteri
    18-08-2019 | Arquata del Tronto (AP)
    Festival

    Aggiungi al tuo calendario 2019-08-18 2019-08-18 Europe/Rome Notte dei misteri si svolge nel parco della Rocca, una serata in stile medievale con musica e intrattenimenti dell'epoca Arquata del Tronto

    si svolge nel parco della Rocca, una serata in stile medievale con musica e intrattenimenti dell'epoca

    Borgo di Arquata del Tronto

  • Alla corte della Regina
    19-08-2019 | Arquata del Tronto (AP)
    Rievocazioni storiche

    Aggiungi al tuo calendario 2019-08-19 2019-08-19 Europe/Rome Alla corte della Regina Rievocazione storica, in costume. Ha luogo nel pomeriggio del giorno 19 agosto ed è stata istituita a ricordo del soggiorno, presso la Rocca, di Giovanna d'Angiò durante la prima metà del XV secolo. Per il paese l'evento rappresenta la sintesi dell'espressione della storia e delle tradizioni legate alla fortificazione che sovrasta il borgo. Lo svolgimento della manifestazione si compone di due momenti. Il primo è costituito dalla cerimonia detta “la discesa della regina”, ossia dalla sfilata in costume di molti figuranti che indossano abiti ispirati al Quattrocento. Il corteo storico inizia a comporsi dalla Rocca e, percorrendo le strette vie del borgo, giunge fino a Piazza Umberto I. L'ordine di sfilata è aperto dai musici che con le loro chiarine e i loro tamburi annunciano l'arrivo della sovrana. Dopo questi c'è la regina, seguita dai paggetti che sostengono il lungo strascico dell'abito, accompagnata dalle sue dame di corte. Si aggiungono i notabili, le damigelle, gli armigeri, gli arcieri, i pastori e gli sbandieratori che si esibiranno mostrando abilità nelle coreografie create per maneggiare con destrezza i loro vessilli. La piazza del paese è la sede del secondo momento della rievocazione. Qui, dopo l'arrivo del corteo, si tiene una cena all'aperto presieduta dalla castellana. Il banchetto propone un menù a base di pietanze medievali. Tutti gli ospiti sono intrattenuti da danzatori, musici e artisti che propongono giochi di strada. Arquata del Tronto

    Rievocazione storica, in costume. Ha luogo nel pomeriggio del giorno 19 agosto ed è stata istituita a ricordo del soggiorno, presso la Rocca, di Giovanna d'Angiò durante la prima metà del XV secolo....

    Borgo di Arquata del Tronto


Notizie correlate

Ricetta: Mirto, sorsi di benessere dai borghi della Sardegna
Il mirto è considerata una pianta che apporta benessere e prosperità. E l’inebriante liquore che se ne ricava, è un vero e proprio elisir della Sardegna, dal colore variabile a seconda della fase di invecchiamento e con un gusto dalle note vellutate
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Jota, il gustoso minestrone dei borghi friulani
Una saporita minestra di verdura e legumi, un piatto tradizionale dei borghi friulani da apprezzare in tutte le stagioni: caldo e fumante in inverno, freddo e saporito in estate. Secondo le infinite varianti, anche con le costine di maiale
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Il Sarchiapone di Atrani, il trionfo del sapore in Costiera Amalfitana
In questa specialità è racchiusa tutta la bontà gastronomica di Atrani, borgo-gioiello della Costiera Amalfitana. Pare sia proprio il Sarchiapone l’antenato dei cannelloni, e si prepara con le tradizionali zucche verdi di forma allungata
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La Michetta del borgo di Dolceacqua, tra amore e leggenda
La Michetta di Dolceacqua è tipica del borgo ligure e, rispetto all’omonimo tipo di pane, pare sia legata a una storia d’amore. Una prelibatezza semplice e gustosa, per tornare indietro nel tempo assaggiando il presente
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La Befana, il tradizionale biscotto dell’Epifania del borgo di Barga
Preparato secondo una ricetta antica, la Befana è il biscotto tradizionale del borgo di Barga per festeggiare l'epifania in famiglia o con amici
By Redazione
Ricetta: La Ciambella del borgo di Veroli. Capodanno a tutto gusto
Rinomata in tutta la Ciociaria, la Ciambella di Veroli, ha un inconfondibile aroma all’anice e la sua forma ricorda una corona. Per festeggiare l’inizio del nuovo anno all’insegna di serenità e prosperità
By Luciana Francesca Rebonato
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi