Sono le prelibatezze natalizie del borgo di Sant’Agata di Puglia, in provincia di Foggia, quando scocca l’Avvento e si attende con trepidazione il Natale. Biscottini dai sapori antichi, i Susumelli portano in tavola tutta l’emozione del presente

 
CERCA PER ZONA

Ricetta: i Susumelli, i biscottini natalizi del borgo Sant’Agata di Puglia

Ricetta: i Susumelli, i biscottini natalizi del borgo Sant’Agata di Puglia

I Susumelli: i dolcissimi, piccoli biscotti che raccontano storie secolari e fanno immaginare con la fantasia le cucine di un tempo, nelle quali scoppiettava vivace il fuoco nel camino e si preparavano i piatti della tradizione. I Susumelli, tipici del borgo di Sant’Agata di Puglia, da tempo immemore vengono cucinati per le festività natalizie e rappresentano uno dei dolci più gustosi della tradizione pugliese. La loro consistenza è piuttosto soffice, il sapore è originale e inconfondibile e possono essere accostati a qualsiasi paladino di Bacco del territorio.

Ingredienti

  • 1 chilogrammo di farina bianca
  • 200 grammi di farina di semola macinata
  • 400 grammi di olio di oliva
  • 100 grammi di zucchero
  • 2 arance
  • mezzo bicchiere di vino bianco

Procedimento

Mettere a scaldare l’olio in un pentolino a bagnomaria, quindi aggiungerlo alle farine e allo zucchero. Impastare, avendo cura di aggiungere poco per volta il vino - a temperatura ambiente - e le arance spremute, sino a ottenere un impasto liscio e morbido. Una volta ottenuto l’impasto, se ne prende poco per volta e lo si stende sul tavolo in rotolini lunghi circa 15 centimetri. Si tagliano i rotolini in tre parti, ognuna delle quali verrà passata su una grattugia capovolta oppure sulla tavolozza che si utilizza per la preparazione degli gnocchi. Il tutto è finalizzato a rendere la pasta leggermente concava e più leggera. A questo punto i tre segmenti si uniscono uno all'altro, premendo forte alle estremità affinché non si aprano in fase di cottura. Una volta pronte tutte le “formine” dei biscotti, i Susumelli devono essere fritti sino a quando non assumono un bel colore dorato. Sono ottimi freddi ma i bambini amano sgranocchiarli appena diventano tiepidi!

Foto principale: www.santagatesinelmondo.it

...buon appetito!

Eventi


Notizie correlate

Ricetta: La Michetta del borgo di Dolceacqua, tra amore e leggenda
La Michetta di Dolceacqua è tipica del borgo ligure e, rispetto all’omonimo tipo di pane, pare sia legata a una storia d’amore. Una prelibatezza semplice e gustosa, per tornare indietro nel tempo assaggiando il presente
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La Befana, il tradizionale biscotto dell’Epifania del borgo di Barga
Preparato secondo una ricetta antica, la Befana è il biscotto tradizionale del borgo di Barga per festeggiare l'epifania in famiglia o con amici
By Redazione
Ricetta: La Ciambella del borgo di Veroli. Capodanno a tutto gusto
Rinomata in tutta la Ciociaria, la Ciambella di Veroli, ha un inconfondibile aroma all’anice e la sua forma ricorda una corona. Per festeggiare l’inizio del nuovo anno all’insegna di serenità e prosperità
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Pastorelle del borgo di Cuccaro Vetere, il sapore del Natale nel Cilento
Fagottini dolci e ripieni, tipici della tradizione natalizia del Cilento, precisamente del borgo di Cuccaro Vetere. Il trionfo delle castagne e dell’abilità dolciaria locale, tramandata nel tempo per la più importante festività della famiglia
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La leggenda natalizia dei mostaccioli nei borghi del Molise
A forma di rombo, ricoperti di glassa al cioccolato e con un cuore tenero a base di mele cotogne. Sono i mostaccioli, che rallegrano nelle festività natalizie i borghi della regione anche con la curiosa leggenda che aleggia intorno al loro nome.
By Luciana Francesca Rebonato
5 imperdibili borghi del vino
Gavi, Castagneto Carducci, Sirolo, Venafro e Sant’Agata dei Goti, borghi straordinari del vino e non solo.
By Luca Sartori