Il borgo di Gavi e il suo Forte si trovano in Piemonte.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Gavi

Una Principessa e il suo vino
Leggi di più

Borgo di Gavi
Comune di Gavi

Provincia di Alessandria
Regione Piemonte

Abitanti: 4.588
Altitudine centro: 233 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Città del vino
Paesi Bandiera Arancione

Comune di Gavi
Via Goffredo Mameli 44 - Gavi (AL)
Tel. +39 0143 645091

La prima presenza dell'uomo nelle terre di Gavi risale a oltre 2000 anni fa. Il nome deriva probabilmente dall'esistenza della stazione neolitica di Cavatium da cui il latino Gavium. Si ritiene che Gavi ospitasse un presidio romano a difesa della via Postumia.

Dopo la caduta dell'Impero romano d'Occidente fu occupato da una tribù gota che forse gli diede il nome (dall'antico germanico gau, tribù e sede della tribù, che al genitivo fa esattamente gawi), poi anche dagli ungari e dai saraceni e secondo la leggenda, una loro principessa, Gavia (o Gavina), avrebbe stabilito la propria dimora nel castello del luogo. Pare fosse di origine francese ed infatti la più vecchia via del borgo sotto il castello si chiama Monserito (da Mon Cheri).

Il primo documento ufficiale che menziona Gavi risale all'anno 972. Dominio dei Marchesi di Gavi, alleati del Barbarossa, il borgo entrò ben presto nelle mire della Repubblica di Genova per la sua posizione strategica nell'entroterra ligure, sulle più importanti vie di comunicazione verso la pianura padana, per un lungo periodo rimase sotto il suo dominio.

Data la sua strategica posizione di confine, Gavi ed in particolar modo la sua fortezza si trovarono coinvolte nella maggior parte dei conflitti che interessavano la Repubblica ed il confinante Ducato di Savoia, poi Regno di Sardegna. Durante l'epoca napoleonica il Forte fu occupato dall'esercito francese, nelle cui file militava tra gli altri Ugo Foscolo.

Il monumento che più identifica la storia del borgo è il Forte di Gavi, notevole esempio di architettura militare, costruito dai genovesi tra il 1540 e il 1673 sui resti di un castello preesistente, avvalendosi dell'opera dell'architetto militare Vincenzo Maculani (detto Fra' Fiorenzuola). Questa fortezza è il più importante avamposto difensivo medioevale di tutto il Basso Piemonte.

Meritano sicuramente una visita anche la Chiesa di San Giacomo Maggiore, il Santuario di Nostra Signora della Guardia e la casa del compositore Angelo Francesco Lavagnino, al quale ogni anno a Giugno il borgo dedica un Festival di Musica e Cinema. L'importanza di Gavi in epoca medioevale viene sottolineata nel libro Baudolino di Umberto Eco, dove il borgo viene citato sia per la sua posizione di frontiera con la Liguria sia per il suo vino.

Località di villeggiatura estiva, Gavi fonda la sua economia sul turismo e sul commercio locale. Importante l'attività agricola legata alla coltivazione della vite e produzione del vino. Gavi è infatti uno dei luoghi di produzione del vino omonimo, DOCG.

Video di Borghi d'Italia

Altre destinazioni nelle vicinanze

Garbagna
Garbagna
Garbagna è un borgo situato sulle colline tortonesi, in Piemonte.
Alessandria - 18.54 KM da Gavi
Volpedo
Volpedo
Volpedo, in Piemonte, è il borgo natìo del pittore Giuseppe Pellizza, autore del Quarto Stato.
Alessandria - 26.42 KM da Gavi
Pegli
Pegli
Pegli è un borgo marinaro del ponente genovese, in Liguria.
Genova - 29.33 KM da Gavi
Varzi
Varzi
Il borgo di Varzi si trova nell'Oltrepò Pavese, in Lombardia.
Pavia - 34.53 KM da Gavi
Boccadasse
Boccadasse
Boccadasse è un antico borgo marinaro della città di Genova, in Liguria.
Genova - 35.81 KM da Gavi
Nervi
Nervi
Nervi è un borgo in città, situato all'estrema periferia orientale di Genova, in Liguria
Genova - 38.7 KM da Gavi

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Poker d’assi di borghi fortificati per andare alla scoperta della storia e delle curiosità. Leggende intrecciate ad arte e architettura, epopee medievali o rinascimentali che rivelano al visitatore tutta l’unicità di questi gioielli italiani
By Luciana Francesca Rebonato
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
Quattro borghi italiani che si distinguono per il loro artigianato, essenza di un’arte antica tramandata nei secoli. Un viaggio nella tipicità, itinerari emozionali che puntano i riflettori sull’unicità
By Luciana Francesca Rebonato
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, piccolo centro della Riviera di Ulisse, è una continua sorpresa tra panorami e scorci caratteristici dove ci si deve far guidare esclusivamente dalla curiosità
By Luca Sartori
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
La Colatura di Alici è un prodotto tradizionale che negli anni ha caratterizzato gastronomicamente il piccolo borgo di pescatori di Cetara
By Redazione
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
La Riviera dei Ciclopi, che prende il nome dalle isole antistanti, è quel tratto di costa siciliana che va da Aci Castello ad Acireale
By Redazione
Genga, natura da record
Genga, natura da record
Per gli appassionati di arte e cultura il borgo marchigiano di Genga racconta la sua storia attraverso i suoi edifici storici, le sue chiese e i musei
By Luca Sartori
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di