Gavi, Castagneto Carducci, Sirolo, Venafro e Sant’Agata dei Goti, borghi straordinari del vino e non solo.
 
CERCA PER ZONA

5 imperdibili borghi del vino

Thu, 29 Nov 2018
5 imperdibili borghi del vino

Gavi, nelle terre dell’alessandrino, Castagneto Carducci, cuore della Maremma, Sirolo, perla delle terre del Conero, Venafro, nell’entroterra molisano e Sant’Agata dei Goti nel beneventano, sono cinque mete dove scoprire paesaggi straordinari e scoprire vini ricchi di storia. Tra i tesori d’Italia c’è il vino.

Nettare straordinario, eccellenza esportata in ogni angolo del Mondo, dalle Alpi alla Sicilia se ne produce di bianco e di rosso, di leggero e di corposo, con e senza bollicine. Ogni regione ha i suoi luoghi di culto della produzione del vino, luoghi mitici ed angoli di storia, terra promessa di appassionati e intenditori.

1. GAVI E IL SUO GAVI DOCG

Gavi

Gavi è soprattutto il suo imponente forte e il suo prestigioso vino. Il Forte di Gavi è espressione e testimonianza della posizione strategica di queste terre. Costruito a più riprese a partire dal XII secolo, poteva ospitare fino a mille uomini. Baluardo difensivo del confine nord della Repubblica di Genova, Gavi e il suo forte dovettero affrontare numerosi assedi. Dai suoi bastioni si guardano gli Appennini ma soprattutto si ammirano i boschi e soprattutto quei vigneti che regalano il prestigioso Gavi DOCG. Dal colore paglierino più o meno intenso, e dal sapore asciutto, questo bianco delle terre alessandrine viene prodotto in tre diverse tipologie; tranquillo, frizzante e spumante.

Ottimo come aperitivo, da accostare a antipasti freddi, crostacei e frutti di mare ma anche a formaggi molli e minestre.

2. CASTAGNETO CARDUCCI E IL BOLGHERI SASSICAIA

Castagneto Carducci

Delizioso borgo della Maremma livornese, Castagneto Carducci è adagiato sulla sommità di un poggio su cui domina il Castello dei Conti della Gherardesca. Caratterizzato da vicoli e piazzette, il borgo, che prende parte del nome dal celebre Giosuè Carducci che, da bambino, vi abitò per alcuni anni dedicandovi alcune delle sue belle opere, è circondato da ulivi e vigneti, e regala straordinari affacci sul litorale. Castagneto Carducci è terra di uno dei più prestigiosi vini in assoluto, il Borgheri Sassicaia, vino DOC la cui produzione è consentita esclusivamente in una zona specifica del comune, prodotto esclusivo dell’azienda Tenuta San Guido. Di colore rosso rubino intenso, ha un odore ricco e maestoso e un sapore asciutto, pieno e robusto. Ottimo in abbinamento con il piccione arrosto, formaggi dal sapore deciso e con i filetti alla bordolese.

3. SIROLO E IL ROSSO CONERO

Sirolo

Straordinario borgo appoggiato sulle alture marchigiane, Sirolo regala scenari mozzafiato sul massiccio del Conero e sul litorale adriatico. Pittoresco il centro storico con locali e botteghe artigiane che si alternano a scorci suggestivi con sullo sfondo il mare e le colline che corrono verso l’entroterra.

Sirolo è zona tipica del Rosso Conero DOC, vino che viene prodotto nella provincia di Ancona.

Dal colore rosso rubino intenso, con forti sfumature violacee, un odore dai tipici sentori di ciliegia selvatica, prugna e frutti di bosco, e dal sapore fortemente fruttato, ben si abbina con pietanze a base di carne come selvaggina e arrosti.

4. VENAFRO E IL PENTRO D’ISERNIA DOC

Venafro

Venafro è un borgo dalle antichissime origini risalenti al popolo dei Sanniti. Fu proprio nell’antica Venafrum che nell’’89 a.C. vi fu uno scontro decisivo dove Roma guerreggiò il gruppo dei popoli della “Lega italica” in quella che fu chiamata “Guerra sociale”. In epoca medievale Venafro fu poi invasa dai Longobardi divenendo dal VI secolo sede di diocesi oltre ad essere importante centro di passaggio da Molise e Abruzzo sulla via di Napoli. Proprietà della famiglia Pandone dal XV secolo, Venafro ospitò anche Vittorio Emanuele II in viaggio per Teano. Il borgo propone svariati edifici storici tra cui il castello Pandone, la concattedrale di Santa Maria Assunta e la chiesa dell’Annunziata.

Appartenente all’Associazione Nazionale Città dell’Olio, Venafro è anche terra di vino. Il Pentro di Isernia bianco DOC è uno dei vini prodotti nella sua zona. Di colore paglierino tenue con riflessi verdognoli, è di odore delicato e di sapore asciutto e intenso. Del Pentro d’Isernia vi sono anche le versioni rosato, rosso e rosso riserva.

5. SANT’AGATA DE GOTI E IL SANNIO DOC SANT’AGATA DEI GOTI AGLIANICO

Sant’Agata de’Goti

Sorge su uno sperone tufaceo, come se fosse sospesa sulla roccia. Il suo centro storico è appoggiato su una terrazza di tufo che sorge tra due corsi d’acqua, il Martorano e il Riello.

Sant’Agata de Goti è una delle tante mete imperdibili della Campania, dove il tempo pare non trascorrere. Tra vicoli, piazzette e case di pietra vi sono preziosi edifici storici tra cui il castello Ducale, eretto dai Longobardi e ampliato dai Normanni, che custodisce un prezioso ciclo d’affreschi, e la chiesa dell’Annunziata, risalente al 1239, realizzata in stile gotico.

Gioiello del beneventano, Sant’Agata dei Goti si sviluppa alle falde del Taburno, monte citato da Virgilio, ed è terra di produzione di olio extravergine d’oliva, vini bianchi e rossi dai forti sentori fruttati e delle mele annurche, specialità del territorio.

Tra i vini prodotti nella zona c’è il Sannio DOC Sant’Agata dei Goti Aglianico, dal colore rosso, dall’odore floreale e fruttato e dal sapore equilibrato e tannico.

Notizie correlate

Ricetta: Caponata di melanzane di Mazara del Vallo
Ricetta: Caponata di melanzane di Mazara del Vallo
Piatto tipico della cucina siciliana, fu portato per la prima volta dagli arabi, che sbarcarono nell'827 sulle spiagge del borgo in provincia di Trapani
By Redazione
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Ad Arnad è tutto lardo che cola!
Ad Arnad è tutto lardo che cola!
Il salume prodotto nel piccolo borgo valdostano ha ricevuto il prestigioso riconoscimento europeo del marchio DOP
By Redazione
La ricetta: le Scalette del borgo di Altomonte
La ricetta: le Scalette del borgo di Altomonte
I biscotti tipici della tradizione calabrese sono ideali per celebrare feste e ricorrenze
By Redazione
Ricetta: la zuppa  di cipolla vernina di Certaldo
Ricetta: la zuppa di cipolla vernina di Certaldo
Il primo piatto tipico del borgo toscano viene rigorosamente servito con pane a lievitazione naturale e pecorino di Pienza
By Redazione
Ricetta: la paella algherese
Ricetta: la paella algherese
Un'ottima rivisitazione sarda di un primo piatto tipico spagnolo
By Redazione

Piú letti del mese

Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Vi raccontiamo la storia di un antico villaggio altoatesino che negli anni Cinquanta fu sommerso dalle acque della diga. E ciò che resta è uno spettacolo surreale, da film fantasy...
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Vi portiamo nelle segreta della grande fortezza sabauda, che solo Napoleone riuscì a espugnare
By Stefano De Bernardi
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
A pochi chilometri da Domodossola, immerso nella natura alpina, sorge un suggestivo maniero medievale che, dopo secoli di invasioni, oggi vigila sull'antico borgo in pietra e attira i turisti anche della vicina Svizzera
By Joni Scarpolini
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di