Acerenza è uno dei borghi più antichi della Basilicata.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Acerenza

Il borgo di San Laviero
Leggi di più

Comune di Acerenza
Provincia di Potenza
Regione Basilicata

Abitanti: 2.380
Altitudine centro: 833 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
I Borghi più belli d'Italia
Città del vino
Unione Alto Bradano

Comune di Acerenza
Via Vittorio Emanuele III 151 - Acerenza (PZ)
Tel. +39 0971 741129

Acerenza (Lagerénze in dialetto lucano) è posta su un altipiano dai fianchi ripidi, tra il fiume Bradano e il suo affluente Fiumarella, ed è stata sempre molto importante dal punto di vista strategico per la difesa del territorio.

L’antica Acheruntia, situata a 833 m s.l.m., appare come una roccaforte inespugnabile, le cui origini risalgono alle prime tribù degli Osci. Conquistata dai romani nel 318 a.C., fu evangelizzata da S. Pietro nel 63 d.C. La sua posizione, considerata importante dal punto di vista strategico, dominava le grandi arterie che collegavano il sud a Roma: la via Appia, l'Appia-Traiana e la via Erculea. Dopo la conquista dei longobardi, divenne nel 605 capoluogo di uno dei tre castaldati della Lucania e nell'XI secolo i normanni rafforzarono il castello, fortificarono la città, costruirono la Cattedrale e diedero il nome di Basilicata alla regione in onore di questa grande Basilica cristiana. Ogni anno, l'11 e 12 agosto, viene celebrato questo importante evento in una rievocazione storica, che trasforma il borgo in un teatro a cielo aperto. Nel 1216 i templari lasciarono traccia del loro passaggio ad Acerenza. Dal XIII al XV secolo subisce la dominazione sveva, angioina e aragonese con le famiglie feudatarie dei Sanseverino, Durazzo, Ruffo, Ferrillo, Orsini di Gravina. Nel 1593 il re Filippo II di Spagna istituisce il Ducato di Acerenza con i Pinelli e in seguito i Pignatelli di Belmonte.

Il suo centro storico ha mantenuto le caratteristiche di borgo medievale con l’urbanistica a schema radiale attorno al Castello longobardo (attuale sede del museo di arte sacra) e alla Cattedrale, consacrata nel 1080 a S. Maria Assunta e S. Canio, patrono della città. Costruita su una precedente chiesa paleocristiana che, a sua volta, sorgeva su un tempio pagano dedicato ad Ercole Acheruntino, la Cattedrale è in stile romanico-cluniacense, sullo stile dell'abbazia francese di Cluny. All'interno è possibile ammirare importanti opere pittoriche di Antonio Stabile e la cripta rinascimentale del XVI secolo.

Acerenza è patria di San Laviero Martire, un giovane che nasce ad Acerenza nel vico Tergia e che muore martire a Grumento il 17 novembre 312. La sua Festa annuale del 17 novembre è preceduta da un Triduo di Preghiere nella chiesa a lui intitolata.

Video di Canio Scattone

Altre destinazioni nelle vicinanze

Lagopesole
Lagopesole
Lagopesole, frazione di Avigliano, è dominato dal famoso castello.
Potenza - 17.54 KM da Acerenza
Venosa
Venosa
Venosa, nella regione del Vulture-Melfese, in Basilicata, è la patria del poeta latino Quinto Orazio Flacco.
Potenza - 21.14 KM da Acerenza
Tricarico
Tricarico
Tricarico con le sue tradizionali maschere di carnevale si trova in Basilicata.
Matera - 26.06 KM da Acerenza
Irsina
Irsina
Irsina è uno dei borghi più antichi della Lucania.
Matera - 26.32 KM da Acerenza
Campomaggiore
Campomaggiore
Visitare Campomaggiore significa conoscere due città immerse nel verde della Basilicata.
Potenza - 28 KM da Acerenza
Castelmezzano
Castelmezzano
Situato nel cuore delle Dolomiti Lucane, in Basilicata, sorge Castelmezzano.
Potenza - 28.87 KM da Acerenza

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Poker d’assi di borghi fortificati per andare alla scoperta della storia e delle curiosità. Leggende intrecciate ad arte e architettura, epopee medievali o rinascimentali che rivelano al visitatore tutta l’unicità di questi gioielli italiani
By Luciana Francesca Rebonato
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
Quattro borghi italiani che si distinguono per il loro artigianato, essenza di un’arte antica tramandata nei secoli. Un viaggio nella tipicità, itinerari emozionali che puntano i riflettori sull’unicità
By Luciana Francesca Rebonato
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, piccolo centro della Riviera di Ulisse, è una continua sorpresa tra panorami e scorci caratteristici dove ci si deve far guidare esclusivamente dalla curiosità
By Luca Sartori
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
La Colatura di Alici è un prodotto tradizionale che negli anni ha caratterizzato gastronomicamente il piccolo borgo di pescatori di Cetara
By Redazione
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
La Riviera dei Ciclopi, che prende il nome dalle isole antistanti, è quel tratto di costa siciliana che va da Aci Castello ad Acireale
By Redazione
La leggenda dell'amore di Bora
La leggenda dell'amore di Bora
La storia della nascita di Trieste è legata alla leggenda di Bora, figlia del dio Vento.
By Ivan Pisoni
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di