La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

Anghiari


Condividi
Situato nella cosiddetta Valtiberina toscana, Anghiari è un piccolo gioiello medievale. Circondato da possenti mura, passeggiando per le strette vie del borgo si osservano le case in pietra, aventi piccole finestre, imposte e porte di legno, talvolta un po' malconce, ma assolutamente caratteristiche.
  • Borgo con castello
  • Agibile ai disabili
  • Area sosta camper
  • Borghi più belli d'Italia
  • Paesi Bandiera Arancione
  • Città Slow
Anghiari  | stevanzz/shutterstock.com
Anghiari
stevanzz/shutterstock.com
Anghiari  | David Butali
Anghiari
David Butali
Anghiari  | David Butali
Anghiari
David Butali
Palazzo Pretorio  | Gabriele Mazzi - David Butali
Palazzo Pretorio
Gabriele Mazzi - David Butali
Panorama  | David Butali
Panorama
David Butali
Porta San Martino  | Gabriele Mazzi - David Butali
Porta San Martino
Gabriele Mazzi - David Butali
Anghiari  | John Roberts Images/shutterstock
Anghiari
John Roberts Images/shutterstock
Anghiari  | poludziber/shutterstock
Anghiari
poludziber/shutterstock
Panorama  | Gabriele Mazzi - David butali
Panorama
Gabriele Mazzi - David butali
Anghiari  | poludziber/shutterstock
Anghiari
poludziber/shutterstock
Anghiari  | Simona Bottone/shutterstock
Anghiari
Simona Bottone/shutterstock
Anghiari  | Stefano_Valeri/shutterstock
Anghiari
Stefano_Valeri/shutterstock
Anghiari  | poludziber/shutterstock
Anghiari
poludziber/shutterstock
Uno sguardo ad Anghiari
Uno sguardo ad Anghiari
Video di e-borghi

Sul borgo

Anghiari nel 1440 fu teatro della Battaglia combattuta tra i Fiorentini e i Milanesi, e in seguito dipinta da Leonardo da Vinci. Fa parte della Valtiberina toscana che trae il suo nome dal fiume Tevere che la percorre in tutta la sua lunghezza.
Diverse sono le tesi sull'origine del nome di Anghiari: alcuni sostengono che derivi da castrum angolare, riferendosi alla forma angolare del suo castello, altri affermano che deriverebbe il suo nome da in glarea. Effettivamente il paese è costruito su un ammasso di ghiaia accumulata dal Tevere nei millenni.

Sorse nel VII secolo un castello longobardo, su preesistenze di età romana (presumibilmente una fattoria come si evince dalla cella vinaria in Palazzo Pretorio), conteso con i Bizantini. Il castello di Anghiari, ricordato per la prima volta in un documento del 1048, fu dapprima sottoposto alla consorteria longobarda dei conti di Galbino e Montedoglio e nel 1104 il luogo venne donato da Bernardino di Sidonia, signore di Anghiari, ai Camaldolesi con l'obbligo di fondarvi un'abbazia: il Monastero di San Bartolomeo Apostolo. Intorno ad esso, in seguito, si sviluppò il centro abitato. Dal 1104 al 1143 Camaldoli divenne assoluto padrone di tutta la zona di Anghiari.

La battaglia del 1440 durò un giorno e fu vinta dai Fiorentini, che consolidarono così i loro domini in Toscana. In segno di esultanza per la vittoria, fu stabilito di perpetuare il ricordo con un Palio, corso da uomini a piedi dal luogo dove avvenne la battaglia. Nel 1503 la Signoria di Firenze, con a capo il gonfaloniere Pier Soderini, si rivolse a Leonardo da Vinci per raffigurare nella Sala del Consiglio di Palazzo Vecchio una pittura murale raffigurante la battaglia. Sfortunatamente il processo di essiccazione innovativo testato da Leonardo distrusse buona parte dell'opera. Di quest'ultima restano alcuni disegni del Maestro ed alcune copie (eseguite da pittori del tempo) della parte centrale, ovvero la lotta per lo stendardo, di cui una fra le più note è quella di Rubens oggi al Museo del Louvre.

L'economia di Anghiari oggi si basa, oltre che sull'agricoltura ed il turismo, sulla tradizione artigianale. In particolare le attività più diffuse sono il restauro del mobile antico, la tessitura, il ricamo e i merletti a tombolo, la produzione di manufatti in vimini, l'impagliatura eseguita con erbe palustri e la lavorazione orafa.

I Bringoli con il sugo finto sono il piatto tipico di Anghiari, sono spaghetti di acqua e farina tagliati a mano.

Il Liceo artistico d'Anghiari, realtà unica nel panorama della scuola italiana, è l'asse portante di una tradizione artigianale del legno mai sopita dall'epoca degli armaioli anghiaresi.
Ad Anghiari ha sede la Libera Università dell'autobiografia, il maggior centro italiano di studio e insegnamento su questo argomento, fondato nel 2000 da Saverio Tutino e Duccio Demetrio, che lo presiede.


Noti per lo spirito battagliero, gli abitanti di Anghiari dall’alto del loro borgo sembrano guardare con supponenza la pianura. Come se laggiù si agitassero ancora i fantasmi dei guerrieri che presero parte, il 29 giugno 1440, a uno scontro tra eserciti passato alla storia perché “immaginato” da Leonardo da Vinci. Al genio toscano, infatti, i Magistrati di Firenze affidarono il compito di dipingere la Battaglia d’Anghiari per decorare le sale di Palazzo Vecchio con pitture che ricordassero le principali imprese della Repubblica. Danneggiato da un artificioso processo di essiccamento, il dipinto andò perduto, non prima di diventare per alcuni anni la “scuola del mondo”, tanto era famoso e preso ad esempio. E così, Anghiari brilla di luce riflessa per un’assenza. Ancora l’aura di mistero, che la magia del tempo rende ineffabile, penetra negli scorci medievali che rimandano a passioni splendenti, a ore febbrili. Bastione inviolabile grazie alle potenti mura duecentesche, Anghiari domina la valle dell’alto Tevere. Dismesse le spade, oggi s’inforcano le biciclette. L’Intrepida è una pedalata cicloturistica d’epoca, non agonistica, che si svolge nel mese di ottobre. È anche un viaggio nella storia e nel paesaggio di un territorio ricco di castelli, antiche pievi, ponti medievali e scenari naturali da scoprire con il passo lento e cadenzato dei colpi di pedale. Da vedere nel Museo di Palazzo Taglieschi una Madonna lignea di Jacopo della Quercia (XV secolo) e nell’antica chiesa della Badia (1105) il crocefisso in legno tardo trecentesco di stampo nordico che attira l’attenzione per lo strano perizoma. Fino a poco tempo fa aveva capelli veri.

Scopri gli altri borghi sulla guida Toscana - Borghi da amare

Borgo di Anghiari
Comune di Anghiari

Provincia di Arezzo
Regione Toscana

Abitanti: 5.638 (4.231 nel borgo)
Altitudine centro: 429 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Borghi più belli d'Italia
Paesi bandiera arancione
Città della chianina
Città slow

Riconoscimenti
Bandiera Arancione - Touring Club Italiano

Aree naturali protette:
Riserva naturale dei Monti Rognosi e Valle del Sovara

Il Comune
Piazza del Popolo 9 - Tel. +39 0575 789522

IN AUTO

  • Da Nord: Prendere l'autostrada A1, continuare sull'autostrada A14, uscire a Cesena Nord, seguire la direzione per Ravenna e poi per Cesena Nord, continuare sulla SS 3BIS/E45, uscire a Sansepolcro, continuare sulla SS 73, attraversare Santa Fiora e seguire le indicazioni per Anghiari.
  • Da Sud: Imboccare l'autostrada A1, uscire ad Orte, seguire la direzione Cesena, continuare sulla SS 204 e poi SS 675, uscire in direzione Cesena, continuare sulla SS 3BIS/E45, uscire a Sansepolcro, continuare sulla SS 73 in direzione di Arezzo, attraversare Santa Fiora e proseguire in direzione Anghiari.

IN TRENO

  • Stazione ferroviaria di Arezzo

IN AEREO

  • Aeroporto di Firenze
  • Aeroporto di Pisa

Dormire, mangiare, comprare...

Il Convivio dei Corsi
Il Convivio dei Corsi si trova nel borgo di Raggiolo, in Toscana.
Piazza san Michele, 3, Ortignano Raggiolo (Arezzo)
31.38 Chilometri da Anghiari

Anghiari è sul numero 16 della nostra rivista digitale e-borghi travel.
Sfogliala ora gratis!

Eventi

martedì
24
agosto, 2021

San Bartolomeo

Dal blog

PIATTO ADATTO A VEGANI I Bringoli (anche chiamati “pici” in altre zone della regione) al sugo finto sono il piatto tipico del borgo di Anghiari, in Toscana, composto da una pasta tirata a mano, simile a degli spaghetti spessi ma molto più grossi e rustici, da gustare con il classico sugo di carne o funghi. Anghiari celebra ogni anno i Bringoli durante la festa di San Martino, sfrutta...
Continua
cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950