La più grande risorsa online su turismo lento e borghi
Accedi alla Community

Duino-Devin


Condividi
Compongono lo splendido borgo di Duino le romantiche rovine del castello vecchio, l’imponente mole del castello nuovo con le sue sale, il parco, il bunker e il panorama mozzafiato. Il centro storico del borgo, raccolto attorno al castello, era in antichità protetto da mura ancora oggi in parte visibili.
  • Borgo di lago
  • Borgo con parco
  • Borgo con castello
  • Area sosta camper
  • Città del vino
  • Città dell'olio
Duino-Devin, il Castello  | Anja Cop
Duino-Devin, il Castello
Anja Cop
Duino-Devin, le Falesie  | Milani
Duino-Devin, le Falesie
Milani
Duino-Devin, Passeggiata Rilke  | Anja Cop
Duino-Devin, Passeggiata Rilke
Anja Cop
Duino-Devin  | Fabrice Gallina
Duino-Devin
Fabrice Gallina
Duino-Devin  | Fabrice Gallina
Duino-Devin
Fabrice Gallina
Duino-Devin  | Fabrice Gallina
Duino-Devin
Fabrice Gallina
Duino-Devin  | Fabrice Gallina
Duino-Devin
Fabrice Gallina
Duino-Devin  | Fabrice Gallina
Duino-Devin
Fabrice Gallina
Duino-Devin  | Fabrice Gallina
Duino-Devin
Fabrice Gallina
Duino-Devin  | Fabrice Gallina
Duino-Devin
Fabrice Gallina
Duino-Devin  | Anja Cop
Duino-Devin
Anja Cop
Duino-Devin  | Anja Cop
Duino-Devin
Anja Cop
Duino-Devin  | Anja Cop
Duino-Devin
Anja Cop
Duino-Devin  | Anja Cop
Duino-Devin
Anja Cop
Duino-Devin  | PromoTurismoFVG
Duino-Devin
PromoTurismoFVG
Duino-Devin, Torri di Silvia  | PromoTurismoFVG
Duino-Devin, Torri di Silvia
PromoTurismoFVG
Duino-Devin, Falesie di Duino  | Matteo Fabris
Duino-Devin, Falesie di Duino
Matteo Fabris
Duino-Devin  | Matteo Fabris
Duino-Devin
Matteo Fabris
Duino-Devin  | Matteo Fabris
Duino-Devin
Matteo Fabris
Duino-Devin  | Matteo Fabris
Duino-Devin
Matteo Fabris
Uno sguardo a Duino-Devin
Uno sguardo a Duino-Devin

Sul borgo

L’antico borgo marinaro di Duino/Devin (Duìn in dialetto triestino, Devin in sloveno e Tybein in tedesco) è situato tra il versante meridionale del monte Ermada/Grmada (323 m.) e le bianche falesie che si tuffano nell’Adriatico.
Compongono questo splendido borgo le romantiche rovine del castello vecchio, l’imponente mole del castello nuovo con le sue sale, il parco, il bunker e il panorama mozzafiato.
Il maniero, abitato dai principi della Torre e Tasso, è visitabile, assieme al suo elegante giardino. Suggestiva “l’ulca”, la stretta viuzza che dalla chiesa prosegue lungo le mura del castello contornato da case pittoresche. Vi è poi il porticciolo, l’isolotto di Dante, il bosco della Cernizza/Črničje attraversato da sentieri che portano al sito paleontologico e alle sorgenti del fiume Timavo/ Timava.

Il monte Ermada con le sue doline, le grotte, le trincee della prima guerra mondiale e le rovine di Coische/Kohišče è interessante meta di escursioni. La Riserva Naturale delle Falesie di Duino all’interno della quale si snoda la passeggiata Rilke, fa di questo borgo marinaro una meta turistica che rimane impressa nel cuore e nella mente dei visitatori.
Il suo sviluppo e la sua storia sono legati indissolubilmente a quelli dei suoi due castelli, il castello vecchio ed il castello nuovo, anche se le scoperte archeologiche hanno dimostrato la presenza di insediamenti già a partire dalla tarda età del rame. Da quell'epoca la zona è sempre risultata abitata.

Prima delle guerre napoleoniche (1796) il territorio di Duino faceva parte del Ducato di Carniola. Fino al 1923 faceva parte, come già precedentemente al periodo di appartenenza alla Carniola, della Contea di Gorizia e Gradisca sotto il dominio austriaco e della Provincia di Gorizia nel periodo immediatamente successivo all'annessione all'Italia. Nel 1928 il comune di Duino venne sciolto e fuso con i comuni di Aurisina, Malchina, San Pelagio e Slivia, formando il nuovo comune di Duino-Aurisina. Dal 1982 Duino è sede del Collegio del Mondo Unito dell'Adriatico, una scuola internazionale frequentata da studenti provenienti da 80 diversi paesi: una delle 15 presenti nel mondo che fanno parte dell'organizzazione dei Collegi del Mondo Unito.

Il piccolo centro storico, raccolto attorno al castello e punto di arrivo del sentiero Rilke, ha una struttura semicircolare, attraversata da vicoli e da una via principale detta ulca (ossia via nel dialetto sloveno del luogo). Il centro era in antichità protetto da mura ancora oggi in parte visibili. Vi è la Chiesa del Santo Spirito del 1591, situata in prossimità delle mura del castello che fu un tempo parte di un monastero dei Serviti. Col passare del tempo la località si è sviluppata sulle direttrici verso Trieste ed il Friuli, e verso il mare con la località di Duino Mare, ora legata senza soluzione di continuità col centro storico.

Borgo di Duino
Comune di Duino Aurisina/Občina Devin Nabrežina
Provincia di Trieste
Regione Friuli Venezia Giulia

Abitanti: 8610 duinesi
Altitudine centro: 144 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Città del vino
Città dell'olio

Aree naturali protette:
Riserva naturale delle Falesie di Duino

Il Comune
Via Aurisina Cave 25 - Tel. +39 040 2017111

www.turismofvg.it

= distanze in linea d'aria

IN AUTO

  • Prendere l'autostrada A4: se si proviene da Trieste o dalla Slovenia l'uscita è Sistiana. Proveniendo da Udine-Venezia in direzione Trieste è possibile uscire a Duino o a Sistiana.

IN TRENO

  • Stazione di Sistiana-Visogliano

IN AEREO

  • Aeroporto di Pietro Savorgnan di Brazzà

Dormire, mangiare, comprare...

= distanze in linea d'aria

Duino-Devin è sul numero 14 della nostra rivista digitale e-borghi travel.
Sfogliala ora gratis!

Eventi

martedì
16
agosto, 2022

San Rocco

Dal blog

In concomitanza con l’uscita del numero di giugno 2018 della rivista, ecco a voi un regalo per tutti gli amanti della natura. In famiglia, in coppia o per avventurosi solitari, approfondiremo la scoperta delle terre d’acqua e delle riserve naturali del Friuli Venezia Giulia. Escursioni a piedi, in barca o in bicicletta, e poi eventi imperdibili, birdwatching, paesaggi unici e una nuovissima app interattiva per le vostre vacanze in ...
Continua
In passato la jota era basata su ingredienti essenziali e proteici: crauti, fagioli e farina di granoturco. L’unica concessione alla gola era data dal pestat, un trito di lardo ed erbe aromatiche. Oggigiorno questa tipicità cucinata nei borghi di tutto il Friuli-Venezia Giulia – presente anche sulle tavole dei capoluoghi di provincia - viene servita tutto l’anno e, a seconda del clima, calda, fredda o tiepida, solitamente accompagnata da calici di vino del Carso che ne esaltano il ...
Continua
C’è chi dice che, guardando giù, oltre lo strapiombo verso il mare, dalle rovine del vec...
Continua

Le nostre collaborazioni

cos'altro vuoi scoprire?