La più grande risorsa online su turismo lento e borghi
Accedi alla Community

Tuscania


Condividi
I tipici colori della pietra di tufo che illuminano il centro storico di Tuscania, conferiscono a questo borgo un’atmosfera ancora più suggestiva. Le mura che la circondano e le antiche torri di guardia, che si possono ammirare ben conservate ancora oggi, raccontano solo in parte una storia che affonda le sue radici in un passato molto lontano. Tuscania, infatti, fa parte di una più ampia area protetta, quella della Tuscia, ricca di resti archeologici e testimonianze di epoca etrusca e romana.
  • Borgo con parco
  • Borgo con mura
  • Borgo con torri
  • Agibile ai disabili
  • Area sosta camper
  • Bandiera Arancione

Video esclusivo

Il panorama di Tuscania  |
Il panorama di Tuscania
Tuscania  | ValerioMei
Tuscania
ValerioMei
Basilica del campanile di Santa Maria Maggiore  |
Basilica del campanile di Santa Maria Maggiore
Fontana delle sette cannelle a Tuscania  | ValerioMei
Fontana delle sette cannelle a Tuscania
ValerioMei
Tuscania  | ValerioMei
Tuscania
ValerioMei
Fontana Grande a Tuscania  |
Fontana Grande a Tuscania
Artigiano a Tuscania  | robertonencini
Artigiano a Tuscania
robertonencini
Basilica di San Pietro  | Lucky Team Studio
Basilica di San Pietro
Lucky Team Studio
Interno della chiesa di San Pietro  |
Interno della chiesa di San Pietro
Fiera di Maggio a Tuscania  |
Fiera di Maggio a Tuscania
Festa della Lavanda a Tuscania  |
Festa della Lavanda a Tuscania
Cripta della Chiesa di San Pietro  |
Cripta della Chiesa di San Pietro
Basilica di San Pietro  |
Basilica di San Pietro
Il borgo di Tuscania  | e-borghi
Il borgo di Tuscania
e-borghi
Luci natalizie a Tuscania  | e-borghi
Luci natalizie a Tuscania
e-borghi
Chiesa di Santa Maria della Rosa a Tuscania  | e-borghi
Chiesa di Santa Maria della Rosa a Tuscania
e-borghi
Interno della Chiesa di Santa Maria della Rosa a Tuscania  | e-borghi
Interno della Chiesa di Santa Maria della Rosa a Tuscania
e-borghi
Acquacotta di Tuscania  | e-borghi
Acquacotta di Tuscania
e-borghi
Piatti tipici di Tuscania  | e-borghi
Piatti tipici di Tuscania
e-borghi
Palazzo Comunale e Teatro Comunale 'Veriano Luchetti'  | e-borghi
Palazzo Comunale e Teatro Comunale 'Veriano Luchetti'
e-borghi
Antica Via Clodia a Tuscania  | e-borghi
Antica Via Clodia a Tuscania
e-borghi
Contrada Ruscello di Sopra, Tuscania  | e-borghi
Contrada Ruscello di Sopra, Tuscania
e-borghi
Uno sguardo a Tuscania
Uno sguardo a Tuscania

Sul borgo

Originariamente l’antica cittadina si estendeva su due colline, Rivello e San Pietro, esattamente dove ora sorgono le mirabili chiese romaniche di Santa Maria Maggiore e San Pietro. Nelle immediate vicinanze di Tuscania, inoltre, sono visitabili numerose necropoli etrusche che testimoniano la grande importanza storica di tutto il territorio. La sua posizione strategica, poi, non lontana dal mare e dal lago di Bolsena, la rende particolarmente interessante anche da un punto di vista enogastronomico, con prodotti tipici che vanno dall’olio extravergine di oliva di elevata qualità ai vini della Tuscia che traggono ispirazione da due consolidate tradizioni vinicole, quella laziale e quella toscana.

Cenni storici
Attualmente il centro storico di Tuscania si sviluppa su un'area popolata fin da tempi antichissimi. La prova sta nel ritrovamento su Colle San Pietro di un villaggio risalente al IX secolo a.C. Tutto il territorio è stato poi occupato per un lungo periodo dagli Etruschi, come confermato dalle numerose necropoli intorno all'acropoli e lungo il fiume Marta. Tra il II e il I secolo a.C. arrivarono i romani e il villaggio divenne un "municipium" al quale fu dato il nome di "Tuscana", diventando così un importante centro di raccolta di merci destinate a Roma.

Nel VI secolo, a Tuscania vi giunsero i Longobardi, coi quali la cittadina conobbe un periodo di grande espansione urbanistica. Nel 1240 fu conquistata da Federico II di Svevia fino a quando, nel XIII secolo, fu sottomessa e dominata della Chiesa; in quel periodo le venne dato il curioso nome di "Toscanella". Fra il XIV e il XV secolo, malgrado le lotte fra le famiglie locali, la città conobbe un periodo di indipendenza fino a quando non fu totalmente saccheggiata da Carlo VIII durante la campagna d'Italia; fu da quel momento che conobbe un intervallo di pesante decadimento e abbandono; il borgo di Tuscania, infatti, è rinato del tutto solo dopo l'Unità d'Italia, ma nel 1971 fu quasi totalmente distrutto da un violento terremoto. Come dopo tante traversie che l’hanno visto rinascere dalle sue ceneri, anche in questo caso un attento ed accurato restauro è riuscito a restituire alla popolazione e a visitatori gran parte delle bellezze artistiche e architettoniche che l’hanno sempre caratterizzato.

Cosa vedere nel borgo
Con una storia così lunga e così travagliata, Tuscania non può che regalare ai suoi ospiti una grande varietà di monumenti e siti archeologici da visitare.

Si può partire dalle sue Mura, delle quali restano circa 3 km appartenente alla sua cinta originaria di epoca medievale che era di 5 km; percorrendo la strada che arriva a Viterbo, se ne può ammirare una gran parte, comprese le torri di guardia dall’aspetto poligonale e quadrato.

Arrivando dalla parte sud e costeggiando proprio un tratto delle mura medievali, si giunge alla chiesa di "Santa Maria del Riposo", che fu edificata su un edificio religioso più antico, quasi del tutto distrutto dalle devastazioni di Carlo VIII. Attualmente l’edificio presenta, per molti aspetti, un’architettura rinascimentale che ha conservato anche grazie ai sapienti restauri realizzati a seguito del terremoto. Il vicino convento ospita il  Museo Nazionale Tuscanese", altra destinazione imperdibile per chi visita Tuscania.

Da Porta San Marco si accede al borgo e attraverso via XII Settembre. si giunge alla chiesa di "Santa Maria della Rosa", dall’antico impianto tipicamente romanico, che fu anche l’antica cattedrale della città, al cui interno conserva ancora pregiati affreschi del XIII secolo. La successiva tappa del tour porta a Piazza Mazzini, dove si trova la Fontana di Montascide o di San Marco mentre presso largo della Fontana delle Sette Cannelle o del Butinale si trova la più antica sorgente di Tuscania.

Fra gli edifici civili maggiormente rappresentativi da visitare si segnalano il Palazzo Comunale, il Palazzo Baronale, la torre di Lavello e il moderno Teatro Comunale, la cui piazza era il centro della vita medievale con la Torre del Bargello e il Palazzo del Podestà.

Poco fuori dal centro abitato sorgono, su due colline, le bellissime chiese di San Pietro e Santa Maria Maggiore. La prima fu eretta nel VIII secolo e rimaneggiata successivamente anche con il completamento della facciata. La seconda è stata invece edificata sui resti di una grande costruzione romana e rappresenta il più antico luogo di culto del borgo.

Particolarità enogastronomiche
La cucina di Tuscania è molto ricca e variegata perché rappresenta un mix fra quella di tre regioni: Lazio, Toscana e Umbria. Il piatto più rappresentativo di questa zona, però, è l’Acquacotta, una ricetta povera della tradizione contadina a base di pane raffermo, patate, pomodori e cicoria. Molti sono i tipi di pasta fatta a mano, come gli gnocchi, le fettuccine o la "pasta straccia" che vengono condite con gustosi e ricchi sughi di cinghiale o lepre.

Per quanto riguarda i secondi, non possono mancare coniglio, maiale e agnello cotti prevalentemente sulla brace, ma la "Pignattaccia" è forse quello più famoso. Si tratta di un misto di carne e interiora di maiale e bovino cotti al forno insieme a varie verdure.

Tutti i piatti tipici locali non possono che essere accompagnati da un buon bicchiere del vino più famoso della Tuscia: l’Est! Est!! Est!!! Che si abbina perfettamente sia alle carni che al pesce di lago o alle pietanze più saporite.

Borgo di Tuscania
Comune di Tuscania

Provincia di Viterbo
Regione Lazio

Abitanti: 8 323 tuscanesi
Altitudine centro: 165 m s.l.m.

Riconoscimenti
Bandiera Arancione - Touring Club Italiano

Il Comune
Piazza F. Basile, 4 - Tel. 0761 44541

= distanze in linea d'aria

IN AUTO

  • Da Roma: autostrada A12 Roma-Civitavecchia, Aurelia fino a Tarquinia e poi Strada Provinciale 3.
  • Oppure utilizzare la Strada Statale Cassia fino a Vetralla e poi seguire Strada Provinciale 2 fino a Tuscania.
  • Da Nord: Autostrada A1 fino ad Orte. Raccordo autostradale (Ortana) SS 675 fino a Viterbo.

IN TRENO

  • Le stazioni ferroviarie più vicine a Tuscania sono quelle di Viterbo, Tarquinia, Montalto di Castro e Orte

Dormire, mangiare, comprare...

= distanze in linea d'aria

Proposte di viaggio a Tuscania e nel suo territorio

Tuscania è sul numero 30 della nostra rivista digitale e-borghi travel.
Sfogliala ora gratis!

Eventi

domenica
14
maggio, 2023

Fiera di Maggio

domenica
2
luglio, 2023

Festa della Lavanda a Tuscania

da
lunedì
7
agosto, 2023
a mercoledì 9 agosto 2023

S.S. Martiri

domenica
8
ottobre, 2023

Festa della Cioccolata a Squajo

da
martedì
26
dicembre, 2023
a sabato 6 gennaio 2024

Presepe Vivente a Tuscania

da
mercoledì
17
gennaio, 2024
a giovedì 18 gennaio 2024

Festa di Sant’Antonio

Le nostre collaborazioni

cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2023 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Via Achille Grandi 46, 20017, Rho (Milano) | 02 92893360