La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

Teglio


Condividi
Patria dei pizzoccheri, l'abitato di Teglio gode di una posizione privilegiata, sul versante retico delle Alpi valtellinesi. La loro ricetta originale è custodita e tutelata dall'Accademia del Pizzocchero che ha sede proprio nel borgo. Oltre ai prodotti del territorio, Teglio offre testimonianze artistico-culturali, rintracciabili nei suoi principali edifici storici. La salvaguardia di questi aspetti storici e artistici, così come l'accoglienza di qualità e l'attenzione alla natura e alla buona cucina fanno di Teglio una Città Slow certificata.
  • Borgo in montagna
  • Città Slow
Teglio  |
Teglio
Teglio  | resilva/shutterstock
Teglio
resilva/shutterstock
Teglio  |
Teglio
Pizzoccheri  |
Pizzoccheri
Teglio  |
Teglio
Accademia del pizzocchero  |
Accademia del pizzocchero
Torre quadrata medievale di Li Beli Miri  | DARRAY/shutterstock
Torre quadrata medievale di Li Beli Miri
DARRAY/shutterstock
Teglio  | Roberto Cerruti/shutterstock
Teglio
Roberto Cerruti/shutterstock
Uno sguardo a Teglio
Uno sguardo a Teglio
Video di paul cola

Eventi

mercoledì
16
settembre, 2020

Sant'Eufemia

Sul borgo

Fin dal III millennio a.C. questa zona attirava diverse tribù che si legavano all'originaria "homo alpinus" (razza alpina) grazie alla sua fertilità e alla sua quota. Per diversi secoli, le zone sui versanti erano più adatte all'attività agricola rispetto al fondovalle che era ricco di paludi. Probabilmente il nome deriva dal celtico "tli", nel senso di "terra sollevata", da cui poi il nome della Valtellina.
Teglio divenne "Castrum" nel I secolo, non appena la Valtellina divenne parte dell'Impero Romano. Da Teglio passava la via Valeriana Sebina, strada romana consolare che metteva in comunicazione Trivilium (Treviglio), che si trovava nella media Pianura Padana, con Turianum (Tirano), in Valtellina.
Successivamente alla caduta dell’Impero Romano, Teglio e la Valtellina passarono sotto il dominio di diversi popoli, dagli ostrogoti, ai longobardi e infine ai sassoni, fino al 962 quando il re Ottone I cedette Teglio all’Arcivescovo di Milano. In seguito l’intera Valtellina diventò un territorio combattuto tra Milano e Como. Nel 1262 Teglio venne invasa dai Milanesi e nel 1335 tutta la Valtellina diventò parte del Ducato di Milano, ma nel 1432 il borgo venne distrutto dagli scontri perché filoveneziana.
Dal 1500 la Valtellina passò sotto il dominio francese fino all’invasione dei Grigioni nel 1512, i quali diffusero il protestantesimo, provocando feroci scontri con i cattolici che sfociano nel Sacro Macello di Valtellina avvenuto nella notte tra il 18 e il 19 luglio 1620, durante il quale un gruppo di fanatici cattolici uccise circa 600 protestanti presenti in Valtellina mentre a Teglio venne incendiata e distrutta la chiesa di Sant'Orsola. Nel 1797 Napoleone conquistò la Valtellina annettendola alla Repubblica Cisalpina.
ENOGASTRONOMIA
Il terreno è l’ideale per la crescita di colture tradizionali come la vite, la segale e il grano saraceno, ingrediente principale del più famoso piatto della cucina valtellinese: i pizzoccheri. La loro ricetta originale è custodita e tutelata dall'Accademia del Pizzocchero che ha sede proprio a Teglio. L'attenzione alla natura e alla buona cucina fanno di Teglio una Città Slow certificata, nella rete internazionale delle Città del buon vivere.
COSA FARE
Il territorio del comune offre diverse possibilità anche a chi ama stare all'aria aperta e praticare sport, dalle semplici passeggiate si passa al trekking più faticoso. In Mountain Bike, ma anche a cavallo, si può percorrere la fitta rete di antiche strade sterrate e percorsi con differenti pendenze, mentre in canoa o in gommone si assapora il brivido della discesa lungo il fiume Adda. Non manca il divertimento neppure per gli amanti della neve, grazie agli impianti di Prato Valentino che servono piste da sci mediamente facili e divertenti e al percorso per racchette da neve lungo 5 km.

Borgo di Teglio
Comune di Teglio

Provincia di Sondrio
Regione Lombardia
Abitanti: 4.534 (Istat 01/01/2018)
Altitudine centro: 851 m s.l.m.
Il comune fa parte di:
Città slow
Festa patronale
Sant'Eufemia - 16 settembre
Comune di Teglio
Piazza Santa Eufemia, 7 - Teglio
tel: 0342789011

IN AUTO

  • Da Milano lungo la S.S. 38 (Milano-Lecco-Sondrio)
  • Da Brescia lungo la Valle Camonica e il Passo dell'Aprica

IN TRENO

  • Stazione di Tirano
  • Stazione di Sondrio

IN AEREO

  • Aeroporto di Bergamo Orio al Serio

Dormire, mangiare, comprare...

Cantina Contadi Gasparotti
Via dei Castelli - 23037, Tirano (Sondrio)
9.62 Chilometri da Teglio

Teglio è sul numero 1 della nostra rivista digitale e-borghi travel.
Sfogliala ora gratis!

Dal blog

Piatto tipico della tradizione valtellinese, in particolare dell’Alta Valtellina, le manfrigole sono una sorta di crespelle preparate con farina bianca e farina di grano saraceno, con ripieno a base di formaggio Casera e bresaola, o altri ingredienti tipici della zona. È un secondo piatto di origine contadina molto calorico ma gustosissimo, ideale per cene in compagnia nelle fredde serate invernali. Vediamo come si preparano! Ingredienti Per le c...
Continua
cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950