La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

Ortigia


Condividi
L’isola di Ortigia rappresenta il cuore della splendida città di Siracusa e il suo centro abitato è ricco di elementi che esaltano la storia, l'arte e la cultura di questo luogo. Anche se si tratta di un’isola, essa è collegata alla terraferma tramite il Ponte Umbertino che permette direttamente di passare da Siracusa città a Ortigia.
  • Borgo di mare
  • Borgo con castello
  • Borgo in città
Ortigia  | Erika Sciacca
Ortigia
Erika Sciacca
Ortigia  | Erika Sciacca
Ortigia
Erika Sciacca
Ortigia  | Erika Sciacca
Ortigia
Erika Sciacca
Ortigia  | Erika Sciacca
Ortigia
Erika Sciacca
Ortigia  | Erika Sciacca
Ortigia
Erika Sciacca
Ortigia  | Erika Sciacca
Ortigia
Erika Sciacca
Ortigia  | Andrii Shnaider/shutterstock
Ortigia
Andrii Shnaider/shutterstock
Ortigia  | Andrii Shnaider/shutterstock
Ortigia
Andrii Shnaider/shutterstock
Ortigia  | Erika Sciacca
Ortigia
Erika Sciacca
Ortigia  | Marius Dobilas/shutterstock
Ortigia
Marius Dobilas/shutterstock
Ortigia  | Massimo Salesi/shutterstock
Ortigia
Massimo Salesi/shutterstock
Ortigia  | Erika Sciacca
Ortigia
Erika Sciacca
Ortigia  | Erika Sciacca
Ortigia
Erika Sciacca
Ortigia  | Erika Sciacca
Ortigia
Erika Sciacca
Rovine del Tempio di Apollo  | Petr Pohudka/shutterstock
Rovine del Tempio di Apollo
Petr Pohudka/shutterstock
Ortigia  | Erika Sciacca
Ortigia
Erika Sciacca
Ortigia  | Stefano_Valeri/shutterstock
Ortigia
Stefano_Valeri/shutterstock
Ortigia  | Erika Sciacca
Ortigia
Erika Sciacca
Ortigia, bagno ebraico  | Erika Sciacca
Ortigia, bagno ebraico
Erika Sciacca
Ortigia  | Erika Sciacca
Ortigia
Erika Sciacca
Chiesa di San Giovanni Battista  |
Chiesa di San Giovanni Battista
Ortigia  | Erika Sciacca
Ortigia
Erika Sciacca
Uno sguardo a Ortigia
Uno sguardo a Ortigia

Sul borgo

Ortigia (l'Ottiggia in dialetto siracusano, Ortygia, Ὀρτυγία in greco antico) è il toponimo dell'isola che costituisce la parte più antica della città di Siracusa, in Sicilia. Il suo nome deriverebbe dal greco antico ortyx (ὄρτυξ) che significa quaglia. L'isola di Ortigia è molto importante per comprendere le origini dell'intera Siracusa, poiché le fonti attestano che su quest'isolotto poco distante dalla terraferma, sorse il primo nucleo abitativo dei coloni corinzi.

L'isola è stata da sempre il cuore della città, lo testimonia il fatto che sin dall'età del bronzo antico fosse abitata, e lo testimoniano anche resti di capanne circolari del XIV secolo a.C. riferibili alla cultura di Thapsos. Il successivo arrivo dei greci spinse la popolazione sicula a ritirarsi nell'entroterra, come ci narra Tucidide. Ma senza alcun dubbio molti dei siculi rimasero in Ortigia dopo l'avvenuta colonizzazione greca, dato che sono le stesse vicende storiche a narrarci dei contrasti per il comando della città tra gamoroi, discendenti dei primi coloni corinzi, e killichirioi, discendenti appunto dei siculi che in precedenza abitavano Siracusa e Ortigia. La storia prosegue e i siculi Killichirioi vengono sconfitti da Gelone di Gela, chiamato in aiuto dai Gamoroi, diventerà il primo tiranno di Siracusa. Ortigia in epoca greca fu, soprattutto inizialmente, il centro politico e religioso della città; lo dimostra il fatto che nell'isola venne edificata la via sacra (la quale attualmente ricade nell'asse urbano della via Dione e del secondo tratto della via Roma), ovvero quella via che conteneva importanti templi degli dei, come l'Artemision e l'Athenaion (attuale Duomo di Siracusa).

In Ortigia venne edificato il palazzo del tiranno, ovvero la sede del potere politico dei tiranni siracusani. Il porto (Porto Grande e Porto Piccolo) ebbe per Ortigia grande importanza; al centro delle grandi battaglie siracusane. L'isola prese parte a molte delle difese cittadine, era anch'essa circondata dalle imponenti mura dionigiane che si estendevano fino al monte Epipoli, nei pressi del Castello Eurialo. Durante l'assedio dei romani nel 212. a.C., Ortigia divenne l'ultimo quartiere di Siracusa a cadere in mano di Roma. Con l'aiuto delle navi cartaginesi e con le geniali macchine da guerra di Archimede, i siracusani resistettero ad oltranza all'esercito romano che non poté fare altro che stare al di fuori delle mura aretusee. Ortigia in epoca medievale divenne sempre più centrale, dato che la popolazione siracusana a seguito delle grandi guerre (la fine dell'Impero Romano d'Occidente; la conquista dei franchi e dei vandali) diminuì fino a ridursi per la quasi totalità nell'abitato dell'isola di Ortigia, spopolando i restanti quartieri. L'isola venne fortificata ulteriormente, affrontò le vicende bizantine di Siracusa, quando la città fu nominata "Capitale dell'Impero dei Romani" (detta anche "Capitale dell'Impero Romano d'Oriente), diventando dunque sede dell'imperatore bizantino, Costante II, e rifiorendo per un breve periodo, non troppo felice perché la città mal sopportò le tasse, eccessive, che l'imperatore aveva dato ai cittadini. Subì dunque l'attacco di Costantinopoli che ridiventò Capitale dell'Impero, dopo che il figlio di Costante II venne a riprendersi la corona imperiale.

Successivamente l'isola dovrà affrontare uno degli assedi più sofferti della storia di Siracusa, ovvero l'assedio arabo dell'878 d.C., il quale ridurrà la popolazione alla fame e la costringerà alla resa dopo mesi e mesi di patimenti. La dominazione spagnola rappresentò per Ortigia un momento decisivo e in un certo senso epocale, perché il suo aspetto urbanistico, e quindi anche la sua immagine culturale, cambiò radicalmente volvendo nella maniera che ancor oggi, in epoca contemporanea, essa mostra. Furono infatti gli architetti voluti dai governatori di Castiglia e Aragona a imprimere all'isola la facciata in stile barocco, con palazzi alla catalana e fantasie mescolate tra l'arte siciliana e l'arte spagnola, che in tempi moderni sono stati la lode e il vanto dell'isola, dandole il titolo di "centro del barocco siciliano", paragonabile al barocco della più rinomata, in argomento, Noto. Ortigia fu anche la sede della Camera Reginale; un organo governativo proveniente dalla Spagna ma instaurato sul territorio, che dava alla sua sede una sorta di titolo giuridico di "Stato dentro lo Stato", fu istituita da Federico III d'Aragona come dono alla sua consorte, Eleonora d'Angiò. Il '600, '700 e '800 furono epoche molto difficili per l'isola di Ortigia, la quale sosteneva il titolo dell'intera "Città di Siracusa" all'interno delle sue mura.

Divenuta una fortezza militare subì gli attacchi degli austriaci, la difesa delle coste dai turchi, i vari passaggi di potere fino a giungere al trattato di Utrecht con il quale la Spagna dichiarava davanti all'Europa di rinunciare alla Sicilia, che passava così nelle mani dell'Austria con la casa regnante degli Asburgo. In seguito arrivarono i Savoia dal Piemonte ma la loro monarchia in Sicilia durò pochissimo dato che né la Spagna, né l'Austria avevano intenzione di rinunciare all'isola più grande del Mediterraneo. Dopo il progressivo abbandono del centro storico avvenuto tra gli anni settanta e ottanta del novecento ed il conseguente aumento di criminalità e degrado, l'isola è stata oggetto di una serie di progetti di riqualificazione urbana tra cui quello Urban che ha previsto l'apertura di numerose strutture ricettive nonché l'apertura del Museo del mare gestito dal consorzio Syrakosia ricavato all'interno della ex Chiesa dell'Aracoeli, in via Gaetano Zummo e di altri musei importanti siti nell'isola.

Ortigia è stata presente in molti film con cast di grande livello, come ad esempio Vittorio De Sica; Franco e Ciccio; Walter Chiari; Giuseppe Tornatore; Monica Bellucci e molti altri. Nelle vie dell'isola di Ortigia sono state girate scene di note serie televisive nazionali, come il Commissario Montalbano, scritto da Andrea Camilleri e interpretato da Luca Zingaretti. Ma anche fiction come l'onore e il rispetto, interpretato da Gabriel Garko. Sono da menzionare anche le riprese del film sulla vita di Caravaggio, girato nel 2007 e diretto da Angelo Longoni; riprese significative poiché Caravaggio è stato realmente a Siracusa nella sua vita, e in città è conservato un suo noto dipinto: il Seppellimento di Santa Lucia.

Ma Ortigia non è meta di cinema solo per gli attori e registi italiani, essa è infatti nota anche all'estero per i suoi panorami, i suoi monumenti, il suo sapore e clima mediterraneo. Ad esempio vi hanno girato delle scene del loro film Sicilia!, i due cineasti francesi Straub e Danièle Huillet, o ancora qui vi è stata anche Margarethe von Trotta, vincitrice del premio Federico Fellini e del Leone d'oro al miglior film proprio con Anni di piombo, girato a Siracusa. E la fiction "Ballate d'amore", diretta dal regista argentino Roberto Luis Garay, che più volte ha scelto Siracusa e provincia per le sue riprese. Ortigia si può dunque definire "meta d'ispirazione" per i tanti registi che la scelgono.

Dopo aver fatto visita ad Ortigia nel 2010, Roberto Benigni vi ha in seguito acquistato un'abitazione barocca che ha restaurato rispettandone le forme iniziali e il contesto del luogo. Ortigia è inoltre la sede delle manifestazioni cinematografiche che avvengono a Siracusa, come l'Ortigia Festival e l'Ares Film Festival.


Pieno di odori con frutta, verdura, formaggi, pesce fresco. Le botteghe appartengono per lo più alle famiglie di pescatori e la cosa che lo contraddistingue e lo rende tipico del Sud sono le vanniate, ovvero le grida dei commercianti che per vendere la loro merce, sia alimentare che vestiaria ad esempio, gridano ad alta voce i prezzi e la qualità di ciò che vendono con lo scopo di attirare più persone nalla loro bancarella. Esso fa parte dei tanti mercati e fiere che si svolgono nella provincia di Siracusa. È giornaliero e viene chiamato dai siracusani u miccatu ri l'Ottiggia (il mercato di Ortigia) per differenziarlo dall'altro principale mercato giornaliero che si trova nel lato nuovo della città e che è detto u miccatinu ri Santa Banacia (il mercatino di Santa Panagia). Nei mercati di Siracusa, quindi anche in quello di Ortigia, l'elemento che attrae di più il compratore, soprattutto se è, come dicono i siracusani, furastero (forestiero, ovvero straniero non residente) è senz'altro il pesce, fresco poiché la zona è costiera con il mare davanti, ed è un ingrediente usato frequentemente nella cucina siracusana. Poi vi sono tutti gli altri prodotti provenienti dal settore primario, quindi dalla pastoria, dall'agricoltura e dall'artigianato locale. Formaggi tipici, ricotta, olive siciliane, i pomodori secchi, i capperi e molti altri alimenti tipicamente siciliani. Da menzionare è anche l'Antico Mercato di Ortigia; una struttura con forma quadrangolare che un tempo rappresentava il mercato del pesce, poi successivamente la struttura è stata adibita a centro culturale per le tante manifestazioni ortigiane come ad esempio, l'AMO Fest e al suo interno vi si svolgono spesso anche mostre artigianali.

Isola di Ortigia
Comune di Siracusa
Provincia di Siracusa
Regione Sicilia

Abitanti: 122.031 (4.500 nel borgo)
Altitudine centro: 17 m s.l.m.

Sito Unesco: Siracusa e le necropoli rupestri di Pantalica

il Comune fa parte di:
Città e siti patrimonio mondiale Unesco

Aree naturali protette:
Area naturale marina protetta Plemmirio
Riserva naturale Fiume Ciane e Saline di Siracusa
Riserva naturale integrale Grotta Monello

Il Comune
Piazza Duomo 4 - Tel. +39 0931 441772

IN AUTO

  • Da Catania: prendere la SS114 / A18 a sud di Siracusa.
  • Da Agrigento: prendere la SS115 costiera. 
  • Da Taormina: seguire la A18 sud, oltre Catania, a Siracusa.
  • Da Noto: dirigersi verso la costa sulla SP35 per il raccordo con l'autostrada A18 a nord di Siracusa.
  • Da Caltagirone: seguire la tortuosa SS124 panoramica attraverso le montagne fino a Siracusa.
  • Da Palermo: prendere la A20 est verso la A19 in direzione Catania. Rimanere sulla A19 attraverso il centro della Sicilia, girando a sud alla periferia di Catania sulla A18 per Siracusa.

IN AEREO

  • Aeroporti di Catania

Dormire, mangiare, comprare...

Nuova Dolceria
Le specialità sono la ricotta candita, la pralina all’olio evo, il panettone degli Iblei.
Via Necropoli Grotticelle, 25, Siracusa (Siracusa)
2.76 Chilometri da Ortigia

Ortigia è sul numero 3 della nostra rivista digitale e-borghi travel.
Sfogliala ora gratis!

Eventi

domenica
13
dicembre, 2020

Santa Lucia

Dal blog

Una straordinaria offerta di artigianato, quella dei borghi italiani, che compendia tecniche antiche e abilità manuali. Creazioni artigianali che nelle loro declinazioni creative danno forma a opere tipiche dei loro territori, diventando protagoniste di itinerari a tema che vanno oltre l’aspetto ludico. Ecco, quindi, quattro borghi nei quali la scoperta dell’artigianato locale vale di per sé un viaggio. Volterra (Tos...
Continua
I cannoli Siciliani devono il loro nome alle canne di fiume cui veniva arrotolata fino a pochi decenni fa la cialda durante la sua preparazione ed è uno dei dolci tipici della pasticceria siciliana. Ingredienti PER I CANNOLI: 800 g farina di riso 200 g farina di mais tipo fumetto 300 g amido di mais (maizena) 10 g xantana 120 g zucchero semolato 15 g ca...
Continua
Seppur i lavori di restauro sono stati terminati alla fine dello scorso Agosto, soltanto ora la Fontana di Diana, sita in piazza Archimede, può tornare a funzionare. Sembra che dopo il termine dei lavori ci siano stati dei problemi tecnici e dei ritardi nell'individuazione delle responsabilità. Gli interventi sono stati illustrati in una conferenza stampa oggi, 9 Novembre 2017.
Continua
cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950