La più grande risorsa online su turismo lento e borghi
Accedi alla Community

Cantalice


Condividi
Nel cuore della Sabina, a due passi dal Monte Terminillo e alle falde dei Monti Reatini, nel piccolo borgo di Cantalice il tempo sembra essersi fermato. La sua bellezza è anche legata alla sua posizione geografica, abbarbicata come un presepe a un'altezza che sfiora i 660 mt. La vista che si gode dal borgo spazia su tutta la sottostante valle reatina, oggi occupata dalla Riserva Naturale dei Laghi Lungo e Ripasottile.
  • Borgo in montagna

Video esclusivo

Cantalice  |
Cantalice
Cantalice  |
Cantalice
Cantalice  |
Cantalice
Cantalice  |
Cantalice
Cantalice  |
Cantalice
Cantalice  |
Cantalice
Cantalice  |
Cantalice
Cantalice  |
Cantalice
Cantalice  |
Cantalice
Cantalice  |
Cantalice
Cantalice  |
Cantalice
Laghi Lungo e Ripasottile  |
Laghi Lungo e Ripasottile
Cantalice  |
Cantalice
Cantalice  |
Cantalice
Chiesa di San Felice  |
Chiesa di San Felice
Cantalice  |
Cantalice
Cantalice  |
Cantalice
Cantalice  |
Cantalice
Cantalice  |
Cantalice
Cantalice  |
Cantalice
Chiesa di Santa Maria del Popolo  |
Chiesa di Santa Maria del Popolo
Cantalice  |
Cantalice
Cantalice  |
Cantalice
Cantalice  |
Cantalice
Cantalice  |
Cantalice
Cantalice  |
Cantalice

Sul borgo

Cenni storici
Il nome del borgo di Cantalice deriva da Cata Ilex e fa riferimento a un leccio che secondo la tradizione nacque nella fenditura di una roccia sul retro della Chiesa di Santa Maria delle Grazie. Le prime notizie del paese risalgono all'anno 1081 e la sua importanza strategica fu confermata dal fatto che fu scelta come roccaforte da Rocca di Sotto, Rocca di Sopra e Rocchetta per difendersi dai nemici.
Dopo essere stata donata al re Carlo d'Angiò nel XIII secolo dal papa, per proteggerlo meglio dal popolo germanico e dagli svevi, Cantalice attraversò un periodo di dure lotte contro le città di Rieti e l'Aquila, contro le quali trionfò grazie all'aiuto degli Aragonesi. Il periodo di massimo splendore lo raggiunse durante il dominio di Margherita d'Austria nel 1571. Seguì poi il decadimento del borgo a causa della presenza del brigantaggio e delle lotte intestine tra le signorie del borgo.

Cosa vedere a Cantalice
Quando arriverai a Cantalice, ti ritroverai davanti a un borgo suddiviso in due parti: Cantalice Inferiore, la zona più moderna, e Cantalice Superiore, la parte più caratteristica che infatti racchiude il centro storico posto a 583 mt di altezza, vero tripudio di vicoli labirintici, case in pietra e fontanili.

Per raggiungere il cuore del borgo laziale devi salire i 350 scalini che portano a Cantalice Superiore, dominata dai resti del castello diroccato, di cui è visibile una cisterna, ma soprattutto dal Torrione del Cassero risalente all'XI secolo.
Queste vestigia ricordano il ruolo strategico di Cantalice, posta infatti proprio al confine tra il Regno di Napoli e lo Stato Pontificio.

La Chiesa di San Felice è il cuore della cristianità nel paese ed è dedicata al patrono del borgo: risalente al '700 ed edificata in chiaro stile barocco, sorge sui resti della casa del santo. Al suo interno potrai ammirare un antico organo a canne e una splendida pala d'altare dedicata allo stesso San Felice.

Durante la salita lungo la scalinata rimarrai incantato della panorama con vista sulla piana di Rieti, dove puoi scorgere altri edifici di pregio quali il Palazzo Ramacogi con tanto di elegante loggiato, la Chiesa di Santa Maria del Popolo e la quattrocentesca Chiesa della Pace.

Poco distante da Cantalice potrai visitare, nel mezzo della natura e della quiete, il Santuario di San Felice all'Acqua: si narra sorga proprio sul luogo in cui il santo col suo bastone fece sgorgare una sorgente ancora oggi presente.

Uno dei periodi migliori per visitare Cantalice è il mese di maggio, poiché si svolge la festa patronale in onore di San Felice, dove sacro e pagano si mescolano tra sante messe, musica, folklore, distribuzione del pane benedetto e processioni in abiti medioevali da parte delle confraternite.

Escursioni nei dintorni di Cantalice
Anche la Sagra delle Strengozze è un'ottima occasione per visitare il borgo di Cantalice che si svolge generalmente l'ultimo weekend di agosto. Una festa dedicata alla gustosissima pasta fresca, le strengozze, comunemente conosciute come strozzapreti. La forma di questa leccornia ricorda proprio le "stringhe" che, secondo la leggenda, furono utilizzate dagli abitanti del paese in passato per strangolare i preti nel corso della lotta contro il Papato. Questa specialità le potrai gustare nel loro sughetto tipico a base di aglio, pomodoro fresco e presa, ossia una particolare erbetta che cresce solo in questo territorio e il cui sapore ti ricorderà molto la maggiorana.

Una volta visitata Cantalice, potrai dedicarti alla scoperta delle bellezze circostanti, tra le quali spicca la Riserva parziale naturale dei Laghi Lungo e Ripasottile: si tratta di una vasta area naturalistica ad appena 7km dal borgo, nata dove in epoca pliocenica sorgeva il Lago Velino, alimentato dai ghiacciai del vicino Terminillo e dalle sorgenti sotterranee.

Con le opere di bonifica effettuate dai romani nel 277 a.C. (note come Cavo Curiuano), il lago è praticamente scomparso. Al suo posto vi sono il Lago Lungo e il più grande Lago di Ripasottile. Raggiungendo questa splendida riserva naturale ti ritroverai immerso in un bucolico paesaggio lacustre, divenuto l'habitat naturale di alcune specie di uccelli grazie all'umidità derivante dalle sorgenti sotterranee.

Se vuoi osservare le specie ornitologiche presenti, avrai a disposizione una serie di postazioni per il birdwatching, dalle quali con un po' di fortuna potrai osservare l'albanella minore, il falco pescatore, il falco della palude, il pendolino, l'usignolo di mare e perfino il leggiadro fenicottero rosa.

Non lontano dal cuore della riserva sorgono una serie di monasteri francescani: Santa Maria della Foresta, di Greccio, di Fonte Colombo e di San Giacomo. Percorrendo il Cammino di San Francesco potrai visitare questi eremi, senza contare che avrai la possibilità di ammirare il Faggio di San Francesco di Rivodutri, sotto le cui arcuate fronde si rifugiò il santo di Assisi.

Comune di Cantalice
Provincia di Rieti
Regione Lazio

Abitanti: 2.500 cantaliciani
Altitudine centro: 660 m.s.l.m.

Il Comune
Via Andrea Costa - Tel. 0746653119

= distanze in linea d'aria

IN AUTO

  • Da Nord: Prendere l'autostrada A1 direzione Firenze - Roma, uscire ad Orte, continuare sulla superstrada Orte -Terni e proseguire sulla SS 675, uscire a Terni Ovest, attraversare Terni, Marmore, Vignaletto, Borgo San Pietro, San Liberato e proseguire seguendo indicazioni per Cantalice.
  • Da Sud: Prendere l'autostrada A1 direzione Napoli - Roma, all'altezza dell'uscita di San Cesareo prendere la bretella per l'autostrada A1 Firenze - Roma direzione Roma, uscire a Fiano Romano e continuare sulla SS 4 Salaria direzione Rieti, attraversare Vazia e seguire indicazioni per Cantalice.
  • Da Rieti: Prendere la SS 79, attraversare Quattro Strade, Santa Margherita, Colli e proseguire fino al bivio per Cantalice.

IN TRENO

  • Stazione ferroviaria di Rieti

IN AEREO

  • Aeroporto di Roma Ciampino
  • Aeroporto di Roma Fiumicino
  • Aeroporto di Pescara

Dormire, mangiare, comprare...

= distanze in linea d'aria

Cantalice è sul numero 21 della nostra rivista digitale e-borghi travel.
Sfogliala ora gratis!

Eventi

mercoledì
18
maggio, 2022

San Felice

Dal blog

Il patrimonio naturalistico, storico e artistico del Lazio è davvero notevole e per capirlo è sufficiente un viaggio nel reatino, un territorio che cela borghi medievali, eremi, antichi castelli e aree naturalistiche che affondano le radici in un passato lontanissimo.A cingere in un abbraccio il reatino c'è la Riserva Naturale dei Laghi Lungo e Ripasottile: questa bellissima area naturalistica prende il nome da due laghett...
Continua

Le nostre collaborazioni

cos'altro vuoi scoprire?