Il borgo di Corinaldo nell'entroterra del Conero, nelle Marche, è noto soprattutto per il suo Verdicchio.
 
CERCA PER ZONA

Corinaldo

Il borgo conteso
Leggi di più

Borgo di Corinaldo
Comune di Corinaldo
 
Provincia di Ancona
Regione Marche

Abitanti: 4.998
Altitudine centro: 203 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
I Borghi più belli d'Italia
Paesi bandiera arancione
European Destination of Excellence
Comuni amici del Turismo Itinerante
Associazione dei Comuni Virtuosi
Bandiera Verde
Comuni Ciclabili

Comune di Corinaldo
Via del Corso 9 - Corinaldo (AN)
Tel. +39 071 67782

Il nome di Corinaldo (Curinald in dialetto gallo-piceno) deriva probabilmente da "Curia di Rinaldo", antico nome Longobardo che il primo nucleo abitato doveva avere in epoca altomedievale. Rinomata terra vinicola innanzitutto (noto il suo Verdicchio), ha una ben mantenuta cinta muraria risalente al XIV secolo. Le sue mura sono riconosciute come le più intatte, imponenti, fortificate e lunghe (912 m ininterrotti) della regione Marche e tra le meglio conservate di tutto il centro Italia. Qui è nata Santa Maria Goretti.

Sorge alla sommità di un colle sulla riva sinistra del fiume Nevola. Con tutta probabilità la città di Corinaldo è sorta agli inizi del secondo millennio, in seguito al diffuso fenomeno dell'incastellamento. Arroccata tra i fiumi Cesano e Misa, tra Marca di Ancona e Stato di Urbino, si costituisce in Libero comune alla fine del XII secolo. Per la sua posizione strategica, diviene presto un ambito avamposto conteso dai comuni limitrofi. Dopo la distruzione del 1360, Corinaldo viene ricostruita letteralmente ex novo nel 1367, in seguito all'autorizzazione concessa da papa Urbano V, con l'attuale cinta muraria, nella quale figurano elementi fortificativi attribuiti al genio del celeberrimo architetto militare senese Francesco Di Giorgio Martini. Ulteriori elementi di difesa vengono aggiunti dalla famiglia dei Malatesta e da Francesco Sforza che completa la cinta muraria con una potente rocca, quel Cassero di cui ora restano tracce nella Chiesa del Suffragio.

Ma la pagina di storia più gloriosa del borgo è quella scritta nel 1517, quando Corinaldo resiste all’attacco dello spodestato duca di Urbino, Francesco Maria della Rovere. Dopo ventitré giorni di assedio i corinaldesi costringono il duca alla ritirata e il papa dell'epoca, Leone X, per la fedeltà mostrata, eleva Corinaldo al rango di città. La "Contesa del pozzo della polenta" è la più antica rievocazione storica della Provincia di Ancona, rievoca questa importante pagina di storia di Corinaldo. Nel '600 Corinaldo si ingentilisce nelle forme architettoniche e nel costume, arricchendosi dell'opera e dell'ingegno di pregevoli artisti.

Vedono progressivamente la luce anche monumentali edifici civili e religiosi, ancora oggi visibili e perfettamente conservati, quali fra gli altri la chiesa del Suffragio dalla caratteristica pianta ottagonale, eretta sul vecchio mastio, la chiesa dell'Addolorata, quella di Sant'Anna (patrona di Corinaldo) e il santuario ora dedicato a Santa Maria Goretti, che in questa città nacque il 16 ottobre 1890.

Il giro delle Mura
Corinaldo vanta un centro storico molto suggestivo, il cui monumento più imponente sono senza dubbio le sue possenti mura: circa un chilometro di fortificazioni risalenti al 1367 e ampliate alla fine del 1400, dotate di porte bastionate, baluardi, torrioni, guardiole e piombatoi, considerate tra le meglio conservate delle Marche. Partendo dalla Torre dello Sperone, alta ben 18 metri, di forma pentagonale, si inizia a percorrere il circuito murario volgendo verso la Porta di San Giovanni. Qui sono molti gli elementi di difesa ancora visibili, come gli alloggiamenti delle travi del ponte levatoio, le bocche da fuoco, i piombatoi ed è possibile salire sopra la porta per ammirare il panorama.

Percorrendo le Mura dello Scorticatore si passa accanto all’omonima torre: entrambe prendono il nome dall’artigiano che qui lavorava nel 1800. Si scende fino alla Porta di S. Maria del Mercato, splendido esempio di difesa con un doppio ingresso ruotato di 90°, per poi risalire verso la Torre del Calcinaro ed il Torrione della Rotonda. Qui comincia l’addizione rinascimentale che ampliò la porzione di centro storico compresa all’interno delle mura: attraverso il passaggio coperto dei Landroni si raggiunge Porta Nova, terzo ed ultimo ingresso al circuito murato. 

Video di PiccolaGrandeItalia.Tv

Altre destinazioni nelle vicinanze

Mondavio
Mondavio
Il borgo di Mondavio e la sua imponente Rocca Roveresca si trovano nelle Marche.
Pesaro e Urbino - 6.94 KM da Corinaldo
Pergola
Pergola
Il borgo di Pergola si trova nelle Marche, nel cuore della Valle del Cesano.
Pesaro e Urbino - 19.5 KM da Corinaldo
Fossombrone
Fossombrone
Il borgo di Fossombrone si trova nelle Marche, sulle sponde del fiume Metauro.
Pesaro e Urbino - 19.67 KM da Corinaldo
Serra San Quirico
Serra San Quirico
Le origini del borgo di San Quirico, nelle Marche, si fanno risalire all'epoca preromana.
Ancona - 22.53 KM da Corinaldo
Genga
Genga
Genga, situata nel cuore del Parco Regionale della Gola della Rossa e di Frasassi, è famosa per il presepe vivente più grande del mondo.
Ancona - 26.01 KM da Corinaldo
Pierosara
Pierosara
Il borgo di Pierosara si trova nel territorio di Genga, nelle Marche.
Ancona - 27.29 KM da Corinaldo

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Poesia Festival '19, versi d'autore nel cuore dell'Emilia
Poesia Festival '19, versi d'autore nel cuore dell'Emilia
Dal 16 al 22 settembre torna l'evento promosso dai comuni delle Terre di Castelli: noti protagonisti del teatro, del cinema e della musica animeranno l'attesissima edizione numero 15
By Redazione
Caprarola - Storia di papi, cardinali, architetti… e di un meraviglioso palazzo-fortezza.
Caprarola - Storia di papi, cardinali, architetti… e di un meraviglioso palazzo-fortezza.
Nel Lazio, tra noccioleti e costoni tufacei si cela un borgo magnifico che ospita uno dei gioielli dell’architettura di tutti i tempi: Caprarola
By Roberto Giarrusso
Ricetta: il Brasato al Barolo
Ricetta: il Brasato al Barolo
Il brasato al Barolo è un piatto piemontese ricco di sapori gustosi per il palato
By Redazione
Ricetta: la Scurpella di Civitella Alfedena
Ricetta: la Scurpella di Civitella Alfedena
Fritto tradizionale, simbolo di abbondanza, la Scurpella è il dolce che festeggia le grandi occasioni
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di