La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

Cavalese


Condividi
Distesa su una terrazza soleggiata di fronte alla Catena del Lagorai sorge Cavalese. A dominare questo grazioso e tranquillo borgo è il campanile della Chiesa di San Sebastiano. Dal borgo partono gli impianti di risalita Alpe Cermis che accompagnano sciatori ed escursionisti verso spettacolari panorami d’alta quota.
  • Borgo in montagna
  • Area sosta camper
Cavalese  | Alberto Campanile
Cavalese
Alberto Campanile
Cavalese, San Sebastiano  | Alberto Campanile
Cavalese, San Sebastiano
Alberto Campanile
Cavalese  | visitfiemme.it
Cavalese
visitfiemme.it
Cavalese  | Ciani
Cavalese
Ciani
Cavalese  | Marozzini
Cavalese
Marozzini
Cavalese  | Ciani
Cavalese
Ciani
Cavalese  | orlerimages.com
Cavalese
orlerimages.com
Cavalese, Palazzo della Magnifica Comunità di Fiemme  | Alberto Campanile
Cavalese, Palazzo della Magnifica Comunità di Fiemme
Alberto Campanile
Cavalese  | Alberto Campanile
Cavalese
Alberto Campanile
Cavalese, Chiesa dei Frati Francescani  | Turcato
Cavalese, Chiesa dei Frati Francescani
Turcato
Cavalese, Vecchio Mulino  | Ciani
Cavalese, Vecchio Mulino
Ciani
Cavalese, Pieve dell'Assunta  | Cainelli
Cavalese, Pieve dell'Assunta
Cainelli
Cavalese, Parco della Pieve, Banco de la Reson   | Alberto Campanile
Cavalese, Parco della Pieve, Banco de la Reson
Alberto Campanile
Cavalese, Centro d'Arte Contemporanea Gustav Willeit  | visitfiemme.it
Cavalese, Centro d'Arte Contemporanea Gustav Willeit
visitfiemme.it
Cavalese  | visitfiemme.it
Cavalese
visitfiemme.it
Masi di Cavalese  | Ciani
Masi di Cavalese
Ciani
Cavalese, Segheria Veneziana  | visitfiemme.it
Cavalese, Segheria Veneziana
visitfiemme.it
Cavalese, Alpe Cermis  | Federico Modica
Cavalese, Alpe Cermis
Federico Modica
Cavalese, Cascata  | Ciani
Cavalese, Cascata
Ciani
Cavalese, Alpe Cermis  | Federico Modica
Cavalese, Alpe Cermis
Federico Modica
Cavalese  | M.Bussolon
Cavalese
M.Bussolon
Cavalese, Desmontegada de le caore  | Alberto Campanile
Cavalese, Desmontegada de le caore
Alberto Campanile
Vista verso Cavalese  | Alberto Campanile
Vista verso Cavalese
Alberto Campanile
Uno sguardo a Cavalese
Uno sguardo a Cavalese
Video di grandeb0sss

Eventi

mercoledì
20
gennaio, 2021

San Sebastiano

Sul borgo

Il borgo di Cavalese (Cavalés in dialetto fiemmese) è disteso su una terrazza soleggiata di fronte alla Catena del Lagorai. Domina l’abitato il campanile merlato della chiesa di San Sebastiano. Le origini di Cavalese sono attestate nella tarda età del bronzo grazie alla presenza di un castelliere preistorico. In età tardo-romana e in età barbarica sulla vicina altura di San Valerio si ergeva un castelliere che poi si evolse in un castello e in un santuario. La romanizzazione del luogo è ulteriormente confermata dal ritrovamento di alcune monete antiche e dalla presenza di una necropoli del VI secolo. A partire dal XII secolo il borgo iniziò il suo sviluppo. Lungo le rive del rio Gambis sorsero mulini, segherie e officine da fabbro, per la lavorazione del rame. Nei secoli XVI e XVII Cavalese divenne luogo di villeggiatura dei vescovi e dei nobili trentini, che vi fecero costruire i loro palazzi. Il palazzo dei vescovi sarebbe poi divenuto, nel XIX secolo, la sede della Magnifica Comunità. Nel Settecento fu centro di interesse per la presenza della scuola pittorica di Giuseppe Alberti, nella quale apprese l'arte anche Michelangelo Unterperger.

Dal borgo partono gli impianti di risalita Alpe Cermis che accompagnano sciatori ed escursionisti verso spettacolari panorami d’alta quota. Gli impianti permettono di raggiungere anche il fondovalle che in estate è attraversato dalla pista ciclabile delle Dolomiti e in inverno dalla pista da fondo della Marcialonga. A pochi passi dal centro c’è il Parco della Pieve, con la chiesa arcipretale dell'Assunta (anno 1112) e il “Banco de la Reson”, dove sedevano - come in Parlamento - i rappresentanti della “Magnifica Comunità di Fiemme”, l’ente che da mille anni gestisce il patrimonio boschivo della Valle. Visite guidate e teatralizzate accompagnano nel Palazzo Magnifica Comunità con un museo-pinacoteca e prigioni ottocentesche. Un altro antico palazzo ospita il Centro d’Arte Contemporanea. Intorno al centro abitato si dispiegano piacevoli passeggiate nella natura. Fra i monumenti naturali più ammirati, la cascata di Cavalese e l’albero secolare “Pezo del Gazolin”.

Fra meridiane, decorazioni, gnomi di legno, legnaie e cavalli di razza, il tempo si ferma fra i masi della piccola Masi di Cavalese. In questo piccolo borgo laborioso c’è un’altissima concentrazione di artigiani e persino un riparatore di fisarmoniche. La frazione dista 3 chilometri da Cavalese e di distende lungo il torrente Avisio. Masi viene anche chiamato “il paese dell’arcobaleno” perché quasi dopo ogni pioggia appoggia i suoi colori sul centro abitato. Camminando fra antiche case, agritur e fienili si possono incontrare diversi animali da fattoria. Da ammirare la chiesa settecentesca dedicata alla Santissima Trinità. Accanto agli impianti di risalita Alpe Cermis, alla pista da sci di fondo della Marcialonga e alla Pista Ciclabile delle Dolomiti, Masi si è anche un punto di partenza per piacevoli escursioni nella natura. Una bellissima passeggiata, ad esempio, accompagna in località Salanzada, fra boschi di abeti e pascoli, fino alla Cascata di Cavalese. Altre escursioni conducono nella selvaggia Catena del Lagorai.

Immersa nella Catena del Lagorai, l’Alpe Cermis d’estate è la porta d’accesso a un paradiso naturalistico ancora selvaggio fra laghetti alpini, aquile e marmotte. Quando scende la neve, i pascoli si trasformano in piste da sci. La più lunga e famosa è l’Olimpia (7,5 km), illuminata nell’ultimo tratto anche di notte. Da Cavalese le telecabine panoramiche conducono a Doss del Laresi dove le curiose attrattive di Cermislandia divertono i bambini sia d’estate, sia d’inverno. Si sale ancora, prima in telecabina, poi in seggiovia fino a cima Paion per ammirare un panorama da capogiro fra il Latemar, il Catinaccio, il Sasso Piatto, il Sassolungo, il Massiccio del Sella, la parete Sud della Marmolada, le Pale di S. Martino, il gruppo di Brenta, il Cevedale, l’Ortles e le Alpi Venoste. La cucina dei rifugi, particolarmente curata, offre gustosi menù con prodotti tipici e genuini. L’Alpe Cermis fa parte del grande circuito Dolomiti Superski (possibilità di acquisto di uno skipass unico valido su 1200 Km di piste).

Borgo di Cavalese
Comune di Cavalese

Provincia di Trento
Regione Trentino Alto Adige

Abitanti: 4.105 (3.420 nel borgo)
Altitudine centro: 1000 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Itinerari verdi ciclabili - Greenways
Comunità Montana Val di Fiemme

Il Comune
Via Fratelli Bronzetti 2 - Tel. +39 0462 237511

IN AUTO

  • Dall'autostrada A22 prendere l'uscita di Egna/Ora seguire la Statale delle Dolomiti (S.S.48) per Cavalese. Oppure uscire a Trento nord, immettersi nella S.S. 12 e all'altezza di Lavis seguire per la Valle di Cembra SS 612 e continuare in direzione Cavalese.
  • Dall'autostrada A27 prendere l'uscita di Belluno e seguire le indicazioni per Agordo. Seguire poi per Falcade e attraversare il Passo S.Pellegrino, fino a Moena da dove è possibile prendere la S.S.48 che collega la valle.
  • Dalla Strada Statale 47 in direzione nord, poco dopo Cismon del Grappa, immettersi nella S.S.50. Seguire le indicazione per S.Martino di Castrozza, attraversare il Passo Rolle, e continuare fino a raggiungere Predazzo e la S.S.48 delle Dolomiti.

IN TRENO

  • Stazione ferroviaria di Ora
  • Stazione ferroviaria di Trento
  • Stazione ferroviaria di Bolzano

IN AEREO

  • Aeroporto di Bolzano

Dormire, mangiare, comprare...

Dal blog

Organizzare una vacanza in Trentino Alto Adige non significa per forza dover scegliere le grandi città come Trento o Bolzano, oppure i luoghi più iconici (Tre Cime di Lavaredo, Lago di Braies, Selva di Val Gardena, ecc.). Ci sono infatti dei piccoli centri abitati che meritano una visita di almeno mezza giornata, per vivere l'autentico spirito di questa regione.  Partiamo da Canale di Tenno, un affascinante borgo medievale ...
Continua
E’ una tradizione antica, quella degli strangolapreti alla trentina, che risale all’epoca del Concilio di Trento. Secoli dopo, gli strangolapreti sono ancora in auge sulle tavole della regione: un’icona di gusto, realizzata un tempo con quanto a disposizione in cucina, diventata ora un primo prelibato. Gustosi gnocchi di pane e spinaci che si possono preparare in anticipo e conservare in frigorifero, l’ideale durante la stagione estiva per avere sempre a disposizione un piatto pronto – da cuocere, certo &ndas...
Continua
cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950