La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

Sorso


Condividi
Sorso è una cittadina del territorio storico della Romangia, che si affaccia sul golfo dell’Asinara con un lungo tratto costiero di dune di sabbia, riparate da pini, ginepri e palme nane. I 18 chilometri di spiagge, a pochi minuti dal centro abitato, sono suddivisi tra la bella Marina di Sorso e il litorale sorsese di Platamona: mare azzurro, sabbia chiara e fine e profumi mediterranei.
  • Borgo di mare
  • Area sosta camper
  • Città del vino
Spiaggia Marina di Sorso   | sardegnaturismo.it
Spiaggia Marina di Sorso
sardegnaturismo.it
Marina di Sorso  |
Marina di Sorso
Chiesa di San Pantaleo   |
Chiesa di San Pantaleo
Santuario Beata Vergine Noli me Tollere  | sardegnaturismo.it
Santuario Beata Vergine Noli me Tollere
sardegnaturismo.it
Monumento ai Caduti   | sardegnaturismo.it
Monumento ai Caduti
sardegnaturismo.it
Pozzo sacro di Serra Niedda   | sardegnaturismo.it
Pozzo sacro di Serra Niedda
sardegnaturismo.it
Sorso  | sardegnaturismo.it
Sorso
sardegnaturismo.it
Video di ComunediSorso

Sul borgo

Sorso (Sòssu in turritano) è situato nell'antica regione della Romangia, affacciandosi sul golfo dell'Asinara, in Sardegna.

Sorso gode di una collocazione geografica di notevole valore paesistico; la sua costa, con le famose spiagge di Marina di Sorso e di Platamona. Nei fertili terreni circostanti si coltivano frutta e ortaggi, ma soprattutto l'olivo e la vite. Il toponimo deriverebbe dall'avverbio logudorese josso/zosso (dal latino deorsum, ovvero "in giù", "verso il basso", "sotto"), successivamente divenuto Zorso, quindi Sorso (o Sossu), ad indicare la minore altitudine rispetto alla vicina Sennori. Il nome di Sorso, per la prima volta, è citato nel Condaghe di S. Pietro di Silki (1065-1180). Il toponimo appare più volte anche negli atti del Condaghe della chiesa di San Nicola di Trullas (Semestene), prezioso documento redatto tra il 1115 e il 1176, nel quale vengono citati i nomi di Barusone de Sorso, Gosantine de Sorso, Furatu de Sorso; nello stesso Kondaghe si legge "Fece dono donna Iorgia d'Athen in punto di morte, della sua domo di Sorso con tutte le sue pertinenze di salto e vigne e terreni e corte e servi e canneto e palmeto". La famiglia degli Athen, molti dei cui appartenenti erano membri della Corona de Logu nella reggia di Ardara, aveva proprietà in Sorso. È verosimile che il toponimo abbia avuto origine da un avverbio latino sursum versus, "in su", "verso l'alto"; questo probabilmente per indicare la posizione elevata del paese rispetto a quella di Turris Lybisonis (attuale Porto Torres), da cui i turrenses partivano per recarsi a Sorso. Gli abitanti di Sorso sono nominati sorsensi o sorsinchi, dal latino incola, cioè abitatore (sors-inchi, abitanti di Sorso).

Il territorio è ricco di testimonianze archeologiche risalenti al periodo prenuragico, l'attuale borgo però è di origine romana e divenne grosso centro religioso nel Medioevo. Del Prenuragico, rimangono le domus de janas di l'Abbiu e il sito di Geridu tra Sorso e Sassari. Nel V secolo i Cartaginesi trasformarono Sorso in una fortezza di cui oggi ci rimane il sito di Santa Filitica. Il sito di Gericu o Geridu è il più importante sito archeologico della città romangiate. Durante il 1300 Sorso passò di mano a diversi feudatari e venne più volte attaccata e distrutta sia dall'irrequietezza degli abitanti di Castelgenovese (l'attuale Castelsardo), sia dalla famiglia Doria. Nel 1436 Sorso e Sennori vennero vendute insieme a Gonario Gambella e da quel momento le sorti dei due paesi furono identiche. Lo stemma di Sorso sia nella versione odierna che in quella antica riporta un gambale simbolo della famiglia Gambella. Dopo numerosi altri passaggi alla proprietà del paese, nel 1527 subì l'attacco da parte delle truppe francesi di Renzo Orsini per poi passare ancora tra diverse mani prima del riscatto del 1838. La storia dell'agricoltura e allevamento sorsese ha portato alla luce terreni adattissimi a tutte le colture e scarsi pascoli che provvedevano al sostentamento del paese mentre l'eccedenza era venduta a Sassari e Porto Torres.

Borgo di Sorso
Comune di Sorso
Provincia di Sassari
Regione Sardegna

Abitanti: 14.714
Altitudine centro: 136 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Città del vino

Riconoscimenti
Bandiera Blu

Il Comune
Piazza Garibaldi - Sorso (SS)
Tel. 079-339200

IN TRENO

  • Stazione di Sassari
  • Stazione di Ozieri Chilivani

IN AEREO

  • Aeroporto di Alghero
  • Aeroporto di Olbia-Costa Smeralda

Dormire, mangiare, comprare...

Eventi

giovedì
11
febbraio, 2021

Madonna di Lourdes

da
domenica
28
marzo, 2021
a lunedì 5 aprile 2021

Settimana Santa

sabato
22
maggio, 2021

Santa Rita da Cascia

mercoledì
26
maggio, 2021

Beata Vergine di Noli Me Tollere

domenica
13
giugno, 2021

Sant'Antonio da Padova

mercoledì
7
luglio, 2021

San Costantino

da
domenica
25
luglio, 2021
a martedì 27 luglio 2021

San Pantaleo

lunedì
26
luglio, 2021

Sagra della melanzana

lunedì
2
agosto, 2021

Madonna degli Angeli

martedì
10
agosto, 2021

Calici di Stelle

domenica
15
agosto, 2021

Maria Assunta in Cielo

sabato
28
agosto, 2021

Santa Monica

martedì
14
settembre, 2021

Esaltazione della Croce

da
giovedì
16
settembre, 2021
a sabato 18 settembre 2021

Water Music Festival

Dal blog

“Ci si gode, tanto del ber quant’è grande la sete”. Così scrisse il sommo poeta italiano Dante Alighieri (1265-1321) nel XX canto del Purgatorio della sua universalmente nota Divina Commedia. Nello stesso periodo, le bevande “spiritose” iniziavano il loro inarrestabile cammino verso la popolarità. L’elisir di Sardegna è il Mirto, liquore con una gradazione alcolica di 30-35 gradi che si ottiene mediante infusione idroalcolica a freddo o delle bacche di colore violaceo scuro o...
Continua
cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950