La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

Nemi


Condividi
Nemi è il borgo più piccolo dei Castelli Romani e si trova al centro dei Colli Albani. Noto per la coltivazione delle fragole sulle sponde del Lago di Nemi, ogni anno, la prima domenica di giugno, si svolge la relativa sagra. Il centro storico è situato in posizione panoramica sull'omonimo lago, celebre per essere stato il luogo del ritrovamento nel 1927-1932 di due navi celebrative romane dell'età dell'imperatore Caligola.
  • Borgo di lago
  • Borgo con parco
  • Agibile ai disabili
  • Area sosta camper
  • Paesi Bandiera Arancione
Lago di Nemi  | Fabianodp/shutterstock
Lago di Nemi
Fabianodp/shutterstock
Nemi  |
Nemi
Nemi  | Stefano_Valeri/shutterstock
Nemi
Stefano_Valeri/shutterstock
Nemi  | ValerioMei/shutterstock
Nemi
ValerioMei/shutterstock
Nemi  | Shevchenko Andrey/shutterstock
Nemi
Shevchenko Andrey/shutterstock
Nemi  | ValerioMei/shutterstock
Nemi
ValerioMei/shutterstock
Nemi  |
Nemi
Nemi  | ValerioMei/shutterstock
Nemi
ValerioMei/shutterstock
Nemi, Museo delle Navi Romane  |
Nemi, Museo delle Navi Romane
Uno sguardo a Nemi
Uno sguardo a Nemi

Eventi

sabato
1
maggio, 2021

Festa patronale dei santi apostoli Filippo e Giacomo

Sul borgo

Posizionato quasi al centro dei Colli Albani, Nemi è il borgo più piccolo dei Castelli Romani, noto per la coltivazione delle fragole sulle sponde del Lago di Nemi e per la relativa sagra che si svolge ogni anno la prima domenica di giugno.

Il centro storico è situato in posizione panoramica sul Lago di Nemi, celebre per essere stato il luogo del ritrovamento nel 1927-1932 di due navi celebrative romane dell'età dell'imperatore Caligola.
Durante la seconda guerra mondiale, nella notte tra il 31 maggio ed il 1° giugno 1944 il museo e le due navi andarono a fuoco, pare per un incendio appiccato da alcuni soldati tedeschi. Oggi nel museo sono custoditi dei modellini in scala.

Il territorio nemese apparteneva in età antica alla città latina di Aricia e qui si trovava il tempio di Diana Aricina o Nemorense, consacrato alla dea Diana. L'ubicazione di questo importante santuario è stata comunemente identificata fin dal Seicento presso le sponde settentrionali del lago di Nemi. Il tempio divenne il centro religioso della Lega Latina dopo la distruzione di Alba Longa alla metà del VI secolo a.C., e fu frequentato fino all'inizio del V secolo, con un periodo di grande ampliamento tra il II secolo a.C. ed il I secolo.

Il borgo cominciò ad esistere solo quando fu edificato il castello, attorno al IX secolo. La potente famiglia dei Conti di Tuscolo molto probabilmente si impadronì della comunità agricola residente nella valle del lago, come già controllava gran parte dell'Agro Romano e dei Colli Albani. I nuovi padroni fortificarono la zona più elevata, posizione forte e selvaggia che dominava tutto il lago ed era inattaccabile da tre lati, dando origine a quello che nei testi dell'epoca viene definito più volte "castrum Nemoris", cioè letteralmente "la cittadella del bosco". La popolazione di contadini e pescatori che viveva sparsa nella valle del lago trovò più sicuro avvicinarsi al fortilizio tuscolano, e costruì la parte più antica di Nemi, quella che oggi è detta "Pullarella". Con la morte di Alessandro VI nel 1503 e la caduta dei Borgia, il feudo di Nemi tornò ai Colonna.

Dopo che nel 1566 subentrò nella proprietà Francesco Cenci, nel dicembre 1571 Marcantonio Colonna, fresco ammiraglio vincitore nella celebre battaglia di Lepanto, rinunciò al diritto di retrovendita su Nemi, perciò nel 1572 il feudo venne venduto infine a Muzio Frangipane. Nemi è stato a lungo uno dei paesi più appartati dei Castelli Romani: l'abbandono della via postale tra Roma e Napoli, che ricalcava grossomodo il tracciato dell'attuale Strada statale 217 Via dei Laghi, seguito alla riapertura della via Appia Nuova attorno al 1780 fece sentire le sue ripercussioni anche sul paese. Tuttavia, la posizione pittoresca del centro abitato con il suo lago ed i suoi boschi attirò numerosi visitatori stranieri del "Grand Tour", come Barthold Georg Nieburg, Charles Gounod, Charles Didier, Massimo d'Azeglio, James Frazer.

Il fascismo fece capolino ai Castelli Romani il 27 aprile 1921, quando alcuni squadristi fecero un giro di propaganda a Frascati, Marino ed Albano Laziale. A Nemi i fascisti non ebbero vita facile, avversati dal Partito Popolare Italiano.

Meritano sicuramente una visita il Santuario del Santissimo Crocifisso, il Palazzo Ruspoli, il Museo delle Navi Romane e i resti del Tempio di Diana.

I piatti tipici di Nemi sono le fettuccine ai funghi porcini, polenta e salsicce, minestra di "gialloni" (fagioli borlotti) con la santoreggia, baccalà "in guazzetto" (ammollito per cinque giorni), la "coratella" (l'intestino) dell'abbacchio con le fave, la pizza ripiena.

Borgo di Nemi
Comune di Nemi

Città Metropolitana di Roma Capitale
Regione Lazio

Abitanti: 1.910
Altitudine centro: 521 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Paesi bandiera arancione

Aree naturali protette:
Parco regionale dei Castelli Romani

Comune di Nemi
Piazza del Municipio 9 - Nemi (RM)
Tel. +39 06 9365011

IN AUTO

  • Percorrendo l'autostrada le uscite più vicine al centro di Nemi sono:
    Uscita San Cesareo (A1 dir diramazione Roma Sud)
    Uscita Monte Porzio Catone (A1 dir diramazione Roma Sud)
    Uscita Valmontone (A1 Milano-Napoli)
    Uscita Ponte Nona (A24 Roma-Teramo)

IN TRENO

  • Stazione di Albano Laziale
  • Stazione di Lanuvio
  • Stazione di Roma Ostiense
  • Stazione di Roma Tiburtina

IN AEREO

  • Aeroporto di Roma-Ciampino 
  • Aeroporto di Roma-Fiumicino

Dormire, mangiare, comprare...

Yachting Experience
Via Amerigo Vespucci, 5 - 00048, Nettuno (Roma)
29.27 Chilometri da Nemi
cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950