La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

Castelnuovo Val di Cecina


Condividi
Un borgo collinare a forma di grappolo d'uva, Castelnuovo Val di Cecina è si presenta caratteristico per la sua omogeneità architettonica, le viuzze strette e tortuose lastricate di pietra, le porte medioevali, gli scorci sulla vallata. Da qui partono percorsi naturalistici che raggiungono luoghi di interesse storico, come il ponte sul torrente Pavone, o panoramici da cui si possono ammirare la Valle del Cornia e il Golfo di Piombino.
  • Agibile ai disabili
  • Area sosta camper
  • Paesi Bandiera Arancione
Castelnuovo Val di Cecina  | sladkozaponi/shutterstock.com
Castelnuovo Val di Cecina
sladkozaponi/shutterstock.com
Castelnuovo Val di Cecina  | robertonencini/shutterstock.com
Castelnuovo Val di Cecina
robertonencini/shutterstock.com
Castelnuovo Val di Cecina  | Toscana Promozione Turistica
Castelnuovo Val di Cecina
Toscana Promozione Turistica
Castelnuovo Val di Cecina, Piazza del Popolo  | Toscana Promozione Turistica
Castelnuovo Val di Cecina, Piazza del Popolo
Toscana Promozione Turistica
Montecastelli  | robertonencini/shutterstock.com
Montecastelli
robertonencini/shutterstock.com
Video di AnBerProds

Eventi

lunedì
9
novembre, 2020

San Salvatore - Santo Patrono

Sul borgo

Castelnuovo Val di Cecina è un borgo collinare, in provincia di Pisa, la cui caretteristica sta per la forma a grappolo d'uva.
Di origini etrusche, acquistò importanza nel medioevo quando divenne un borgo fortificato della Repubblica pisana sui confini di quella di Siena.

Castelnuovo Val di Cecina si presenta caratteristico per la sua omogeneità architettonica, le viuzze strette e tortuose lastricate di pietra, le porte medioevali, gli scorci sulla vallata. La chiesa parrocchiale conserva un bellissimo crocifisso del i primi del trecento considerato uno degli esempi più pregiati della scuola scultorea pisana. L’Oratorio di San Rocco e la chiesa del borgo completano l’itinerario dei luoghi sacri.
Il territorio comunale presenta una morfologia variegata che spazia dall'ambiente appenninico alla macchia mediterranea per poi farsi nuovamente collinare con vigneti e oliveti. Da Castelnuovo partono percorsi naturalistici che raggiungono luoghi di interesse storico, come il ponte sul torrente Pavone, o a punti panoramici da cui si possono ammirare la Valle del Cornia e il Golfo di Piombino.

Nei dintorni sono presenti siti archeologici del periodo etrusco e romano. Nei pressi del borgo fortificato di Montecastelli si segnalano la Buca delle Fate, un ipogeo etrusco del VI secolo a.C, e i resti delle miniere di rame, inattive dal 1941. Dopo una lunga campagna di scavi è di nuovo visitabile l’area termale del Bagnone, un complesso ellenistico del III secolo a.C. da cui ancora oggi sgorgano sorgenti d’acqua con temperatura tra i 40 e i 70 gradi. Nel borgo medievale della Leccia si trova la cappella dedicata alla Madonna del Latte, di cui si celebra la festa il 14 giugno invocandone la protezione dalla grandine.


In una giornata soleggiata e mite, si passeggia tra le strette e tortuose viuzze lastricate in pietra del borgo dalla caratteristica forma di pigna, affacciandosi ogni tanto a una delle sue porte medievali. Fermandosi a prendere fiato, si volge lo sguardo verso la vallata, godendo del panorama grazie a qualcuno dei suoi suggestivi, improvvisi scorci. Si è fatto già autunno, ma il tempo è ancor bello, ideale per un’escursione nei dintorni di Castelnuovo, tra i folti boschi di castagno che ricoprono il paesaggio circostante, colorandolo di giallo, rosso, marrone. Si cammina fino al torrente Pavone, con i suoi due splendidi ponti rinascimentali. Ma altrettanto godevoli sono le passeggiate all’interno del borgo, che sa di Medioevo. Nella sua omogeneità architettonica, si presenta intatto e omogeneo. La chiesa parrocchiale conserva un crocifisso dei primi del Trecento, opera di enorme pregio della scuola scultorea pisana. Se ci si spinge fino alla frazione di Sasso, dove ha inizio la vallata del fiume Cornia, è possibile osservare i fenomeni naturali delle “putizze” (esalazioni fredde di gas) e delle “fumarole” (emissioni gassose accompagnate da vapore), espressioni dell’intensa attività geotermica che caratterizza da millenni il sottosuolo di queste zone. La passeggiata si può concludere in questa località, nella quale si possono ammirare anche i resti di un antico impianto termale etrusco.

Scopri gli altri borghi sulla guida Toscana - Borghi Da Amare

Borgo di Castelnuovo Val di Cecina
Comune di Castelnuovo Val di Cecina
 
Provincia di Pisa
Regione Toscana

Abitanti: 2.231
Altitudine centro: 576 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Paesi bandiera arancione

Il Comune
Via G. Verdi 13 - Tel. +39 0588 23511

IN AUTO

  • Da Nord: A Milano prendere l'autostrada A1, seguire la direzione La Spezia - Parma Ovest, continuare sull'autostrada A15 e seguire la direzione Genova - Livorno, proseguire sull'autostrada A12, uscire a Rosignano Marittimo e continuare sulla SS 1, uscire a Cecina Nord, attraversare Saline di Volterra e proseguire sulla SS 439 seguendo le indicazioni per Castelnuovo di Val di Cecina.
  • Da Sud: A Roma prendere l'autostrada A12 in direzione di Civitavecchia, continuare sulla SS 1 in direzione di Grosseto, uscire a Scarlino, continuare in direzione di Massa Marittima e proseguire sulla SS 439 fino a Castelnuovo di Val di Cecina.

IN TRENO

  • Stazione di Saline di Volterra

IN AEREO

  • Aeroporto di Pisa
  • Aeroporto di Firenze

Dal blog

Tra le più belle città toscane e d’Italia, Pisa regala scorci di rara bellezza, tanto che, mentre ci si allontana, spesso vien voglia di voltarsi per cercare ancora una volta d’appoggiar lo sguardo sui piani alti della torre pendente, che domina uno degli angoli dai contenuti architettonici più belli ed emozionanti del mondo. La straordinarietà di Pisa e del suo territorio non sono solo i suoi inestim...
Continua
cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950