La più grande risorsa online su turismo lento e borghi

Fossombrone


Condividi
Fossombrone è un’antica cittadina di origini romane posta nella media valle del Metauro, lungo il percorso dell'antica Flaminia. Nel borgo fortificato, a dominio della città ci sono i resti della Rocca Malatestiana, a pianta pentagonale, nel cui cortile sorge la Chiesa di S. Aldebrando.
  • Agibile ai disabili
  • Area sosta camper
Fossombrone  |
Fossombrone
Fossombrone, Ponte della Concordia  |
Fossombrone, Ponte della Concordia
Fossombrone  | @tizianabanchetti
Fossombrone
@tizianabanchetti
Fossombrone, Chiesa Zandri  | Angelini
Fossombrone, Chiesa Zandri
Angelini
Fossombrone  | Angelini
Fossombrone
Angelini
Fossombrone, Corte Alta  | Foto Paci
Fossombrone, Corte Alta
Foto Paci
Chiesa di Sant'Agostino  | Foto Paci
Chiesa di Sant'Agostino
Foto Paci
Fossombrone, Corte Alta  | Cinzia Mercuri
Fossombrone, Corte Alta
Cinzia Mercuri
Fossombrone  | Foto Paci
Fossombrone
Foto Paci
Corso Garibaldi  | Foto Paci
Corso Garibaldi
Foto Paci
Fossombrone  | Luca Toni
Fossombrone
Luca Toni
Parco archeologico Forum Sempronii  | Gloria Mei
Parco archeologico Forum Sempronii
Gloria Mei
Chiesa di San Filippo  | Foto Paci
Chiesa di San Filippo
Foto Paci
Casa museo e Quadreria Cesarini  | Luca Toni
Casa museo e Quadreria Cesarini
Luca Toni
Fossombrone, Museo Civico Vernarecci  |
Fossombrone, Museo Civico Vernarecci
Uno sguardo a Fossombrone
Uno sguardo a Fossombrone

Sul borgo

Fossombrone (Fossombron in dialetto gallo-piceno) è il maggiore tra i borghi della media val Metauro, caratterizzato da un centro storico d'impronta medievale, disteso sul pendio di un colle e dominato da una Cittadella e dai ruderi della Rocca malatestiana. Il nome Fossombrone deriva certamente da Forum Sempronii nome dell'antico centro romano legato a sua volta alla figura del tribuno Gaio Sempronio Gracco capitato in queste zone nel 133 a.C. per l'applicazione della legge agraria.

L'abitato di Forum Sempronii, a 164 miglia da Roma, era situato più a est dell'attuale Fossombrone, in località San Martino del Piano, fu presto elevato al rango di municipio (I secolo a.C.) e conobbe un periodo di splendore in epoca imperiale. L'antica città fu devastata dai Goti guidati da Alarico, in transito verso Roma nel 409 d.C. Dopo tante rovine gli abitanti costruirono il nuovo centro sul colle che sovrasta l'attuale città. In epoca longobarda il suo territorio fu teatro di una dura battaglia tra il re Liutprando e il ribelle duca di Spoleto Trasmondo che vinto, fu deposto e chiuso in un convento.

Fossombrone come risulta dai documenti scritti, rimase fuori dal dominio della Chiesa fino al 999, dopo di che passò sotto il potere di papa Silvestro II. Nei primi anni del XIV secolo lo Stato della Chiesa investì la famiglia Malatesta a signori della città, e nel loro duro governo provvidero alla costruzione di imponenti fortificazioni. Nel 1444 Galeazzo Malatesta, signore di Pesaro, vendette la città al conte Federico da Montefeltro, sotto la cui signoria, Fossombrone godette di un periodo di prosperità per il fiorire di produzioni di lana, carta, seta e per il rinnovamento edilizio.

A Federico succedette il figlio Guidobaldo che vi dimorò quasi costantemente a causa dell'amenità del luogo e per il clima salubre, succedette Francesco Maria I della Rovere nipote di Guidobaldo. Sotto i duchi Della Rovere la città fu notevolmente ampliata, Francesco Maria II nel 1616 fece espandere l'abitato nella zona pianeggiante al di sotto del colle fino a toccare il fiume Metauro. Nel 1631 essendosi estinta la famiglia Della Rovere, l'intero ducato d'Urbino, e quindi anche Fossombrone, passò sotto il diretto controllo dello Stato della Chiesa, del cui stato fece parte sino al 1860 anno di annessione al Regno d'Italia di cui seguì da allora le vicende storiche.

Danno un certo rilievo a Fossombrone alcune vie e quartieri del centro storico nati intorno al XV e XVI secolo, nel periodo in cui la cittadina fu eletta residenza di campagna della famiglia Della Rovere. Grande rilievo assume corso Garibaldi per i suoi palazzi quattro-cinquecenteschi come palazzo Staurenghi, Cattabeni, comunale e vescovile anche se hanno perso molto del loro antico splendore eccezion fatta per la Corte alta. Tra gli edifici ecclesiastici sono degni di nota le chiese di San Filippo, San Francesco, Sant'Agostino, Sant'Aldebrando sulla cittadella e la Cattedrale. Degno di nota il monumento 'il gemellaggio', fusione in bronzo dell'artista Andrea Corradi.

Meritano sicuramente una visita il Museo Archeologico 'Augusto Vernarecci', la Casa museo e quadreria Cesarini, il Ponte della Concordia, simbolo del borgo, e il Parco archeologico Forum Sempronii.

Borgo di Fossombrone
Comune di Fossombrone

Provincia di Pesaro e Urbino
Regione Marche

Abitanti: 9.528 (8.268 nel borgo)
Altitudine centro: 118 m s.l.m.

Aree naturali protette:
Riserva naturale statale Gola del Furlo

Comune di Fossombrone
Corso Giuseppe Garibaldi 8 - Fossombrone (PU)
Tel. +39 0721 7231

= distanze in linea d'aria

IN AUTO

  • Da Nord e da Sud: Prendere l'autostrada A14 (da nord: in direzione di Ancona; da sud: in direzione di Napoli e poi di Pescara), uscire a Fano e proseguire sulla SS 3 (Via Flaminia) in direzione Roma, continuare sulla SS 73 Bis, uscire a Fossombrone Est e seguire la direzione Fossombrone.

IN TRENO

  • Stazione Ferroviaria di Fano

IN AEREO

  • Aeroporto Ancona
  • Aeroporto di Rimini 

VIA MARE

  • Porto di Pesaro
  • Porto di Ancona 
Sei un operatore turistico?

Dormire, mangiare, comprare...

Azienda Agricola BIO
Via Ghetto, 6, 61012, Gradara (Pesaro e Urbino)
27.52 Chilometri da Fossombrone
= distanze in linea d'aria

Fossombrone è sul numero 16 della nostra rivista digitale e-borghi travel.
Sfogliala ora gratis!

Eventi

domenica
1
maggio, 2022

Sant'Aldebrando

Dal blog

L’Itinerario della bellezza è un progetto realizzato dalla Confcommercio di Pesaro e Urbino/Marche Nord che ha saputo creare una “rete” di ben 12 Comuni che le hanno affidato il compito di promuovere e valorizzare a livello nazionale e internazionale il ricco patrimonio artistico, culturale, ambientale ed enogastronomico. E ciò utilizzando tutte le strategie e gli strumenti del marketing turistico. Sant'Angelo ...
Continua
Incastonata come una gemma nel cuore dell'Italia la piccola regione delle Marche attira i visitatori con i suoi paesaggi incontaminati: vagabondare tra le sue tra dolci colline, scoprirne i borghi medievali e spingersi fino alle acque cristalline delle sue spiagge è un piacere per il corpo e per la mente. E che cosa dire della cucina locale? Semplice e saporita rispecchia l'anima di questa regione e costituisce parte integrante della vacanza. In questo articolo assaporeremo 5 incantevoli borghi marchigiani attraverso i...
Continua
cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2021 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Via Achille Grandi 46, 20017, Rho (Milano) | 02 92893360