La più grande risorsa online su turismo lento e borghi

Milazzo


Condividi
Meta turistica e ideale punto di partenza per le Isole Eolie, il Parco dei Nebrodi e Tindari, il patrimonio culturale di Milazzo si basa sulla presenza di chiese, conventi, monasteri e palazzi nobiliari. Il monumento più importante della città è il Castello: bene nazionale e dell'Unione europea, si estende su un'area di oltre 7 ettari, costituisce una vera e propria cittadella.
  • Borgo di mare
  • Borgo con castello
  • Agibile ai disabili
  • Area sosta camper
  • Borghi più belli d'Italia
  • Città del vino
Capo Milazzo  |
Capo Milazzo
Il Castello  |
Il Castello
Milazzo  |
Milazzo
Milazzo  |
Milazzo
Milazzo, Castello  |
Milazzo, Castello
Milazzo, fontana di Piazza del Carmine  |
Milazzo, fontana di Piazza del Carmine
Milazzo, Capo Milazzo  |
Milazzo, Capo Milazzo

Sul borgo

Milazzo, in Sicilia, è posta tra due golfi, quello omonimo a est e quello di Patti a ovest, in un luogo strategico della Sicilia nord-orientale. Meta turistica e ideale punto di partenza per le Isole Eolie, il Parco dei Nebrodi e Tindari. Il nome della città appare legato a quello del fiume Mela che, fino alla seconda metà del Cinquecento, sfociava nel porto naturale e caratterizza tutta l'idrologia della pianura alluvionale ai piedi del Monti Peloritani. L'origine dell'idronimo è da ricercarsi nell'Accadico “melu” o “milu”, col significato di “fiume che occasionalmente esonda”.  

Il patrimonio monumentale pervenuto, costituito da chiese, conventi e monasteri, e palazzi nobiliari, attesta la formazione dell'impianto del borgo primitivo tra il XV e il XVIII secolo. L'aumento della popolazione, il crescente sviluppo urbanistico, la necessità di acquisire nuovi spazi, una relativa sicurezza dovuta allo scemare degli attacchi di barbari o di pirati grazie a nuovi sistemi difensivi, l'esercizio di attività legate alla pesca e alla marineria in generale, porta alla costituzione di nuclei abitativi e lavorativi posti al di fuori del perimetro della Città Murata.
Sulla direttrice nord - sud e verso levante sorgono gli insediamenti fuori le mura che danno origine al primitivo Borgo antico di Milazzo. Le propaggini del costituendo borgo raggiungono i versanti marini di levante e di ponente dovute all'intensificazione delle attività legate alla pesca mentre più a sud si concentrano le attività portuali e commerciali che perpetuano le tradizioni millenarie della popolazione milazzese.

Al pari degli Arabi, nell'opera d'urbanizzazione inconsapevolmente sono distrutti o ricoperti o rinvenuti o parzialmente rimodulati interessanti insediamenti delle varie epoche. Il monumento più importante della città è il Castello: bene nazionale e dell'Unione europea, si estende su un'area di oltre 7 ettari, costituisce una vera e propria cittadella. Le prime fortificazioni sono databili all'intervento romano-bizantino, con un castrum. Nell'843 gli Arabi diedero vita al primo nucleo dell'odierno castello, sulle rovine delle vecchie dominazioni. Successivamente, i Normanni e gli Svevi, aggiunsero altre strutture, gli Aragonesi ne adeguarono l'impianto difensivo, gli Spagnoli lo circondarono di una poderosa cinta muraria. Particolare interessante è un disegno stilizzato il pietra lavica in uno spigolo delle mura medievali. Divenuta cittadelle fortificata, nel 1860 fu l'ultimo baluardo borbonico prima della conquista di Messina da parte dei Mille di Garibaldi.


Fondata dai greci di Zancle (Messina), Milazzo fu abitata già prima a partire dal 4000 a.C. (età neolitica). Mylae si rese indipendente da Zancle sino al 550 a.C. Nel 427 a.C., fu assediata dall'ateniese Lachete. Dopo successive e numerose vicende che la videro contesa, la città fu sottratta ai Mamertini, nel 270 a.C., dal siracusano Gerone II uscito vittorioso da una difficile battaglia combattuta nei “Campi Milesi”. Nel 260 a.C. le acque di Mylae divennero nuovamente teatro di battaglie, con lo scoppio della prima guerra punica, in cui si verificò il trionfo navale di Caio Duilio sull'armata dei Cartaginesi di Annibale Barca. Ciò permise l'affermarsi dell'egemonia romana sul mare. Nel 36 a.C. avvenne un'ulteriore battaglia decisiva, tra l'Imperatore Ottaviano e Sesto Pompeo. La città divenne importante base navale, tanto che l'Imperatore romano concesse il riconoscimento civico con l'aquila e con il motto “Aquila mari imposita– Sexto Pompeo superato”. Sotto il dominio dei Bizantini, Milazzo fu una tra le prime sedi vescovili della Sicilia. Con la sua espugnazione avvenuta nell'843 da parte di Fadhl Ibn Giafar, iniziò la dominazione musulmana. Durante questo periodo fu messa a capo di una nuova circoscrizione territoriale denominata "Vallo di Milazzo" e divenne un florido centro agricolo e commerciale. Nel 1101 fu occupata da Ruggero d'Altavilla o Il Normanno, fu incorporata nel demanio regio e vide il potenziamento dell'importante Castello da parte di Federico II di Svevia e di Alfonso V d'Aragona, inserito fra i "castra exenta" sotto la diretta giurisdizione reale. L'antico Vallo di Milazzo assunse la denominazione di "Comarca di Milazzo" con una potestà riservata ai magistrati civici, militari e giudiziari che durò sino al XVIII secolo. Nella guerra del Vespro del 1282 Milazzo venne alternativamente occupata dai due sovrani contendenti Carlo I d'Angiò e Pietro d'Aragona. Negli ultimi mesi del 1295 si tenne l’Assise del Real Parlamento di Sicilia convocato da Federico III d'Aragona, per valutare il tradimento del fratello Giacomo che si era impegnato a cedere, dopo averne cacciato il fratello, l'intera isola a Carlo I d'Angiò. Accresciuta d'importanza e nuovamente potenziata da imponenti fortificazioni per opera degli spagnoli, fu più volte sede dei Viceré e dei Luogotenenti di Sicilia. Ebbe numerosi privilegi civili, militari ed economici grazie ai monarchi spagnoli, ma già avuti in precedenza da Federico di Svevia, Federico d'Aragona, Giacomo II d'Aragona, Martino II ed Alfonso V.Nel 1523 il Viceré Ettore Pignatelli vi soffocò la congiura contro la corona di Spagna promossa dai fratelli Imperatore; nel 1539 vi ritrovò rifugio il viceré Ferdinando Gonzaga dalla rivolta popolare di Messina. Vanamente assalita nel luglio 1544 dall'armata barbaresca di Hajreddin Barbarossa, nell'agosto 1571 fu scelta da Don Giovanni d'Austria quale centro di raduno e d'imbarco del contingente siculo-spagnolo aggregato all'armata cristiana alla fonda a Messina e prossima a conseguire la vittoria sui turchi ottomani nella battaglia di Lepanto. Gli ultimi guizzi del dominio spagnolo si esaurirono nel 1713 quando, la sovranità della Sicilia passò a Vittorio Amedeo II di Savoia. Durante i moti risorgimentali del 1848 Milazzo fu al centro degli avvenimenti legati all'assedio e all'eroica difesa di Messina. Il 20 luglio 1860, Giuseppe Garibaldi, coronando con la cruenta battaglia campale vinta sui Borbone, pose i presupposti per la liberazione di tutta l'Italia meridionale e per il compimento dell'unità nazionale. Con l'avvento del Regno d'Italia, la città perse la sua importanza strategica - militare ed il Castello nel 1880, su ordine nazionale, venne declassato da piazzaforte reale a carcere giudiziario.

Borgo di Milazzo
Comune di Milazzo

Provincia di Messina
Regione Sicilia

Abitanti: 31.646
Altitudine centro: 1 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
I Borghi più belli d'Italia - Ospite Onorario
Borghi Marinari
Città del vino
Strada del Vino della Provincia di Messina

Il Comune
Via F. Crispi - tel: 0909231111

= distanze in linea d'aria

IN AEREO

  • Aeroporto di Palermo
  • Aeroporto di Catania

Dormire, mangiare, comprare...

Trova dove dormire a Milazzo

...oppure guarda nelle vicinanze

Riviera Azzurra Hotel-Ristorante
Ad Olivieri, in provincia di Messina, l'Hotel Ristorante Riviera Azzurra è la location perfetta p...
Via Del Mare, 1, Oliveri (Messina)
18.87 Chilometri da Milazzo
= distanze in linea d'aria

Eventi

domenica
31
ottobre, 2021

Festa dei Maghi e delle Streghe

da
lunedì
1
novembre, 2021
a lunedì 15 novembre 2021

Sagra di San Martino

venerdì
10
dicembre, 2021

Festa dell'Accensione

da
lunedì
1
agosto, 2022
a lunedì 15 agosto 2022

Sagra della Melanzana

da
lunedì
1
agosto, 2022
a lunedì 15 agosto 2022

Sagra del Pesce Fresco

domenica
4
settembre, 2022

Festa patronale Santo Stefano Protomartire

Dal blog

Prendere un traghetto per visitare la Sicilia o le isole Egadi è senza dubbio un modo di assaporare questi luoghi in tutta comodità. Con partenze da Genova, Livorno, Civitavecchia, Napoli, Salerno, Vibo Valentia, Reggio Calabria, Cagliari o anche da Tunisi, andare alla scoperta della terra di Trinacria non è mai stato così semplice. Affidandoci ad alcuni portali online avremo la possibilità di scegl...
Continua

Le nostre collaborazioni

cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2021 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Via Achille Grandi 46, 20017, Rho (Milano) | 02 92893360