La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

Treia


Condividi
Treia è un comune situato a nord della valle del fiume Potenza. Centro del borgo è la Piazza della Repubblica con i suoi edifici pubblici e religiosi. La specialità di Treia è il “calcione”, un dolce tipicamente pasquale con il ripieno al formaggio, al quale è dedicata una sagra che ha luogo nel mese di maggio. Tra fine luglio e inizio agosto imperdibile è la rievocazione storica " Disfida del Bracciale".
  • Borgo in montagna
  • Agibile ai disabili
  • Area sosta camper
  • Borghi più belli d'Italia
Treia  |
Treia
Treia  | Ivan Pisoni
Treia
Ivan Pisoni
Treia  |
Treia
Treia  | Simona Poerio
Treia
Simona Poerio
Treia  | Simona Poerio
Treia
Simona Poerio
Treia  | Ivan Pisoni
Treia
Ivan Pisoni
Treia  |
Treia
Treia vista da Paterno  |
Treia vista da Paterno
Treia  |
Treia
Treia  | Ivan Pisoni
Treia
Ivan Pisoni
Treia  | Ivan Pisoni
Treia
Ivan Pisoni
Treia  | Ivan Pisoni
Treia
Ivan Pisoni
Treia  | Simona Poerio
Treia
Simona Poerio
Treia  | Simona Poerio
Treia
Simona Poerio
Treia  | Simona Poerio
Treia
Simona Poerio
Treia  | Ivan Pisoni
Treia
Ivan Pisoni
Treia  | Simona Poerio
Treia
Simona Poerio
Treia  | Simona Poerio
Treia
Simona Poerio
Treia  | Simona Poerio
Treia
Simona Poerio
Treia  | Simona Poerio
Treia
Simona Poerio
Treia  | Simona Poerio
Treia
Simona Poerio
Treia  | Ivan Pisoni
Treia
Ivan Pisoni
Treia  |
Treia
Uno sguardo a Treia
Uno sguardo a Treia

Eventi

domenica
23
agosto, 2020

San Patrizio

martedì
8
dicembre, 2020

Fierucola delle Eccellenze Bioregionali

Sul borgo

Il centro storico di Treia è posto su una lunga e stretta sella di arenaria dalla quale è visibile tutta la valle del Potenza. L'antica Treia sorgeva nella zona del Santuario del Santissimo Crocifisso, ove in un campo è ancora visibile la forma di un anfiteatro, ed è possibile ancora trovare frammenti di epoca romana, oltre a quelli inseriti nei muri del convento. Fondata o dai Piceni in epoca pre-romana o dai Sabini intorno al IV secolo a.C., prende nome da quello della dea Trea-Jana, divinità di origine greco-sicula che qui era venerata; prima colonia romana, poi municipio (109 a.C.), raggiunse una buona estensione urbana e notevole importanza militare. Treia fu distrutta una prima volta dai Visigoti nel V secolo e poi, tra il IX e X secolo, dai Saraceni, per cui gli abitanti la ricostruirono su tre piccoli colli vicini che permettevano una più facile difesa, dandole anche il nuovo nome di Montecchio (Monticulum o Monteclum: piccolo monte).

Fece parte del Ducato dei Varano di Camerino, fu sotto il dominio di Francesco Sforza, e passò poi allo Stato della Chiesa, riuscendo comunque, intorno all'XI-XII secolo, a darsi un proprio ordinamento comunale (nel 1157 si fa menzione dei due consoli) e ad avere una precisa fisionomia, tanto che fu costruito un imponente sistema difensivo comprendente i tre castelli dell'Onglavina, dell'Elce e del Cassero, la poderosa cerchia muraria e le diverse porte d'accesso. Nell'ambito dei contrasti tra Papato e Impero, la città fu cinta d'assedio una volta nel 1239, dall'esercito di re Enzo, figlio naturale di Federico II, e nel 1263, da quello di Corrado d'Antiochia, nipote di Federico II, sempre senza successo. Riuscirono anzi a far prigioniero lo stesso Corrado (si narra fingendo di arrendersi e calando la saracinesca della porta appena entrato Corrado con tutto lo stato maggiore), che però tornò in libertà dopo due mesi di prigionia nel castello del Cassero, forse per il tradimento del podestà Baglioni, lasciatosi corrompere dal nemico. Nel 1790 Pio VI con la bolla "Emixum animi nostri stadium" del 2 luglio la eresse al rango di "città", con l'antico nome di Treia. Il borgo fece parte dello Stato della Chiesa fino al 1860 quando, dopo la battaglia di Castelfidardo, fu annessa al Regno d'Italia.

Centro del borgo è la Piazza della Repubblica con i suoi edifici pubblici e religiosi: il Palazzo Comunale, con un bel porticato, frutto dell’unione di due palazzi avvenuta tra il XVI e il XVII secolo (da notare la diversa ampiezza dei portici) ospita anche la Pinacoteca Comunale nella Sala del Consiglio, nella Sala degli Stemmi e negli altri locali del piano nobile; la Chiesa di San Filippo che conserva un Crocifisso forse del XIII secolo e infine l’edificio dell’Accademia Georgica, realizzato da Giuseppe Valadier, dove si trova una ricchissima documentazione delle attività dell’Accademia nata nel ‘400 come Accademia dei Sollevati.

La Piazza ha un lato aperto delimitato da una balaustra della fine del ‘700 su cui si appoggia il monumento a Pio VI del 1785. Da questa balaustra ti affaccerai su bellissimo panorama verso il paesaggio collinare circostante. La città ha anche un grazioso Teatro Comunale costruito tra il 1805 e il 1817 e decorato con stucchi e dipinti lignei. Il Duomo, dedicato alla SS. Annunziata, è ottocentesco, ma la costruzione originale, di cui resta solo il campanile, risale al XII secolo. Nel convento della Chiesa di San Francesco è stato allestito il Museo civico Archeologico che conserva notevoli reperti che documentano le varie fasi della storia di Treia, dall’epoca della romana Trea.

Una passeggiata lungo le mura, molto ben conservate, ti permette di scoprire torri e porte antiche e di godere di panorami unici. Notevole è quello che si ammira dalla Torre dell’Onglavina, detta anche di San Marco, costruita su un alto sperone di arenaria, verso i Monti Sibillini fino ai monti dell’Abruzzo. Appena fuori dal centro, si trova il Santuario del Santissimo Crocifisso, sorto sull’antico insediamento romano di Trea. Di epoca romana sono anche alcuni reperti murati nel muro di recinzione, alla base del campanile e all’ingresso del convento.

La Roverella del Passo di Treia è un albero monumentale di circa 450 anni. Presenta un'altezza di 23 m, una circonferenza di 6,45 m ed è la quercia più imponente delle Marche.

Borgo di Treia
Comune di Treia

Provincia di Macerata
Regione Marche

Abitanti: 9.389
Altitudine centro: 342 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
I Borghi più belli d'Italia
Città della terra cruda
Unione Alte Valli del Potenza e Esino

Comune di Treia
Piazza della Repubblica 2 - Treia (MC)
Tel. +39 0733 218705

IN AUTO

  • Da Nord: Prendere l'autostrada A14 Bologna-Bari in direzione di Ancona, uscire ad Ancona Nord, seguire la direzione Roma, proseguire sulla SS 76, uscire a Jesi Centro, continuare sulla SP 9 in direzione di Filottrano, attraversare Filottrano e proseguire seguendo indicazioni per Treia.
  • Da Sud: Prendere l'autostrada A14 in direzione di Napoli, uscire a Civitanova Marche, immettersi sulla SS 77 in direzione di Tolentino/Macerata, uscire in direzione Macerata Ovest - Sforzacosta, proseguire in direzione Macerata, attraversare Sforzacosta e proseguire seguendo indicazioni per Treia.
  • Da Macerata: Prendere la SP 108, attraversare Passo di Treia e seguire le indicazioni per entrare in Treia.

IN AEREO

  • Aeroporto Ancona

VIA MARE

  • Porto di Ancona

Dormire, mangiare, comprare...

Ristorante Osteria del Foro
Località Castel San Angelo, 4, 62011, Cingoli (Macerata)
10.32 Chilometri da Treia
Comites - Agenzia Immobiliare
Borgo Danti Paolo 11, 62011, Cingoli (Macerata)
10.32 Chilometri da Treia

Dal blog

Si è svolta ieri al TTG Travel Experience, il principale marketplace del turismo B2B in Italia, la premiazione della Borghi Photo Marathon 2018, manifestazione fotografica organizzata da Yallers Italia in collaborazione con Borghi Magazine che ha visto gli appassionati di fotografia impegnati nel cogliere il meglio dei colori e delle emozioni dei borghi selezionati. Il presidente dell'associazione Yallers Italia, Giorgio Monticelli ha presentato con lo spirito dell'associazione l'evento, e congratulandos...
Continua
cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950