La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

Castagneto Carducci


Condividi
Posto al centro della Costa degli Etruschi, la storia del borgo è legata alle vicende della famiglia Della Gherardesca. Il castello medievale, e la chiesa di San Lorenzo, costituiscono il nucleo originario dell'abitato. L'economia di Castagneto Carducci è legata al turismo balneare ed enogastronomico, che, soprattutto d'estate, usufruisce delle numerose strutture ricettive del territorio.
  • Borgo con castello
  • Area sosta camper
  • Città del vino
  • Città dell'olio
Castagneto Carducci  |
Castagneto Carducci
Castagneto Carducci  |
Castagneto Carducci
Castagneto Carducci  |
Castagneto Carducci
Castagneto Carducci  |
Castagneto Carducci
Castagneto Carducci  |
Castagneto Carducci
Castagneto Carducci, Propositura di San Lorenzo  |
Castagneto Carducci, Propositura di San Lorenzo
Castagneto Carducci, Viale dei Cipressi a Bolgheri  |
Castagneto Carducci, Viale dei Cipressi a Bolgheri
Castagneto Carducci  |
Castagneto Carducci
Il Forte a Castagneto Marina  |
Il Forte a Castagneto Marina
Uno sguardo a Castagneto Carducci
Uno sguardo a Castagneto Carducci
Video di SItvchannel

Eventi

lunedì
10
agosto, 2020

San Lorenzo

Sul borgo

Castagneto Carducci si trova al centro della Costa degli Etruschi. Il toponimo deriva da castagno, per cui Castagneto ha il significato di bosco di castagni. Nel 1900 fu aggiunta la specificazione Marittimo (cioè della Maremma), che nel 1907 fu cambiata nell'attuale in onore di Giosuè Carducci, che da bambino vi abitò per alcuni anni. Il castello medievale, assieme alla chiesa di San Lorenzo, costituiscono il nucleo originario dell'abitato. La storia del borgo, al pari di quella di altri centri dell'antica Maremma pisana, è legata alle vicende della famiglia Della Gherardesca, un legame non sempre pacifico tra questo territorio e la nobile prosapia, difficili rapporti che nel corso dei secoli hanno visto la popolazione castagnetana lottare per i propri diritti di comunità indipendente e per la conquista degli usi civici.

Nel 754, il nobile longobardo Wilfrid, poi divenuto santo San Walfredo, capostipite della famiglia Della Gherardesca, aveva moltissimi possedimenti in Maremma e quando decise di farsi monaco benedettino e fondare il Monastero di San Pietro in Palazzuolo, a Monteverdi Marittimo, donò quelle sue proprietà al monastero medesimo; tra queste erano compresi Castagneto e altri territori limitrofi. I legami tra la famiglia Della Gherardesca e Castagneto proseguirono per tutta l'epoca medioevale; nel 1161, Federico il Barbarossa ufficializzò la proprietà di Castagnetum ai Gherardesca.

Sulla fine del XII secolo, Enrico VI di Svevia donò i castelli intorno a Castagneto, oltre a quelli Bibbona, Biserno, Campiglia e Vignale, alla città di Pisa come riconoscimento per l'aiuto dato all'imperatore nel conquistare territori dell'Italia meridionale; pertanto, i signori Della Gherardesca poterono godere dello status di capitano di giustizia ovvero un potere assoluto su questi territori. Il castello di Castagneto venne più volte attaccato tra il 1300 e il 1334 dai Gherardesca di Biserno, come conseguenza di lotte intestine tra i vari rami della famiglia; durante le guerre tra Pisani e Fiorentini i castelli di Castagneto e Bolgheri subirono danneggiamenti.

Castagneto subì nuove devastazioni a causa dei saccheggi ad opera dell'esercito di Alfonso di Aragona re di Napoli, in marcia verso Milano e in lotta contro Firenze, durante questi scontri venne distrutto il castello di Donoratico; inoltre Castagneto subì incursioni da parte di Carlo VIII di Francia che per di impossessarsi del trono di Napoli saccheggiava tutte le terre che trovava durante il suo percorso, ma subì saccheggi e attacchi anche da truppe al soldo di Massimiliano I.

Con l'annessione di Pisa da parte dei Fiorentini, nel XV secolo, la comunità di Castagneto poté usufruire di una maggiore autonomia; fu autorizzata a darsi statuti autonomi e la giustizia venne amministrata da un ufficiale dipendente direttamente dalla stessa Firenze; tuttavia i conti Della Gherardesca mantennero parte degli antichi privilegi e furono di fatto confermati signori di Castagneto, pretendendo benefici feudali come il diritto alla caccia, alla pesca e alla raccolta di legna da catasta. Ma tra la popolazione di Castagneto, che nutriva un forte senso di indipendenza, e il casato Della Gherardesca, già a partire dal XVI secolo si erano accese nette ostilità di cui sono testimoni diverse vicende storiche.

Nell'Ottocento, il conte Guido Alberto della Gherardesca attizzò nuovamente gli animi, avendo tentato di rientrare in possesso degli altri due usi civici, la caccia e la pesca, nelle tenute della famiglia Della Gherardesca; la reazione che ne seguì fu accompagnata da attentati e incendi dolosi alle proprietà del conte. Si accentuò così lo scontro tra la casata e gli abitanti dei borghi; protagonista degli scontri e sommosse fu Michele Carducci, padre del poeta Giosuè, che svolse la professione di medico condotto a Bolgheri dal 1838 al 1848; Giosuè nacque a Valdicastello in Versilia, ma al seguito del padre si trasferì prima a Bolgheri e poi a Castagneto, dove visse gli anni della sua giovinezza ricordati in molte sue opere.

Il dottor Carducci, di idee liberali, fu alla testa di un manipolo di contadini che si avvicinarono al castello nel quale vivevono i Della Gherardesca minacciandoli con colpi di fucile e sassaiole, costringendoli pertanto a ritirarsi a Castagneto. Il 6 gennaio 1849, con l'intervento del granduca Leopoldo II, il conte Guido Alberto fu costretto a distribuire le "preselle" (piccoli lotti di terreno boschivo e seminativo) agli abitanti di Castagneto. A seguito degli scontri la comunità cittadina chiese ed ottenne dal granduca di Toscana il cambio del nome di matrice fortemente feudale comunità di Gherardesca e Bolgheri venne così ripristinata la precedente denominazione dell'abitato, ovvero Castagneto della Gherardesca, successivamente venne aggiunto l'aggettivo marittimo e tolto il nome della famiglia.

Sul finire del secolo, si svilupparono nuove tensioni e nel 1907 si decise che il nome del comune perdesse l'aggettivo "marittimo", ribattezzando il paese come Castagneto Carducci, in onore del celebre poeta che qui visse gli anni della sua fanciullezza ed il cui padre fu uno dei più importanti oppositori ai diritti feudali imposti dai conti Della Gherardesca.

Meritano sicuramente una visita la Prepositura di San Lorenzo e il Museo Archivio, sede del parco letterario intitolato a Giosuè Carducci.

L'economia di Castagneto Carducci è legata al turismo balneare ed enogastronomico, che, soprattutto d'estate, usufruisce delle numerose strutture ricettive del territorio. Altra risorsa importante è rappresentata dalla produzione di vini pregiati, che hanno reso celebri nel mondo le cantine di Bolgheri e dintorni. Non da meno la produzione di olio extra vergine di oliva.


Giosué Carducci nasce a Val di Castelio, piccoÌo borgo nel comune di Pietrasanta. in Versilia. il 27 iuglio 1835. Si trasferisce a Bolgheri tre anni dopo, quando Michele, il padre. Ottiene la licenza di medico condotto nella contea di Donoratico, proprietà delia famiglia Della Gherardesca. In questo ambiente Giosue trascone un'infanzia serena. improntata allo studio dei classici che egli trova nella libleria paterna: "E io insieme alle opere del Manzoni lessi I'liade, I'Eneide, la Gerusalemme, La storia romana del Rollin e la Rivoluzione francese del Thiers".

Il fanciullo Giosue vive il clima politico della prima metà dell'800; suo padre, ex carbonaro e fervente repubblicano, si scontra con Ia parte più conservatrice del borgo e con i rappresentanti delle autorità locali: i conti Della Gherardesca ed il parroco Don Bussotti.

La notte del 21 maggio 1848 si sparano in direzione della finestra dello studio del dottor Michele. le famose ficilate in seguito alle quali la famiglia si trasferisce a Castagneto Marittimo dove risiede per circa un anno.
Mentre il padre partecipa attivamente alle vicende politiche castagnetane sostenendo le ragioni del popolo nei moti rivoluzionari del '48, il tredicenne Giosue va recitando presso le botteghe artgiane le poesie del Giusti, poeta satirico toscano, cui si ispira nei suoi primi componimenti poetici.

Quando i conti Della Gherardesca, allontanatisi a seguito dei moti del '48 rientrano a Castagneto Marittimo, il dottor Michele è costretto a fuggire per aver elargito in loro assenza, le saccate di terra ai braccianti e con la tamiglia si rifugia a Firenze.

Qui Giosue completa gli studi classici presso i padri Scolopi di San Giovannino ed incontra Elvira Menicucci, sua futura sposa. Accede per merito alla scuola Normale Superiore di Pisa dove nel 1855 si laurea a pieni voti in Filosofia e Filologia dopo solo due anni di studio.

Ricopre brevi e sporadici incarichi nei licei della Toscana iìno a quando Terenzio Mamiani, ministro clella Pubblica Istruzione del Regno d'Italia, gli offre la cattedra di Eloquenza Italiana presso I'Università di Bologna, dove insegna per quarantaquattro anni.

Durante gli anni dell'insegnamento universitario, partecipa alla vita politica ed intellettuale del tempo; nel 1862, dopo la battaglia di Aspromonte, abbraccia con fervore gli ideali repubblicani per poi mitigare, prima del 1890, le proprie idee politiche e avvicinarsi ai valori monarchici, ritenendo che in quel momento storico rappresentassero l'unica possibilità per mantenere l'Italia unita e laica.

Nel 1890 è nominato senatore a vita per meriti letterari.

Nel 1906 è il primo itaÌiano a ricevere il Premio Nobel per la letteratura.

Muore a Bologna il 16 febbraio 1907.

Borgo di Castagneto Carducci
Comune di Castagneto Carducci

Provincia di Livorno
Regione Toscana

Abitanti: 9.071 (3.311 nel borgo)
Altitudine centro: 194 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Città del vino
Città dell'olio
Strada del Vino e dell’Olio Costa degli Etruschi
Città dei bambini

Riconoscimenti
Bandiera Blu

Il Comune
Via Carducci 1 - Castagneto Carducci (LI)
Tel. +39 0565 778111

IN AUTO

  • Da Nord: Prendere l'autostrada A12 Genova - Livorno - Rosignano Marittimo, uscire a Rosignano Marittimo, seguire la direzione Roma e proseguire sulla SS 1 Livorno-Grosseto, uscire a Donoratico e seguire le indicazioni per Castagneto Carducci.
  • Da Sud: A Roma prendere l'autostrada A12 in direzione di Civitavecchia, continuare sulla SS 1 Aurelia in direzione di Grosseto, uscire a Donoratico e proseguire seguendo indicazioni per Castagneto Carducci.

IN TRENO

  • Stazione ferroviaria di Castagneto Carducci

IN AEREO

  • Aeroporto di Pisa 
  • Aeroporto di Firenze 

VIA MARE

  • Porto di Livorno 
  • Porto di Piombino

Dormire, mangiare, comprare...

Ristorante Dal Cacini
Il buon Cacini è una tappa obbligata per chi arriva in Val Cornia.
Via del Crocifisso, 3, Suvereto (Livorno)
10.60 Chilometri da Castagneto Carducci
Cantina Petra
Circa 300 ettari di terreno e vigneti accolgono la suggestiva architettura di Mario Botta, un gra...
Località San Lorenzo Alto, 131, Suvereto (Livorno)
16.37 Chilometri da Castagneto Carducci

Castagneto Carducci è sul numero 4 della nostra rivista digitale e-borghi travel.
Sfogliala ora gratis!

Dal blog

Quando si parla di Bolgheri, il tuo pensiero probabilmente correrà alla bellezza della Costa degli Etruschi, ma questo paese toscano è molto più di questo. Qui potrai scoprire lo spettacolo della campagna toscana, che ti delizierà con gli incredibili tesori culturali e naturali. In auto, a piedi, in bicicletta o a cavallo, questa regione offre una miriade di opportunità, soprattutto se stai cercando di immergerti in una cultura secolare immersa nella bellezza.La Toscana è una terr...
Continua
cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950