La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

Galatina


Condividi
Galatina è il centro del Salento. Il suo fascino risiede nella storia, raccontato dalle sue strade, i suoi palazzi e le sue chiese, prima ancora che in quella che si può scoprire nei libri. Entrare nel suo centro storico vuol dire lasciarsi stupire da un passato che ancora oggi emana suggestioni incredibili. Galatina invita, ogni giorno con un profumo diverso, a innamorarvi della sua cucina, dei suoi prodotti tipici e della sua artigianalità. Uno scrigno di magia da aprire e ammirare, vivendone ogni centimetro.
  • Agibile ai disabili
  • Area sosta camper
  • Città del vino
Galatina  | IAT Galatina
Galatina
IAT Galatina
Galatina  | Vincenzo Casaluci
Galatina
Vincenzo Casaluci
Galatina  | Vincenzo Casaluci
Galatina
Vincenzo Casaluci
Galatina  | Nico Mauro
Galatina
Nico Mauro
Galatina  | IAT Galatina
Galatina
IAT Galatina
Galatina  | IAT Galatina
Galatina
IAT Galatina
Galatina  | IAT Galatina
Galatina
IAT Galatina
Galatina  | IAT Galatina
Galatina
IAT Galatina
Galatina  | IAT Galatina
Galatina
IAT Galatina
Galatina  | Nico Mauro
Galatina
Nico Mauro
Galatina  | Alberigo Skera
Galatina
Alberigo Skera
Galatina  | Chiara Forte
Galatina
Chiara Forte
Galatina  | Alberigo Skera
Galatina
Alberigo Skera
Galatina, il Pasticciotto  | IAT Galatina
Galatina, il Pasticciotto
IAT Galatina
Galatina  | IAT Galatina
Galatina
IAT Galatina
Galatina  | Vincenzo Casaluci
Galatina
Vincenzo Casaluci
Galatina  | IAT Galatina
Galatina
IAT Galatina
Galatina, i tarantati  | IAT Galatina
Galatina, i tarantati
IAT Galatina
Galatina  | IAT Galatina
Galatina
IAT Galatina
Galatina  | IAT Galatina
Galatina
IAT Galatina
Galatina  | IAT Galatina
Galatina
IAT Galatina
Galatina  | IAT Galatina
Galatina
IAT Galatina
Galatina  | IAT Galatina
Galatina
IAT Galatina
Galatina, Santa Caterina d'Alessandria  | O. Ferriero
Galatina, Santa Caterina d'Alessandria
O. Ferriero
Galatina  | O. Ferriero
Galatina
O. Ferriero
Uno sguardo a Galatina
Uno sguardo a Galatina
Video di La Postilla

Eventi

da
domenica
5
luglio, 2020
a domenica 12 luglio 2020

Raduno Bandistico "Città di Galatina"

da
domenica
19
luglio, 2020
a domenica 26 luglio 2020

Galatina in moda

da
domenica
19
luglio, 2020
a domenica 26 luglio 2020

Sagra dell'Anguria a Collemeto

da
domenica
9
agosto, 2020
a domenica 16 agosto 2020

Sagra del peperone e della melanzana a Collemeto

lunedì
10
agosto, 2020

Calici di Stelle

da
domenica
8
novembre, 2020
a domenica 15 novembre 2020

Mostra Ornitologica

da
domenica
15
novembre, 2020
a domenica 22 novembre 2020

Fiera di Santa Caterina

da
sabato
12
giugno, 2021
a domenica 13 giugno 2021

Festa di Sant'Antonio da Padova

da
lunedì
28
giugno, 2021
a mercoledì 30 giugno 2021

Festa patrolale dei SS. Pietro e Paolo

Sul borgo

Il primo documento storico che parla di Galatina risale al 1178, in cui viene citato come "casale Sancti Petri in Galatina". La tradizione vuole infatti che l'apostolo san Pietro si fermasse in questo luogo nel suo viaggio da Antiochia a Roma. Solo dopo l'Unità d'Italia, nel 1861, il borgo riprese il suo nome originario. Nel medioevo faceva parte della contea di Soleto con Ugo e Raimondo del Balzo. Da questi passò al nipote Nicolò Orsini e quindi al suo secondogenito Raimondello. Questo magnifico principe vi fece costruire nel 1391 la chiesa di Santa Caterina d'Alessandria quale ex voto per essere tornato vittorioso dalla Terrasanta con una reliquia della santa.

Venne fin da allora fissato il mercato settimanale al giovedì, e la grande fiera di bestiame di Santa Caterina al cadere del 25 novembre di ogni anno. Entrambi si svolgevano nel largo Fontana, attuale piazza Alighieri, attirando visitatori e mercanti di bestiame da ogni parte del Meridione. Qui i forestieri, nelle notti precedenti il mercato, potevano riposare e dissetare i loro animali, fruire di essenziali servizi tra cui la fontana: un grande pozzo d'acqua sorgiva scavato al centro dello spazio. Alla morte del principe Giovanni Antonio Orsini Del Balzo la città si era così ingrandita da essere elevata a ducato nel 1485 quando fu data dal re di Napoli Ferrante d'Aragona a Giovanni Castriota II (in albanese Gjon Kastrioti), figlio di Giorgio Castriota, detto Scanderbeg, per i servizi resi nella battaglia di Otranto (1480-1481), nella guerra di Ferrara (1482-1484) contro la Repubblica di Venezia e nel recupero di Gallipoli nel giugno del 1484, sanguinosamente conquistata dalla Serenissima.

Sotto i Castriota si ebbe una fioritura culturale ed oltre al sorgere di una corte, videro i natali anche il "canzoniere" di Vernaleone, il cui figlio fu amico di Tommaso Campanella, il mistico Pietro "Galatino", i filosofi Marcantonio Zimara, Francesco Cavoti, gli scultori Nicola Ferrando e Nuzzo Barba e il misterioso pittore Lavinio Zappa. A questo periodo risalgono le attuali porte e mura di Galatina. Delle originali cinque porte della città è possibile ammirare ancora oggi solo Porta Nuova (a nord), Porta Luce (a ovest) e Porta Cappuccini (a est), nulla è rimasto, invece, della Porta di Santa Caterina (a sud) e di quella che si trovava all'imboccatura di piazza Alighieri (Porta della Piazza).

Il cammino per le strade della straordinaria struttura urbana del centro antico di Galatina, eretta a titolo di Città nel 1793, si snoda, lento, nel dipanarsi alternato delle residenze nobiliari, e gli spazi urbani delle Corti, esempi fruibili di organizzazione urbanistica e sociale. Sia i Palazzi rinascimentali, ricchi di decorazioni in pietra, esuberanti e plastiche, che le Corti, fanno della luce un elemento di narrazione, invitando il visitatore a fermarsi e guardare intorno prima di procedere verso altri scorci e luoghi.


Il pane può essere gustato in diverse varianti: ottime le pucce, con olive nere o senza, le friselle e, inoltre, la pasta fatta in casa. Ottime da gustare sono anche le verdure selvatiche, le municeddhre (chiocciole), la carne di cavallo alla pignata (cucinata nelle tradizionali terrecotte), le cadde cadde (calde calde: pagnottelle con ripieno di grano pestato e pizzaiola, o prosciutto e mozzarella).

I dolci tradizionali galatinesi sono il pasticciotto (pasta frolla con all'interno una deliziosa crema pasticciera) e gli africani (biscotti fatti con tuorlo d'uovo e zucchero), mentre i dolci "delle feste" sono le carteddhrate e i porceddhruzzi (a Natale) e le cuddhrure (a Pasqua).

Dolci pasquali tipici sono tutti quelli a base di pasta di mandorla. Vere opere d'arte alcune riproduzioni di frutta (classicamente i fichi d'India con o senza la foglia verde) o l'agnellino pasquale con la bandiera rossa della resurrezione.

I vini di questa terra sono facilmente reperibili e sono rappresentati da: Negroamaro, Primitivo, Malvasia, Fiano e Chardonnay.


Il tarantismo o tarantolismo è una sindrome culturale di tipo isterico riscontrata nel sud Italia, che nella tradizione popolare è collegato ad una patologia che si riteneva essere causata dal morso di ragni (il termine deriva da tarantola, il nome comune di Lycosa Tarantula, un ragno diffuso in zone mediterranee) o talvolta attribuito ad altri animali comunemente ritenuti velenosi come serpenti o scorpioni. Il termine tarantismo indica propriamente la patologia stessa, che però, in quanto presente solo in quel contesto culturale, è stata considerata una forma di isteria, o un termine indicante manifestazioni idiopatiche di natura sconosciuta. Per estensione, con la parola tarantismo ci si riferisce anche al fenomeno culturale e terapeutico che ne costituisce il contesto, portato alla luce da studi approfonditi da parte dell'antropologo culturale Ernesto De Martino negli anni '50 del '900.

Il tarantismo, che si manifestava soprattutto nei mesi estivi (il periodo della mietitura del grano in Puglia), era costituito da sintomi di malessere generale, quali stati di prostrazione, depressione, melanconia, quadri neuropsicologici come catatonia o deliri, dolori addominali, muscolari o affaticamento, e la maggior parte dei soggetti che ne denunciavano i sintomi erano donne.

Il quadro poteva includere sintomatologie psichiatriche, come turbe emotive e offuscamenti dello stato di coscienza, e poteva includere elementi che in passato sono stati associati alle nozioni di epilessia e isteria. La "cura" tradizionale è una terapia di tipo musicale coreutico, durante la quale il soggetto viene portato ad uno stato di trance nel corso di sessioni di danza frenetica, dando luogo a un fenomeno che è stato definito un "esorcismo musicale".

La tradizione del tarantismo è in qualche modo sopravvissuta sino ai nostri giorni con la messa-esorcismo del 29 giugno nella chiesa di San Paolo di Galatina.

Comune di Galatina
Provincia di Lecce
Regione Puglia

Abitanti: 27.056 (20.718 nel borgo)
Altitudine centro: 75 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Città del vino
Strada del Vino Vigna del Sole

Il Comune
Via Umberto I 40 - Tel. +39 0836 633111

IN AUTO

  • Giungere a Bari; imboccare la superstrada per Lecce; prendere la tangenziale Ovest; uscita Galatina; SS 476

IN TRENO

  • Stazione di Lecce

IN AEREO

  • Aeroporto di Brindisi

Dormire, mangiare, comprare...

Terre di Carmen
Via Nepole, 1 - 73040, Morciano di Leuca (Lecce)
39.61 Chilometri da Galatina
SoleMareSalento
Via Roma, 139 - 73054, Presicce (Lecce)
31.12 Chilometri da Galatina

Dal blog

Situata a venti chilometri a sud di Lecce, Galatina è un importante centro del Salento che affonda le sue radici tra il IX ed il X secolo. Sono i Bizantini prima ed i Normanni poi ad influire sulla sua prima fase storica. E’ poi sotto il dominio di Raimondo Orsini Del Balzo che, alla metà del XIV secolo, il borgo vive una fase di splendore che la vede diventare uno dei maggiori centri culturali della zona. Nel Settecento Galatina vive un’ulteriore, importante sviluppo urbano e monumentale, con la ...
Continua
cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950