La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

Sestri Levante


Condividi
Sestri Levante è un borgo ricco di storia e cultura, un posto magico, dalla natura favolistica, fonte da sempre d’ispirazione per poeti e scrittori. Il centro storico si affaccia su due baie: La baia più grande, detta Baia delle Favole e la seconda, più piccola, è la celebre Baia del Silenzio.
  • Borgo di mare
  • Agibile ai disabili
  • Area sosta camper
  • Borghi autentici d'Italia
  • Città dell'olio
Sestri Levante  | StevanZZ/shutterstock
Sestri Levante
StevanZZ/shutterstock
Sestri Levante  | Giovanni callea/shutterstock
Sestri Levante
Giovanni callea/shutterstock
Sestri Levante  | Roberto Montanari
Sestri Levante
Roberto Montanari
Sestri Levante, Baia delle Favole  | Roberto Montanari
Sestri Levante, Baia delle Favole
Roberto Montanari
Sestri Levante  | SimoneN/shutterstock
Sestri Levante
SimoneN/shutterstock
Sestri Levante, Palazzo Fascie  | Roberto Montanari
Sestri Levante, Palazzo Fascie
Roberto Montanari
Sestri Levante, Palazzo Durazzo-Pallavicini, sede comunale  | Roberto Montanari
Sestri Levante, Palazzo Durazzo-Pallavicini, sede comunale
Roberto Montanari
Sestri Levante, Piazzo Bo  |
Sestri Levante, Piazzo Bo
Sestri Levante  | Simona Sirio/shutterstock
Sestri Levante
Simona Sirio/shutterstock
Sestri Levante  | Simona Sirio/shutterstock
Sestri Levante
Simona Sirio/shutterstock
Sestri Levante, Shhh! Silent Disco in Baia del Silenzio  |
Sestri Levante, Shhh! Silent Disco in Baia del Silenzio
Sestri Levante, il ponte a Riva Trigoso  |
Sestri Levante, il ponte a Riva Trigoso
Sestri Levante, Riva Trigoso  | Roberto Montanari
Sestri Levante, Riva Trigoso
Roberto Montanari
Sestri Levante  | Roberto Montanari
Sestri Levante
Roberto Montanari
Sestri Levante, Punta Manara  |
Sestri Levante, Punta Manara
Sestri Levante, San Nicolò  |
Sestri Levante, San Nicolò
Sestri Levante, ruderi di Santa Caterina  | maudanros/shutterstock
Sestri Levante, ruderi di Santa Caterina
maudanros/shutterstock
Sestri Levante, Baia del Silenzio  | Jiuguang Wang
Sestri Levante, Baia del Silenzio
Jiuguang Wang
Basilica di Santa Maria di Nazareth  | Simona Sirio/shutterstock
Basilica di Santa Maria di Nazareth
Simona Sirio/shutterstock
Uno sguardo a Sestri Levante
Uno sguardo a Sestri Levante
Video di Marco Cozzo

Eventi

sabato
18
luglio, 2020

Sagra del Bagnun a Riva Trigoso

domenica
6
dicembre, 2020

San Nicolò - Santo Patrono

Sul borgo

Il borgo di Sestri Levante è celebre per l'inconfondibile morfologia del suo territorio. Il centro storico si affaccia su due baie, divise da un istmo che unisce il promontorio, la parte più antica del borgo, alla terraferma.

La baia più grande, detta Baia delle Favole, deve il nome ad Enzo Tortora, indimenticabile presentatore televisivo che così la battezzò durante una puntata di Campanile Sera, andata in onda proprio da Sestri Levante verso la fine degli anni conquante. La seconda baia, più piccola, è la celebre Baia del Silenzio, così chiamata per la prima volta nel 1919 da Giovanni Descalzo, il poeta ligure vissuto a Sestri.

Inizialmente conosciuta come Segesta o Segeste, è stata fondata dai Liguri Tigulli. Durante l’epoca romana visse un grande periodo di splendore che andò a decadere nel medioevo con le invasioni barbariche, periodo in cui l'abitato cominciò ad espandersi sulla terraferma. Dopo essere stata feudo dei Fieschi, conti di Lavagna, nel 1100 passò sotto la repubblica marinara di Genova, che vi costruì un castello a scopo difensivo. Nel corso del Duecento fu scelta come capoluogo della locale podesteria per poi subire, nel secolo successivo, due tentativi di assedio: il primo nel 1327, da parte dal signore lucchese Castruccio Castracani, e il secondo dalla famiglia Visconti nel 1365. Nel 1432 anche la Repubblica di Venezia tentò di assediare il borgo con esito negativo. Purtroppo però non fu altrettanto fortunato con i pirati turchi e saraceni, che danneggiarono e saccheggiarono Sestri nel 1542 e nel 1607.

Un borgo ricco di storia e cultura, un posto magico, dalla natura favolistica, fonte da sempre d’ispirazione per poeti e scrittori. É proprio a Sestri che, dal 1967, si svolge il Concorso Letterario Premio Hans Christian Andersen Baia delle Favole, il premio italiano più celebre per la letteratura per l’infanzia.
E' dedicato allo scrittore e poeta danese Hans Christian Andersen che girovagando per l’Europa durante il suo Grand Tour ottocentesco, rimase incantato dagli scorci della cittadina ligure e decise di soggiornarvi nel 1833. Ventottenne e non ancora famoso grazie al mondo fantastico delle sue fiabe, alloggiò in una locanda affacciata sulla Baia del Silenzio.
Qui rimase totalmente affascinato dalla bellezza della Baia e si dice che grazie a questo magico incontro lo scrittore trovò l’ispirazione per scrivere alcune delle sue favole più belle.

Numerosi sono gli edifici religiosi e le architetture civili celebrative di questo glorioso passato.
La Chiesa di San Nicolò dell’Isola, risalente al 1151, è la chiesa più antica di Sestri, originariamente in stile romanico e trasformata in stile barocco nel corso del XV secolo.
La Basilica di Santa Maria di Nazareth, costruita nel XVII secolo, conserva al suo interno varie tele di epoca barocca e una Pietà lignea di Anton Maria Maragliano.
La Chiesa dell’Immacolata Concezione costruita nel 1688, in stile medievale, poco distante dalla Baia del Silenzio, contiene all’interno un statua dell’Immacolata datata XVIII secolo e dei dipinti religiosi ritratti da Domenico Fiasella. Infine, nel cuore del borgo antico, c’è la Chiesa di San Pietro in Vincoli, edificati dai padri Cappuccini nel 1640.

Il centro storico, costellato di portali d’ardesia del XIV secolo, è sede delle architetture civili di maggiore interesse tra le quali troviamo Palazzo Fascie, il palazzo della cultura di Sestri Levante, dove all’interno ha sede una delle due biblioteche del borgo e il MuSel, il Museo Archeologico.
Palazzo Durazzo-Pallavicini è invece la sede del municipio di Sestri, edificato nella seconda metà del XVII secolo, che conserva al suo interno un dipinto del pittore Francesco Bassano, raffigurante l’Adorazione dei Magi.


Bagnun di Acciughe
Il Bagnun di acciughe è uno dei sapori più tradizionali di Sestri Levante o, per essere più precisi, di Riva Trigoso. L’acciuga, pesce povero per eccellenza, incontra il pomodoro e la galletta del marinaio, in una ricetta che regala tutto il gusto del Mediterraneo. Il Bagnun, dal 1960, è anche qualcosa di più. Da un’idea di Edoardo Bo, si comincia allora ad organizzare una serata, tradizionalmente nel penultimo fine settimana di luglio, durante la quale offrire ai cittadini e agli ospiti generose porzioni della celebre zuppa di pesce e passare un fine settimana fra musica e spettacoli per scoprire i segreti del territorio di Sestri.

Olio Extravergine d'Oliva DOP
Derivante da varietà di olivi autoctoni, quest'olio è caratterizzato dal presentare un elevato contenuto in acido oleico (maggiore del 70%), basso contenuto in acido linoleico (e di conseguenza di trilinoleina) e bassa acidità.

Comune di Sestri Levante
Città Metropolitana di Genova
Regione Liguria

Abitanti: 18.512 (17.617 nel borgo)
Altitudine centro: 10 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Città dell'olio
Borghi Autentici d'Italia

Riconoscimenti
Bandiera Blu

Comune di Sestri Levante
Piazza Matteotti 3 - Sestri Levante (GE)
Tel. +39 018 54781

IN AUTO

  •  Prendere l'Autostrada A12, uscita a Sestri Levante

IN TRENO

  • Stazione Ferroviaria di Sestri Levante

IN AEREO

  • Aeroporto Cristoforo Colombo di Genova
  • Aereoporto Pisa–San Giusto

Dormire, mangiare, comprare...

Shore Service
Piazzale Marinai D'Italia - 16039, Sestri Levante

Dal blog

cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950