La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

Monte Vidon Corrado


Condividi
Il centro storico del borgo di Monte Vidon Corrado, di origine medievale, presenta abitazioni civili con decorazioni in cotto del XV secolo e avanzi di fortificazioni dei secoli XIV - XV. Nella parte alta del paese infatti sono ancora visibili due torrioni che appartenevano alla cinta muraria del castello medievale. Il panorama che si può ammirare a Monte Vidon Corrado spazia dal mare Adriatico ai monti Sibillini, dalle campagne coltivate ai suggestivi borghi arroccati sulle colline circostanti.
  • Borgo in montagna
Monte Vidon Corrado, ingresso al centro storico  | Studio fotografico Mariano Fagiani
Monte Vidon Corrado, ingresso al centro storico
Studio fotografico Mariano Fagiani
Monte Vidon Corrado, Torrione medievale  | Studio fotografico Mariano Fagiani
Monte Vidon Corrado, Torrione medievale
Studio fotografico Mariano Fagiani
Monte Vidon Corrado, San Vito  | Studio fotografico Mariano Fagiani
Monte Vidon Corrado, San Vito
Studio fotografico Mariano Fagiani
Monte Vidon Corrado, palazzo quattrocentesco  | Studio fotografico Mariano Fagiani
Monte Vidon Corrado, palazzo quattrocentesco
Studio fotografico Mariano Fagiani
Monte Vidon Corrado, piazza Osvaldo Licini  | Studio fotografico Mariano Fagiani
Monte Vidon Corrado, piazza Osvaldo Licini
Studio fotografico Mariano Fagiani
Monte Vidon Corrado  | Studio fotografico Mariano Fagiani
Monte Vidon Corrado
Studio fotografico Mariano Fagiani
Monte Vidon Corrado, Teatro comunale  | Studio fotografico Mariano Fagiani
Monte Vidon Corrado, Teatro comunale
Studio fotografico Mariano Fagiani
Monte Vidon Corrado, Terrazzo Panoramico  | Studio fotografico Mariano Fagiani
Monte Vidon Corrado, Terrazzo Panoramico
Studio fotografico Mariano Fagiani
Monte Vidon Corrado, chiesa del Carmine  | Studio fotografico Mariano Fagiani
Monte Vidon Corrado, chiesa del Carmine
Studio fotografico Mariano Fagiani
Monte Vidon Corrado, Osvaldo Licini  | Studio fotografico Mariano Fagiani
Monte Vidon Corrado, Osvaldo Licini
Studio fotografico Mariano Fagiani
Monte Vidon Corrado, Parco pittorico  | Studio fotografico Mariano Fagiani
Monte Vidon Corrado, Parco pittorico
Studio fotografico Mariano Fagiani
Monte Vidon Corrado, Centro Studi Osvaldo Licini  | Studio fotografico Mariano Fagiani
Monte Vidon Corrado, Centro Studi Osvaldo Licini
Studio fotografico Mariano Fagiani
Monte Vidon Corrado, Casa Museo Osvaldo Licini  | Studio fotografico Mariano Fagiani
Monte Vidon Corrado, Casa Museo Osvaldo Licini
Studio fotografico Mariano Fagiani
Monte Vidon Corrado, dipinto murale Casa Museo  | Studio fotografico Mariano Fagiani
Monte Vidon Corrado, dipinto murale Casa Museo
Studio fotografico Mariano Fagiani
Monte Vidon Corrado  | Studio fotografico Mariano Fagiani
Monte Vidon Corrado
Studio fotografico Mariano Fagiani
Uno sguardo a Monte Vidon Corrado
Uno sguardo a Monte Vidon Corrado
Video di Marca Fermana

Eventi

giovedì
16
luglio, 2020

Festa della Madonna del Carmine

da
venerdì
16
ottobre, 2020
a domenica 25 ottobre 2020

Castagnata

domenica
17
gennaio, 2021

Festa di Sant’Antonio Abate

da
venerdì
21
maggio, 2021
a domenica 13 giugno 2021

Festival dietro le mura

martedì
15
giugno, 2021

Festa patronale di San Vito Martire

Sul borgo

L'origine del borgo di Monte Vidon Corrado è tuttora poco chiara, poiché le notizie storiche si mescolano con elementi leggendari e favolosi. Sebbene non si conoscano reperti archeologici risalenti all’epoca preromana rinvenuti nel territorio comunale, la contiguità con Falerone (Falerio Picenus) lascia pensare che anche sulle colline montevidonesi vi fossero insediamenti rimandanti al III secolo a.C., quando il Piceno entrò nella sfera di influenza di Roma.

Il fortilizio di Monte Vidon Corrado fu nominato per la prima volta in un documento del 1229, nel pieno della lunga lotta tra il Papato e l’imperatore Federico II, associato ad un gruppo di castelli appartenenti a signori laici di stirpe longobarda o normanna con cui costituì un baluardo militare- feudale alquanto ricco e unitario. Nel 1300 passò sotto la giurisdizione della città di Fermo per poi subire il dominio dei Malatesta tra il 1413 e il 1416, anno in cui Ludovico Migliorati, Signore di Fermo recuperò Monte Vidon Corrado insieme a Mogliano, Falerone, Massa e Montappone. Dal secolo XVI fino al 1860 Monte Vidon Corrado fu stabilmente sotto il dominio dell’amministrazione pontificia, facente parte della Delegazione Apostolica di Fermo, e la sua storia si confuse con quella di Monte Giorgio “di cui subì l’avversa e prospera fortuna”. Non risultano altre fonti d’archivio che possano fornirci dati certi e attendibili, eccetto quelle riguardanti la popolazione che alla fine del XIX secolo era di 1300 abitanti di cui solo 150 vivevano nel centro principale.

Nella parte alta del paese sono ancora visibili due torrioni che appartenevano alla cinta muraria del castello medievale risalente ai secoli XIV-XV. Legata a questo castello è la leggenda di Corrado, figlio di Fallerone I, che avrebbe aiutato il fratello Guidone contro un feudatario vicino che ne voleva assoggettare il territorio. Il messaggero, giunto a cavallo, avrebbe consegnato a Corrado una missiva su cui era scritto: "Corri Corrado che Guidon combatte". Da qui si fanno derivare i toponimi di Monte Vidon Corrado e Monte Vidon Combatte.

Piazza della Vittoria rappresenta il cuore del paese che conserva quasi intatta la struttura architettonica del castello medievale. Qui si affacciano alcuni palazzi signorili, la canonica da cui si accede ad uno dei torrioni dell’antica fortezza e la chiesa parrocchiale dedicata a San Vito Martire. Dalla piazza si diramano vicoli e piazzette su cui si affacciano eleganti abitazioni civili, un palazzotto quattrocentesco con decorazioni in cotto e arco ogivale senese, il centro studi e la casa natale del pittore Osvaldo Licini. Un tempo nel centro storico (precisamente nel palazzo in cui oggi si trova l’archivio comunale) era presente una sorta di ambulatorio e pronto soccorso in cui medici e infermieri visitavano ed eseguivano piccoli interventi chirurgici, l’Ospedale Ilari. Vi erano poi alcune classi della scuola, delle botteghe di artigiani (come quella del calzolaio e del fabbro, forse da qui deriverebbe il nome di via Fucina), una locanda e ovviamente la sede del municipio che è presente ancora oggi.

Il panorama che si può ammirare a Monte Vidon Corrado spazia dal mare Adriatico ai monti Sibillini, dalle campagne coltivate ai suggestivi borghi arroccati sulle colline circostanti. L’incantevole terrazzo panoramico attiguo alla casa di Osvaldo Licini e il parco pittorico che nella bella stagione si tinge dei colori della tavolozza liciniana sono luoghi privilegiati per potersi immerge in quella natura suggestiva e incontaminata che tanto amò il grande maestro di Monte Vidon Corrado.

Una menzione speciale va all'enogastronomia marchigiana, ai prodotti tipici del territorio del borgo, quali olio d'oliva, insaccati e formaggi, sino ai piatti tipici, assolutamente da provare, come i Caciù co’ la fava (sfoglie sottili di pasta con ripieno di purea di fave) e la pizza con i fichi, un dolce povero realizzato con la pasta del pane arricchito con fichi secchi e noci, tipico del periodo natalizio.


Monte Vidon Corrado insieme a Falerone, Massa Fermana e Montappone fa parte dello storico distretto della paglia, che ha radici settecentesche. Anticamente gran parte della popolazione era impiegata nell’intero ciclo di produzione, dalla raccolta alla lavorazione delle trecce, alla realizzazione dei cappelli fino alla vendita nelle fiere e nei mercati.

Il grano seminato a novembre veniva mietuto con la falce messoria già alla fine di giugno, poco prima della perfetta maturazione per ottenere un imbiancamento naturale. I covoni, portati sull'aia con il carro, venivano appoggiati ad una scala di legno, posta orizzontalmente. Uomini, donne e ragazzi sfilavano manipoli di spighe mettendole tutte alla stessa altezza, un uomo li raccoglieva in un manipolo più grosso e con una falce tagliava via le spighe. I nodi dei culmi messi ad uno ad uno alla stessa altezza, con le forbici della potatura, venivano tagliati via sotto e sopra ed in ultimo si sfilavano le guaine fogliari. Le paglie erano graduate secondo il calibro al fine di avere una treccia omogenea. Questa operazione si effettuava manualmente valutando ad occhio ma riusciva perfetta soltanto con l'uso della macchina "vagliatrice". I fili di paglia eguagliati venivano legati in mazzetti che aperti a ventaglio si lasciavano, verticalmente nell'aia, esposti all'azione del sole e delle rugiade per un imbiancamento naturale. Se l'operatore riteneva l'imbiancamento non perfetto ricorreva all'accensione di zolfo che poneva in casse di legno già piene di mazze di paglie per un'intera notte.

Le paglie prima di essere intrecciate venivano bagnate affinché durante la lavorazione non si spezzassero. Le trecce più comuni erano quelle di quattro fili di paglia, di sette e di tredici. Una volta realizzata, la treccia veniva ripulita dagli spuntoni delle rimesse con un coltello o con le forbici. Per rendere la treccia più malleabile alla cucitura (soprattutto a macchina) si passava attraverso due rulli di legno o di ferro (torchietto). La treccia veniva venduta a matasse (pezze) ottenute dall'avvolgimento di essa su uno strumento di misura chiamato "passetto". Il cappello tradizionale detto "della mietitura" veniva cucito a mano con un ago grosso e il refe; orlo contro orlo prendendo una maglia all'interno e una all'esterno. Grazie all'abilità della cucitrice i punti del refe risultavano invisibili scomparendo tra le maglie della treccia. In epoche più recenti la cucitura si effettuava con una macchina da cucire a pedali, poi successivamente motorizzata. Si dava corretta forma e lucidatura, infilando il cappello in una forma di legno e lisciandolo, facendo pressione, con un mazzuolo di legno duro; inoltre si usava anche un ferro da stiro scaldato sulla brace.

Successivamente questa fase si è evoluta con l'utilizzo di una serie di presse di legno e di ferro. Il cappellaio ambulante trasportava ed esponeva i cappelli su una stanga: una "pertica" di salice messa a bilancia su di un pungolo che veniva infisso nel terreno nei momenti di vendita o di pausa.

Borgo di Monte Vidon Corrado
Comune di Monte Vidon Corrado

Provincia di Fermo
Regione Marche

Abitanti: 731
Altitudine centro: 429 m s.l.m.

Comune di Monte Vidon Corrado
Piazza Osvaldo Licini 6 - Monte Vidon Corrado (FM)
Tel. +39 0734 759348 (int.5)

IN AUTO

  • Da Nord: Prendere l'autostrada A14 Bologna - Bari in direzione di Ancona, uscire a Civitanova Marche, prendere la superstrada SS 77 in direzione di Tolentino/Macerata, uscire a Montecosaro, seguire la direzione Rapagnano, attraversare Contrada Tenna, Piane, continuare sulla SP 125, svoltare sulla SP 48 in direzione Monte Vidon Corrado.
  • Da Sud: Prendere l'autostrada A14 in direzione di Napoli, uscire a Fermo/Porto San Giorgio, proseguire sulla SS 16, attraversare Porto San Giorgio, Fermo, Molini di Tenna, Piane, continuare sulla SP 125, svoltare sulla SP 48 e seguire le indicazioni per Monte Vidon Corrado.
  • Da Ascoli Piceno: Prendere la SP 235, imboccare la SS 4, continuare sulla SP 237, attraversare Roccafluvione, Comunanza, Servigliano, Piane, continuare sulla SP 125, svoltare sulla SP 48 e seguire le indicazioni per Monte Vidon Corrado.

IN AEREO

  • Aeroporto  di Ancona 
  • Aeroporto di Pescara

Dormire, mangiare, comprare...

Villa Poggio Verde
Via Svarchi, 31 - 63824, Altidona (Fermo)
26.70 Chilometri da Monte Vidon Corrado
Cella-Shirley
Via dei Tiratori, 13, 63858, Montefortino (Fermo)
24.25 Chilometri da Monte Vidon Corrado
cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950