La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

Salorno - Salurn


Condividi
Salorno è sito nelle vicinanze dell’omonima Chiusala Cascata di Salorno, che segna il punto di contatto della zona di lingua italiana con quella di lingua tedesca all’esterno limite meridionale non solo dell’Alto Adige, ma dell’intero territorio tedesco compreso nell’arco alpino.
  • Borgo in montagna
  • Borgo con parco
  • Città Slow
Salorno  |
Salorno
Salorno  |
Salorno
Il Castello di Salorno  |
Il Castello di Salorno
La Chiusa di Salorno  |
La Chiusa di Salorno
Salorno, il nano Perkeo  |
Salorno, il nano Perkeo
Salorno  |
Salorno
Uno sguardo a Salorno/Salurn
Uno sguardo a Salorno/Salurn
Video di RENA LOCUSTA

Eventi

venerdì
19
marzo, 2021

San Giuseppe - Santo Patrono

Sul borgo

Nei pressi di Salorno (Salurn in tedesco, Salórn in dialetto trentino) la valle dell'Adige si restringe, formando la Chiusa di Salorno (Salurner Klause). Negli ultimi due secoli la chiusa ha costituito una barriera simbolica tra la parte germanofona e italofona (oggi Trentino) del Tirolo storico e viene tradizionalmente considerata il confine linguistico tra l'area di lingua germanica e quella di lingua italiana in Val d'Adige. Oggi la maggioranza dei salornesi è di lingua italiana. Buona parte del suo territorio fa parte del Parco naturale Monte Corno. Un'altra area protetta è il biotopo Paludèl.

Il toponimo è attestato come Salurnis nella seconda metà dell'VIII secolo, come Salurne nel 1184-1186 e come Salurn nel 1288. Deriva probabilmente da un tema preromano sala col significato di palude.
sin dal Duecento i Conti del Tirolo ottennero il controllo del borgo. È del 1403 l'importante Weistum (statuto di regola) che definisce i diritti della comunità verso il potere asburgico, redatto interamente in lingua tedesca. Fino alla Prima Guerra Mondiale Salorno fece parte dell'Impero austro-ungarico, in seguito alla vittoria italiana suggellata dal Trattato di Saint-Germain-en-Laye venne annesso al Regno d'Italia.

Durante il Ventennio fascista il comune di Salorno fu aggregato alla provincia di Trento, assieme a tutta la Bassa Atesina, per facilitarne l'italianizzazione. L'uso del tedesco in pubblico e il suo insegnamento vennero vietati, ma la minoranza di lingua tedesca si organizzò istituendo classi clandestine in cui si insegnava la lingua tedesca (le cosiddette Katakombenschulen): il salornese Josef Noldin fu tra i principali organizzatori e fu per questo deportato dal governo fascista sull'isola di Lipari. Nel 1948 Salorno passò alla provincia di Bolzano secondo quanto stabilito dal primo statuto d'autonomia del Trentino-Alto Adige e vista anche la volontà manifestata dalla popolazione di lingua tedesca della Bassa Atesina.

Merita sicuramente una visita il Castello di Salorno, situato a sud del borgo. Alcuni piatti caratteristici della cucina locale sono lo strudel, i canederli, i crauti, i Würstel, lo strauben e lo Speck.

Borgo di Salorno
Comune di Salorno/Salurn

Provincia di Bolzano/Bozen
Regione Trentino Alto Adige

Abitanti: 3.793
Altitudine centro: 224 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Strada del Vino dell'Alto Adige
Comunità Montana Oltradige-Bassa Atesina

Aree naturali protette:
Parco naturale Monte Corno

Comune di Salorno/Salurn
Piazza Municipio 1 - Salorno/Salurn (TN)
Tel. +39 0471 888811

IN AUTO

  • Percorrendo l'autostrada le uscite più vicine al centro di Salorno sono:
    - Uscita S.Michele - Mezzocorona (A22 Brennero-Modena)
    - Uscita Egna - Ora - Termeno (A22 Brennero-Modena)

IN TRENO

  • Stazione di Mezzocorona
  • Stazione di Egna-Termeno

Dormire, mangiare, comprare...

Acquafun San Candido
Piscina Acquafun, il centro specialistico per benessere, salute e fitness
Via M.H. Hueber - 39038, San Candido (Bolzano)
98.85 Chilometri da Salorno - Salurn

Dal blog

Un tappeto rosa e bianco. Sono i colori della fioritura dei meleti che punteggiano il territorio di Lana, in provincia di Bolzano. E’ un paesaggio che in primavera è pervaso da una dolce fragranza - Lana è il più grande paese europeo per estensione di meleti –, mentre le chiome degli alberi si rivestono di un verde brillante e i corsi d’acqua gorgogliano spumeggianti per l’abbondanza di acqua che de...
Continua
cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950