La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

Corinaldo


Condividi
Paese natale di Santa Maria Goretti, Corinaldo sorge alla sommità di un colle, sulla riva sinistra del fiume Nevola. Le sue mura sono riconosciute come le più intatte, imponenti, fortificate e lunghe della regione e tra le meglio conservate di tutto il centro Italia. Grande attrazione turistica è il famoso Pozzo della Polenta, posto al centro di via La Piaggia.
  • Borgo con mura
  • Agibile ai disabili
  • Area sosta camper
  • Borghi più belli d'Italia
  • Paesi Bandiera Arancione
Festa Pozzo della Polenta  | Antonio Paolini
Festa Pozzo della Polenta
Antonio Paolini
Corinaldo  | Claudio Giovanni Colombo/shutterstock
Corinaldo
Claudio Giovanni Colombo/shutterstock
Rievocazione della trebbiatura  | Antonio Paolini
Rievocazione della trebbiatura
Antonio Paolini
Corinaldo  | Massimiliano Succi/shutterstock
Corinaldo
Massimiliano Succi/shutterstock
Porta del mercato  | Antonio Paolini
Porta del mercato
Antonio Paolini
Cinta muraria  | Antonio Paolini
Cinta muraria
Antonio Paolini
Corinaldo  | cristian ghisla/shutterstock
Corinaldo
cristian ghisla/shutterstock
Girasoli  | Antonio Paolini
Girasoli
Antonio Paolini
Torre porta del mercato  | Antonio Paolini
Torre porta del mercato
Antonio Paolini
Torre porta del mercato  | Antonio Paolini
Torre porta del mercato
Antonio Paolini
Torre porta nuova  | Antonio Paolini
Torre porta nuova
Antonio Paolini
Corinaldo, il giro delle Mura  | Mauro Dominici
Corinaldo, il giro delle Mura
Mauro Dominici
Corinaldo, la Piaggia  | Mauro Dominici
Corinaldo, la Piaggia
Mauro Dominici
Corinaldo, Pinacoteca Ridolfi  | Tonino Paolini
Corinaldo, Pinacoteca Ridolfi
Tonino Paolini
Corinaldo, i prodotti tipici  | Tonino Paolini
Corinaldo, i prodotti tipici
Tonino Paolini
Uno sguardo a Corinaldo
Uno sguardo a Corinaldo

Eventi

domenica
26
luglio, 2020

Festa di Sant'Anna - Patrona di Corinaldo

da
mercoledì
24
marzo, 2021
a giovedì 25 marzo 2021

XXVI Giornate FAI di Primavera

Sul borgo

Il nome di Corinaldo (Curinald in dialetto gallo-piceno) deriva probabilmente da "Curia di Rinaldo", antico nome Longobardo che il primo nucleo abitato doveva avere in epoca altomedievale. Rinomata terra vinicola innanzitutto (noto il suo Verdicchio), ha una ben mantenuta cinta muraria risalente al XIV secolo. Le sue mura sono riconosciute come le più intatte, imponenti, fortificate e lunghe (912 m ininterrotti) della regione Marche e tra le meglio conservate di tutto il centro Italia. Qui è nata Santa Maria Goretti.

Sorge alla sommità di un colle sulla riva sinistra del fiume Nevola. Con tutta probabilità la città di Corinaldo è sorta agli inizi del secondo millennio, in seguito al diffuso fenomeno dell'incastellamento. Arroccata tra i fiumi Cesano e Misa, tra Marca di Ancona e Stato di Urbino, si costituisce in Libero comune alla fine del XII secolo. Per la sua posizione strategica, diviene presto un ambito avamposto conteso dai comuni limitrofi. Dopo la distruzione del 1360, Corinaldo viene ricostruita letteralmente ex novo nel 1367, in seguito all'autorizzazione concessa da papa Urbano V, con l'attuale cinta muraria, nella quale figurano elementi fortificativi attribuiti al genio del celeberrimo architetto militare senese Francesco Di Giorgio Martini. Ulteriori elementi di difesa vengono aggiunti dalla famiglia dei Malatesta e da Francesco Sforza che completa la cinta muraria con una potente rocca, quel Cassero di cui ora restano tracce nella Chiesa del Suffragio.

Ma la pagina di storia più gloriosa del borgo è quella scritta nel 1517, quando Corinaldo resiste all’attacco dello spodestato duca di Urbino, Francesco Maria della Rovere. Dopo ventitré giorni di assedio i corinaldesi costringono il duca alla ritirata e il papa dell'epoca, Leone X, per la fedeltà mostrata, eleva Corinaldo al rango di città. La "Contesa del pozzo della polenta" è la più antica rievocazione storica della Provincia di Ancona, rievoca questa importante pagina di storia di Corinaldo. Nel '600 Corinaldo si ingentilisce nelle forme architettoniche e nel costume, arricchendosi dell'opera e dell'ingegno di pregevoli artisti.

Vedono progressivamente la luce anche monumentali edifici civili e religiosi, ancora oggi visibili e perfettamente conservati, quali fra gli altri la chiesa del Suffragio dalla caratteristica pianta ottagonale, eretta sul vecchio mastio, la chiesa dell'Addolorata, quella di Sant'Anna (patrona di Corinaldo) e il santuario ora dedicato a Santa Maria Goretti, che in questa città nacque il 16 ottobre 1890.

Il giro delle Mura
Corinaldo vanta un centro storico molto suggestivo, il cui monumento più imponente sono senza dubbio le sue possenti mura: circa un chilometro di fortificazioni risalenti al 1367 e ampliate alla fine del 1400, dotate di porte bastionate, baluardi, torrioni, guardiole e piombatoi, considerate tra le meglio conservate delle Marche. Partendo dalla Torre dello Sperone, alta ben 18 metri, di forma pentagonale, si inizia a percorrere il circuito murario volgendo verso la Porta di San Giovanni. Qui sono molti gli elementi di difesa ancora visibili, come gli alloggiamenti delle travi del ponte levatoio, le bocche da fuoco, i piombatoi ed è possibile salire sopra la porta per ammirare il panorama.

Percorrendo le Mura dello Scorticatore si passa accanto all’omonima torre: entrambe prendono il nome dall’artigiano che qui lavorava nel 1800. Si scende fino alla Porta di S. Maria del Mercato, splendido esempio di difesa con un doppio ingresso ruotato di 90°, per poi risalire verso la Torre del Calcinaro ed il Torrione della Rotonda. Qui comincia l’addizione rinascimentale che ampliò la porzione di centro storico compresa all’interno delle mura: attraverso il passaggio coperto dei Landroni si raggiunge Porta Nova, terzo ed ultimo ingresso al circuito murato. 


Dai primi alle carni, dai passatelli agli arrosti, passando per la polenta e i vincisgrassi: non c'è che l'imbarazzo della scelta se ci si siede a tavola tra queste colline. E quando si arriva ai dolci, è un tripudio di specialità, soprattutto da settembre a Natale, quando con il mosto si preparano ciambelle, fette tostate, sciughi e biscotti ripieni chiamati 'pecorelle'. Ricette basate su ingredienti semplici ma di qualità eccellente, come sono i prodotti di questo territorio: olio extra vergine di oliva e vino e in primis, quest'ultimo con ben 3 DOC e 1 DOCG. Su tutti, spicca il Verdicchio dei Castelli di Jesi, un vino fresco e ricco di profumi, dai fiori bianchi alla frutta, con una caratteristica nota di mandorle. Non mancano poi aziende dedite alla produzione di eccellenze di tutti i tipi: dallo zafferano ai liquori, dal miele alle erbe aromatiche e officinali.

Borgo di Corinaldo
Comune di Corinaldo
 
Provincia di Ancona
Regione Marche

Abitanti: 4.998
Altitudine centro: 203 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
I Borghi più belli d'Italia
Paesi bandiera arancione
European Destination of Excellence
Comuni amici del Turismo Itinerante
Associazione dei Comuni Virtuosi
Bandiera Verde
Comuni Ciclabili

Il Comune
Via del Corso 9 - Tel. +39 071 67782

IN AUTO

  • Da Nord: Prendere l'autostrada A14 in direzione di Ancona, uscire a Marotta/Mondolfo e seguire la direzione Mondolfo, attraversare Mondolfo e continuare sulla SS Cesanese, proseguire seguendo indicazioni per entrare in Corinaldo.
  • Da Sud: Prendere l'autostrada A14 in direzione di Napoli, uscire a Senigallia e continuare dritto in direzione di Corinaldo, alla rotonda prendere la 3° uscita e continuare sulla SS Arceviese, attraversare Bettolelle, Brugneto, continuare sulla SP 12 e seguire indicazioni per Corinaldo.

IN TRENO

  • Stazione ferroviaria di Senigallia

IN AEREO

  • Aeroporto di Ancona

VIA MARE

  • Porto di Ancona

Dormire, mangiare, comprare...

Azienda Vitivinicola Carletti
Via Colle Lauro, 18, 60021, Camerano (Ancona)
44.77 Chilometri da Corinaldo

Dal blog

Un orto in riva al mare, nel quale coltivare frutta e verdura in compagnia dell’Orso Bo, sulla spiaggia di Senigallia e in provincia di Ancona. È questa l’originale iniziativa dell’Albergo dell’Orso Bo, il primo family hotel delle Marche, una rutilante sequenza di attrattive per una vacanza a tutto relax. E la spiaggia dell’Orso Bo, con la sua grande area giochi, vanta seicento metri di spazio recintat...
Continua
La semina e la coltivazione. Gesti antichi, legati alla nostra storia, come la tradizione religiosa. Queste si incontrano nel borgo marchigiano di Corinaldo, dove, ogni anno i fedeli hanno la possibilità di coltivare i “Semi della Pasqua”, ovvero semi di grano, veccia, ceci e favino che sono resi disponibili in piccoli sacchetti dalla chiesa di S. Francesco dopo la funzione del Mercoledì delle Ceneri. Questa tradizione, che è legata ai cosiddetti &...
Continua
cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950