Il borgo di Candela sorge nella regione storica della Daunia, in Puglia.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Candela

La cittadella sull'Ofanto
Leggi di più

Borgo di Candela
Comune di Candela

Provincia di Foggia
Regione Puglia

Abitanti: 2.802
Altitudine centro: 474 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Città dell'olio

Aree naturali protette:
Parco naturale regionale Fiume Ofanto

Comune di Candela
Piazza Aldo Moro 9 - Candela
Tel. +39 0885 653102

Il borgo sorge su due colline dette di San Rocco e di San Tommaso, nel subappennino Dauno meridionale. Le origini di Candela (Cannéla in dialetto locale) restano tuttora misteriose. La più antica testimonianza relativa alla sua esistenza risale al 1066. Tuttavia secondo la versione più accreditata l’attuale borgo sorse nel periodo delle invasioni Ostrogote-Longobarde, le cui razzie, avevano costretto la popolazione di origine dauna ad abbandonare un primitivo insediamento, situato poco distante, per rifugiarsi sulla collina.

Gran parte dello sviluppo di Candela è legato allo storico fiume Ofanto, che divide il borgo dal versante lucano e campano e da altri torrenti che l’attraversano in tutto il suo perimetro naturale. Nel 1531, alla morte di Filiberto d’Orange, Carlo V, concesse al grande ammiraglio Andrea Doria il principato di Melfi ed il tenimento di Candela. Sotto i quasi 277 anni che i Doria possedettero Candela, il borgo diventò un vero punto di riferimento per tutto il territorio circostante. A testimonianza della sua crescita furono costruite la Chiesa Madre, la Chiesa della Concezione e il palazzo Doria. Moltissime erano anche le botteghe artigiane e ricercatissimo era il suo grano. Storicamente era notevole anche la pastorizia. Qui affluivano le greggi della Transumanza dopo aver percorso il tratturo grande Pescasseroli-Candela. Ma un avvenimento abbastanza significativo dell’importanza che assunse il borgo all’epoca è il soggiorno in loco del noto Ciccio d’Andrea, dove poi rimase fino alla morte. 

Il tessuto urbano è composto da un intrico di ripide ed interminabili salite e stretti vicoli. Passeggiando per le caratteristiche vie della Cittadella, non molto lontano dal Castello, si arriva in una delle chiese più antiche di Candela, dedicata a San Tommaso. Per accedere alla parte alta del paese si attraversano alcune porte e su una di queste, la porta della Cittadella, si può ammirare un bel mosaico che raffigura la Candelora. Poco fuori l’abitato di Candela troviamo Torre Bianca, una tenuta immersa nel verde, già feudo dei Doria-Pamphili, che fu acquistata nell'ottocento dalla famiglia Ripandelli.

Tra i piatti tipici di Candela sono da ricordare le r’cch’telle (orecchiette) e rucola con la ricotta tosta, i cavatiell’ e acc’ e i maccarunar’ al sugo.

Video di teleradioerre.it

Altre destinazioni nelle vicinanze

Rocchetta Sant'Antonio
Rocchetta Sant'Antonio
In posizione panoramica, su un alta collina ai confini con la Basilicata e la Campania, sorge Rocchetta Sant'Antonio, in Puglia.
Foggia - 6.21 KM da Candela
Sant'Agata di Puglia
Sant'Agata di Puglia
Il borgo di Sant'Agata di Puglia si trova nella regione storica della Daunia.
Foggia - 11.4 KM da Candela
Monteverde
Monteverde
Il borgo di Monteverde è rinomato per gli insaccati di carne suina, quali soppressata, salsiccia e capocollo, e per i prodotti caseari dell’allevamento bovino brado, come caciocavallo, scamorza, ricotta, formaggio fresco e stagionato.
Avellino - 15.3 KM da Candela
Bisaccia
Bisaccia
Bisaccia, in Campania, è un piccolo borgo di origini medievali il territorio era già abitato nel x secolo a. c. I luoghi più caratteristici del borgo sono il Convento, il Castello Ducale, la Cattedrale e la Chiesa dei Morti.
Avellino - 17.97 KM da Candela
Bovino
Bovino
Bovino si trova in Puglia nella regione storica della Daunia.
Foggia - 19.27 KM da Candela
Melfi
Melfi
Melfi, nota per il Castello Normanno Svevo, sorge nel cuore del Vulture, vulcano ormai spento.
Potenza - 19.52 KM da Candela

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Ricetta: le Melanzane Ripiene
Ricetta: le Melanzane Ripiene
Un piatto tipico, semplice e gustoso della cucina calabrese che non può mancare durante il pranzo domenicale o durante i giorni di festa
By Redazione
Ricetta: Pitta di patate
Ricetta: Pitta di patate
La pitta di patate alla pizzaiola è un piatto tipico salentino adatto sia per una cena o per un antipasto, da gustare sia caldo che freddo
By Redazione
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Un dolce pasquale tipico della città di Lucca e i suoi dintorni. La pasimata della Garfagnana si contraddistingue per la presenza dell'uvetta
By Redazione
Bolgherirun2020: l'evento che ti permette di scoprire gli angoli più belli della Toscana
Bolgherirun2020: l'evento che ti permette di scoprire gli angoli più belli della Toscana
Torna Bolgherirun, l'evento sportivo che permette di scoprire, attraverso il divertimento, il fantastico paesaggio della Toscana.
By Redazione
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
I borghi storici della Lombardia conservano perfettamente le tradizioni enogastronomiche del territorio, grazie alle mani esperte delle massaie che hanno saputo tramandare i segreti della cucina più antica di questa regione.
By Redazione
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Per chi ama un viaggio sensoriale con note romantiche, la costa ligure e i borghi di Lucignano e Varenna sono ricchi di paesaggi, scorci e sentieri.
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di