La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

Isola della Scala


Condividi
Poco distante da Verona e a sud di Venezia, il borgo fa parte del bacino idrografico del Tartaro. Le sue origini risalgono all'età del bronzo, i cui insediamenti aumentarono durante la dominazione romana e con la costruzione della via Claudia Augusta. Nel periodo medievale si registrò l'insediamento di monasteri benedettini, che lavorarono alla bonifica del territorio agricolo. In epoca comunale il territorio appartenne quasi interamente ai conti Bonifacio di Verona e fu chiamato "Isola dei Conti".
  • Borgo con torri
  • Agibile ai disabili
Isola della Scala, Abbazia Santo Stefano  |
Isola della Scala, Abbazia Santo Stefano
Isola della Scala, Chiesa della Formica  |
Isola della Scala, Chiesa della Formica
Isola della Scala, Santuario della Bastia  |
Isola della Scala, Santuario della Bastia
Isola della Scala, Fiera del Riso  | fieradelriso.it
Isola della Scala, Fiera del Riso
fieradelriso.it
Isola della Scala, Risotto all'isolana  | fieradelriso.it
Isola della Scala, Risotto all'isolana
fieradelriso.it
Uno sguardo a Isola della Scala
Uno sguardo a Isola della Scala

Eventi

da
venerdì
24
luglio, 2020
a martedì 28 luglio 2020

Fiera di San Giacomo e Sant'Anna

sabato
25
luglio, 2020

San Giacomo

da
domenica
8
novembre, 2020
a domenica 29 novembre 2020

Fiera del Bollito con la Pearà

sabato
29
maggio, 2021

Saporitaly

sabato
5
giugno, 2021

Festa del Melone Precoce Veronese

Sul borgo

Nel periodo romano le paludi del fiume Tartaro, che occupavano la parte meridionale del territorio, erano molto estese così da procurarne l'"isolamento" dai villaggi e contrade circostanti. Di qui il nome di Insula Cenensis. I primi insediamenti risalgono all'età del Bronzo, che si sono ampliati durante la dominazione romana e con la costruzione della via Claudia Augusta. Nel periodo medievale si registra l'insediamento di monasteri benedettini, che lavorarono alla bonifica del territorio agricolo. In epoca comunale il territorio appartenne quasi interamente ai conti Bonifacio di Verona e fu chiamato "Isola dei Conti".

Nel XIII secolo il paese venne assoggettato dagli Scaligeri, i quali rafforzarono le difese sul fiume Tartaro. Con gli Scaligeri il territorio assunse il nome definitivo di Isola della Scala (Ìsola de la Scala in veneto). Con la conquista della Serenissima Repubblica di Venezia ci fu l'insediamento di molte famiglie veneziane, che provvidero alla costruzione di opere di idraulica e d'arte. Lo stesso nome fu mutato in "Isola di San Marco", ma non ebbe molta sorte nell'uso perché gli abitanti della cittadina rimasero sempre legati all'antico nome sin da ripristinarlo al tramonto della dominazione. In quel periodo tuttavia le paludi furono bonificate e dal XVII secolo fu introdotta la coltivazione del riso. Durante il periodo napoleonico, Isola della Scala perse la sua autonomia, a favore del distretto di Villafranca, ma tornò ad un ruolo di primo piano con la dominazione Austriaca.

Meritano sicuramente una visita l'Abbazia di Santo Stefano, Santuario della Bastia, Chiesa della Formica e la Torre Scaligera, simbolo del borgo. Fa parte dell'area di produzione del Riso Nano Vialone Veronese che viene coltivato su terreni della pianura veronese irrigati con acqua di risorgiva. Presenti anche allevamenti bovini, suini e avicoli.

Specialità locale è il risotto all'isolana, uno dei piatti più conosciuti nel panorama gastronomico veronese.

Comune di Isola della Scala
Provincia di Verona
Regione Veneto

Abitanti: 11.572 (9.399 nel borgo)
Altitudine centro: 31 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Città del riso

Comune di Isola della Scala
Via Vittorio Veneto 4 - Isola della Scala (VR)
Tel. +39 045 6631911

IN AUTO

  • Percorrendo l'autostrada le uscite più vicine al centro di Isola della Scala sono:
    - Uscita Nogarole Rocca (A22 Brennero-Modena)
    - Uscita Verona Sud (A4 Torino-Trieste)

IN TRENO

  • Stazione di Nogara
  • Stazione di Villafranca di Verona
  • Stazione di Verona Porta Nuova

IN AEREO

  • Aeroporto di Verona Villafranca
  • Aeroporto di Parma
  • Aeroporto di Bologna

Dormire, mangiare, comprare...

Dal blog

Lo sapevate che nel borgo di Glorenza c’è l’unica distilleria di whisky italiana? E che a Collodi si trova il Parco di Pinocchio? Curiosità e idee per vivere da protagonisti tutta la magia dei borghi della nostra Penisola... Ecco 10 borghi italiani da scoprire e da vivere con tante cose da fare. Spunti, idee e curiosità per tutti i gusti e per ogni stagione.
Continua
cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950