La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

Valfloriana


Condividi
Il territorio denominato Valfloriana, la "Valle dei Fiori", nome legato ad un'antica leggenda, è in realtà composto da dieci borgate e si estende fino al fiume Avisio, dalla Valle del Rio Longo a quella del Rio Pradesela. La zona è ricca di boschi e suoi villaggi o frazioni presidiano prati ripidi e corsi d'acqua dove nel tempo furono edificate le segherie.
  • Borgo in montagna
Valfloriana, Arlecchino  | Alberto Campanile
Valfloriana, Arlecchino
Alberto Campanile
Valfloriana, località Montalbiano  | Alberto Campanile
Valfloriana, località Montalbiano
Alberto Campanile
Valfloriana, località Sicina  | Alberto Campanile
Valfloriana, località Sicina
Alberto Campanile
Valfloriana, balcone fiorito  | visitfiemme.it
Valfloriana, balcone fiorito
visitfiemme.it
Valfloriana, i pascoli  | visitfiemme.it
Valfloriana, i pascoli
visitfiemme.it
Valfloriana  | stradadeiformaggi.it
Valfloriana
stradadeiformaggi.it
Valfloriana, da Sicina al Malga Sass  | Alberto Campanile
Valfloriana, da Sicina al Malga Sass
Alberto Campanile
Valfloriana, il Malga Sass  | Alberto Campanile
Valfloriana, il Malga Sass
Alberto Campanile
Valfloriana, Prà de la Fior  | visitfiemme.it
Valfloriana, Prà de la Fior
visitfiemme.it
Valfloriana, panorama da Malga Sass  | stradadeiformaggi.it
Valfloriana, panorama da Malga Sass
stradadeiformaggi.it
Valfloriana, catasta di legna  | visitfiemme.it
Valfloriana, catasta di legna
visitfiemme.it
Valfloriana, il formaggio Zigher  | Alberto Campanile
Valfloriana, il formaggio Zigher
Alberto Campanile
Valfloriana, Grostoli tradizionali del Carnevale  | Alberto Campanile
Valfloriana, Grostoli tradizionali del Carnevale
Alberto Campanile
Valfloriana, il Carnevale dei Matòci  | Daniele Lira
Valfloriana, il Carnevale dei Matòci
Daniele Lira
Valfloriana  | Daniele Lira
Valfloriana
Daniele Lira
Valfloriana, gli Arlecchini  | Alberto Campanile
Valfloriana, gli Arlecchini
Alberto Campanile
Valfloriana, i Sposi e le Bele  | Alberto Campanile
Valfloriana, i Sposi e le Bele
Alberto Campanile
Valfloriana  | Alberto Campanile
Valfloriana
Alberto Campanile
Valfloriana, Paiaci durante una pantomima  | Alberto Campanile
Valfloriana, Paiaci durante una pantomima
Alberto Campanile
Valfloriana  | Alberto Campanile
Valfloriana
Alberto Campanile
Valfloriana  | Alberto Campanile
Valfloriana
Alberto Campanile
Valfloriana  | Comitato Carnevale dei Matòci
Valfloriana
Comitato Carnevale dei Matòci
Valfloriana  | Comitato Carnevale dei Matòci
Valfloriana
Comitato Carnevale dei Matòci
Valfloriana  | Comitato Carnevale dei Matòci
Valfloriana
Comitato Carnevale dei Matòci
Valfloriana  | Comitato Carnevale dei Matòci
Valfloriana
Comitato Carnevale dei Matòci
Valfloriana  | Comitato Carnevale dei Matòci
Valfloriana
Comitato Carnevale dei Matòci
Uno sguardo a Valfloriana
Uno sguardo a Valfloriana

Eventi

martedì
4
maggio, 2021

San Floriano

Sul borgo

Il territorio denominato Valfloriana è in realtà composto da dieci borgate (Barcatta, Casanova, Casatta, Dorà, Montalbiano, Sicina, Valle, Villaggio), dieci piccoli borghi arroccati lungo l’estremità Sud-Ovest della Val di Fiemme, sulla sinistra orografica del torrente Avisio. Come Capriana si trova all’imbocco della Val di Cembra. Grazie alla sua posizione un po’ decentrata, può offrire atmosfere rilassanti e legate alle antiche tradizioni. Il nome Valfloriana deriva dal patrono San Floriano, mentre secondo un'altra tradizione deriva dalle sue radure fiorite attorniate da boschi di abeti.

Di giorno è la meta prediletta degli appassionati di trekking o di escursioni con le ciaspole nella natura selvaggia della Catena del Lagorai. Di sera il paese richiama gli amanti del gusto, attratti dall’offerta gastronomica gustosa e genuina dei suoi agritur. Dopo una passeggiata romantica nel betulleto è possibile organizzare una visita alle stalle, famose per la straordinaria attenzione alla salute psicofisica delle mucche.

Valfloriana è conosciuto per il vivace e arcaico Carnevale dei Matòci, celebrato ogni anno con un lungo corteo di personaggi con maschere lignee (facère) e costumi sgargianti. Sabato 10 febbraio, il corteo di personaggi scende di villaggio in villaggio per incontrarsi nella piazza di Casatta, riproponendo l’antica usanza dei “cortei nuziali” e coinvolgendo la popolazione. In tutti i borghi si potranno assaggiare piatti e formaggi tipici, come le zigare (coni di ricotta, sale e pepe) o l’antica formaggella Casat.

Di interesse storico il palazzo del municipio che, fino alla metà del secolo scorso, era una chiesa romanica. Infatti, fra le sue mura comprende il campanile e l'abside, con affreschi del 1400 di scuola germanica, probabilmente attribuibili ad Albrecht Dürer o a un suo allievo.


Ogni Matocio, detto anche Barba, deve superare alcuni ostacoli preparati dalla popolazione delle varie frazioni. Un processo che richiama l’antico sistema di dazi e pedaggi da pagare per passare da un paese all’altro. Segue un vivace scambio di domande e risposte bizzarre e maliziose fra i “Matoci” e gli spettatori, il cosidetto “Contrest”. Un momento particolarmente divertente è anche il controllo dei “documenti casarecci” con i quali i Matoci cercano di ottenere l’accesso alla frazione.

Una volta che tutti i Matoci sono stati accettati dalla popolazione può seguire il resto del corteo - in primis gli “Arlechini”, che danzano in cerchio al suono delle fisarmoniche. La loro danza è un richiamo della primavera e simbolo della fertilità. Con loro arrivano i “bèi” e le “bèle”, invitati allo sposalizio carnevalesco - coppie a ruoli invertiti, con il maschio vestito da femmina e la femmina vestita da maschio.

Il corteo si chiude con i “Paiaci” abbigliati in modo diverso l’uno dall’altro. Il loro compito è far divertire la gente. Al contrario dei Matoci essi sono muti e propongono pantomime satiriche con episodi dalla vita di paese dell’anno passato.

Il corteo è accolto nelle varie frazioni da rinfreschi organizzati dalle associazioni locali. Il “Carnevale Tradizionale di Valfloriana” non è solo un’antica usanza, ma anche un importante momento di aggregazione. L’obiettivo del comitato organizzativo del “Carnevale dei Matoci” è di tenere in vita questa tradizione e di trasmettere il suo patrimonio di cultura popolare alle future generazioni.

Borgo di Valfloriana
Comune di Valfloriana

Provincia di Trento
Regione Trentino Alto Adige

Abitanti: 479
Altitudine centro: 853 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Comunità Montana Val di Fiemme

Comune di Valfloriana
Frazione Casatta 1 - Valfloriana (TN)
Tel. +39 0462 910123

IN AUTO

  • Dall'autostrada Brennero/Modena prendere l'uscita di Egna/Ora e seguire la statale delle Dolomiti. In località Nucleo Stazione (comune Castello-Molina di Fiemme) prendere la S.P.232 direzione Valle di Fiemme. Alla rotonda girare a destra direzione Valsugana fino a Molina di Fiemme. Immetersi sulla S.P.71 seguendo le indicazione per Valsugana fino a Casatta.
  • Dall'autostrada Brennero/Modena uscire a Trento nord, immettersi in Via dei Spini fino alla S.S.12, girare a destra e al primo bivio a sinistra sulla S.P.76 e proseguire fino a Lona-Lases. Poi a sinistra sulla S.P.71 fino a Casatta.

IN TRENO

  • Stazione ferroviaria di Ora
  • Stazione ferroviaria di Trento
  • Stazione ferroviaria di Bolzano

Dormire, mangiare, comprare...

cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950