La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

Carano


Condividi
Tipico villaggio alpino, Carano è situato su un terrazzo naturale che domina la vallata, con vista sulla Catena del Lagorai e sulle Pale di San Martino. La Valle del Rio Val, detta anche Val d'Osta, divide il paese in due parti: la Villa, che è l'agglomerato principale e più elevato (m.1120) e Radòe, dove sorge la chiesa (m.1086). Il suo territorio comprende anche alcuni piccoli nuclei abitati come Aguai, Cela, Veronza, Solaiolo, Calvello.
  • Borgo in montagna
  • Borgo con parco
Carano e il campanile di Daiano sullo sfondo  | Federico Modica
Carano e il campanile di Daiano sullo sfondo
Federico Modica
Carano, la parrocchiale  | Alberto Campanile
Carano, la parrocchiale
Alberto Campanile
Carano, Museo Etnografico Casa Begna  | visitfiemme.it
Carano, Museo Etnografico Casa Begna
visitfiemme.it
Carano  | Federico Modica
Carano
Federico Modica
Carano, facciata della Parrocchiale  | Alberto Campanile
Carano, facciata della Parrocchiale
Alberto Campanile
Carano  | Sirio Blue Film
Carano
Sirio Blue Film
Carano, Passo Lavazé  | Federico Modica
Carano, Passo Lavazé
Federico Modica
Tra Passo Pampeago e Rifugio Torre di Pisa  | Alberto Campanile
Tra Passo Pampeago e Rifugio Torre di Pisa
Alberto Campanile
Uno sguardo a Carano
Uno sguardo a Carano

Sul borgo

Il borgo sorge su un antico castelliere dell’Età del Bronzo. Il centro è caratterizzato dalle cosiddette “Cortazze” o “Corti”, una serie di passaggi e stradine spesso situate sulla linea della massima pendenza per facilitare il defluvio delle acque. Passeggiando si possono ammirare dipinti murali e affreschi, la bella fontana monolitica del 1888 e il capitello dedicato alla Vergine. La chiesa di Carano, dedicata a San Nicolò di Bari, risale al 1150.

Uscendo dal borgo, in direzione Cavalese, nel muro sulla sinistra, si nota il sasso "fato lano dela fame" in ricordo della carestia del 1570. Da visitare il museo etnografico Casa Begna e l'antica sorgente di Ceva, con un'acqua solfato-calcareo-magnesiaca efficace contro le malattie reumatiche e della pelle. Fra le passeggiate più spettacolari vicino al paese, il Sentiero delle Cascatelle.

A pochi chilometri da Carano si trova il Passo Lavazé, meta di meravigliose escursioni naturalistiche a piedi o con le ciaspole (racchette da neve) nonché punto di incontro fra lo sci di fondo e lo sci alpino. È vicina a Carano anche l’Alpe Pampeago, porta di accesso allo Ski Center Latemar.

Borgo di Carano
Comune di Carano

Provincia di Trento
Regione Trentino Alto Adige

Abitanti: 1.101
Altitudine centro: 1086 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Comunità Montana Val di Fiemme

Aree naturali protette:
Biotopo Palù di Longa

Il Comune
Via Giovanelli A. 38 - Tel. +39 0462 340244

IN AUTO

  • Percorrendo l'autostrada le uscite più vicine al centro di Carano sono:
    - Uscita Egna - Ora - Termeno (A22 Brennero-Modena)
    - Uscita Bolzano Sud (A22 Brennero-Modena)

IN TRENO

  • Stazione di Ora
  • Stazione di Egna-Termeno

Dormire, mangiare, comprare...

Eventi

domenica
6
dicembre, 2020

San Nicolò

cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950