La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

San Casciano dei Bagni


Condividi
Noto per la presenza di sorgenti termali, classificandosi al terzo posto in Europa per portata di acqua termale, San Casciano dei Bagni è situato a sud di Siena. A colpire chi lo visita è il Castello Turrito, con mura merlate e torre che sovrasta l'interno abitato.
  • Borgo con castello
  • Borgo termale
  • Via Francigena
  • Agibile ai disabili
  • Borghi più belli d'Italia
  • Paesi Bandiera Arancione
  • Città del vino
  • Città dell'olio
San Casciano dei Bagni  |
San Casciano dei Bagni
San Casciano dei Bagni, i vigneti nella frazione di Palazzone  |
San Casciano dei Bagni, i vigneti nella frazione di Palazzone
San Casciano dei Bagni  |
San Casciano dei Bagni
San Casciano dei Bagni  |
San Casciano dei Bagni
San Casciano dei Bagni, Celle sul rigo  |
San Casciano dei Bagni, Celle sul rigo
San Casciano dei Bagni, Sorgenti Termali - Bagno Bossolo  |
San Casciano dei Bagni, Sorgenti Termali - Bagno Bossolo

Eventi

giovedì
13
agosto, 2020

San Cassiano

Sul borgo

Il caratteristico borgo di San Casciano dei Bagni è legato essenzialmente alla presenza delle acque termali: 42 sorgenti ad una temperatura media di 40 °C con una portata complessiva di circa 5,5 milioni di litri di acqua al giorno, collocando San Casciano al terzo posto in Europa per portata di acqua termale
Il borgo è situato nella zona più a sud della provincia di Siena e il suo monumento più antico si trova alle porte del centro termale ed è il Tempietto Pagano che risale al IV sec., dedicato alla dea della salute Igea.

Tra il XVII e XVIII secolo gli Etruschi fondarono i "Bagni Chiusini", apprezzati e frequentati successivamente anche dai Romani, sia per l'efficacia delle acque che per la vicinanza alla stessa Roma ed alla Via Cassia.

La vitalità di questo centro è testimoniata anche dalla precoce penetrazione del Cristianesimo e già nel IV-V secolo esisteva in San Casciano una pieve intitolata a S. Maria “ad Balneo”.

Il Duecento è il secolo della ripresa generale del termalismo e con esso rinasce anche San Casciano, grazie anche alla vicinanza della Via Francigena, l'importante arteria di collegamento fra l'Europa, il nord Italia e Roma.
Da ricordare in questo periodo la disavventura dell'abate di Cluny, rapito da Ghino di Tacco mentre veniva a San Casciano per curare il mal di fegato e stomaco così come ricordato dal Boccaccio, nella II novella del X giorno del Decamerone. 

Qui tutto è natura e benessere, e ancora scorrono le acque termali care agli Etruschi, loro scopritori.
I Romani, riprendendo le usanze dei loro predecessori, frequentavano le terme per curare -racconta il poeta Orazio - le malattie del fegato e delle vie biliari. 
Nel Seicento le acque minerali e sulfuree tornarono in voga con i Granduchi di Toscana, che diedero l’odierna sistemazione all’edificio termale.

Tutt’intorno, la campagna toscana dove, in barba al recupero della forma fisica, si può peccare con una bistecca di chianina. L’immagine con cui si presenta San Casciano dei Bagni oggi è quella del Castello con le mura e la torre.

Il castello è un falso novecentesco, ma ben integrato nell’ambiente circostante. Dal belvedere di piazza Matteotti si ammira uno dei panorami più belli della campagna toscana. All’interno del borgo numerosi palazzi e chiese ricordano l’importanza del luogo. La presenza ristoratrice e curativa delle sorgenti termali valeva la deviazione da Radicofani, sulla Via Francigena, a San Casciano.

Uno che questa deviazione l’ha fatta, è stato Montaigne nel 1581, come annota nel suo Journal de Voyage en Italie. Addentrandosi negli stretti vicoli dai significativi nomi di via della Pace e via del Silenzio, si scende fino alla porta in blocchi di travertino più difficile da espugnare perché in cima a una ripida salita. Spostandosi nell’altro versante del borgo si raggiunge l’oratorio cinquecentesco che conserva un affresco del Pomarancio.


Qui tutto è natura e benessere, e ancora scorrono le acque termali care agli Etruschi, loro scopritori. I Romani, riprendendo le usanze dei loro predecessori, frequentavano le terme per curare -racconta il poeta Orazio - le malattie del fegato e delle vie biliari. Nel Seicento le acque minerali e sulfuree tornarono in voga con i Granduchi di Toscana, che diedero l'odierna sistemazione all'edificio termale. Tutt'intorno, la campagna toscana dove, in barba al recupero della forma fisica, si può peccare con una bistecca di chianina. L'immagine con cui si presenta San Casciano dei Bagni oggi è quella del castello con le mura e la torre. Il castello è un falso novecentesco, ma ben integrato nell'ambiente circostante. Dal belvedere di piazza Matteotti si ammira uno dei panorami più belli della campagna toscana. All'interno del borgo numerosi palazzi e chiese ricordano l'importanza del luogo. La presenza ristoratrice e curativa delle sorgenti termali valeva la deviazione da Radicofani, sulla Via Francigena, a San Casciano. Uno che questa deviazione l'ha fatta, è stato Montaigne nel 1581, come annota nel suo Journal de Voyage en Italie. Addentrandosi negli stretti vicoli dai significativi nomi di via della Pace e via del Silenzio, si scende fino alla porta in blocchi di travertino più difficile da espugnare perchè in cima a una ripida salita. Spostandosi nell'altro versante del borgo si raggiunge l'oratorio cinquecentesco che conserva un affresco del Pomarancio. Meritano una visita anche le frazioni di Fighine, Palazzone e Celle sul Rigo. La Sagra dei Pici che si svolge in quest'ultima sicuramente contraddice gli intenti della remise en forme alle terme.

Scopri gli altri borghi sulla guida Toscana - Borghi Da Amare

Borgo di San Casciano
Comune di San Casciano dei Bagni
Provincia di Siena
Regione Toscana

Abitanti: 1.632
Altitudine centro: 582 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
I Borghi più belli d'Italia
Paesi bandiera arancione
Città del vino
Città della chianina
Città dell'olio
Comuni della Via Francigena
Strada del Vino Orcia

Il Comune
Piazza Della Repubblica 4 - Tel. 0578-58027

IN AUTO

  • Da Nord: Percorrere l'autostrada A1 direzione Roma, uscire a Chiusi-Chianciano Terme, seguire le indicazioni per Sarteano, attraversare il paese e proseguire per San Casciano dei Bagni.
  • Da Sud: Percorrere l'autostrada A1 direzione Firenze, uscire a Fabro, seguire la direzione per San Casciano dei Bagni.

IN TRENO

  • Stazione ferroviaria di Chiusi-Chianciano Terme

IN AEREO

  • Aeroporto di Firenze 
  • Aeroporto di Roma

Dormire, mangiare, comprare...

Ristorante Daniela
Fattore fondamentale è senza dubbio l’utilizzo di prodotti locali di alta qualità.
Piazza Giacomo Matteotti, 7, San Casciano dei Bagni
cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950