La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

Radda in Chianti


Condividi
Di origini antiche e dall'aspetto medievale, Radda in Chianti fu la capitale della regione del Chianti. Racchiuso da possenti mura difensive, il borgo sorge sulla cima del colle che divide le valli di Arbia e Pesa. Ciò che cattura i visitatori è il panorama mozzafiato, l'atmosfera tipica di un piccolo borgo toscano, il calendario sempre ricco di eventi ed i sapori naturali di questa terra.
  • Agibile ai disabili
  • Città del vino
Radda in Chianti  |
Radda in Chianti
Radda in Chianti  |
Radda in Chianti
Radda in Chianti  | Toscana Promozione Turistica
Radda in Chianti
Toscana Promozione Turistica
Radda in Chianti  | Toscana Promozione Turistica
Radda in Chianti
Toscana Promozione Turistica
Radda in Chianti  | Toscana Promozione Turistica
Radda in Chianti
Toscana Promozione Turistica
Radda in Chianti  | Toscana Promozione Turistica
Radda in Chianti
Toscana Promozione Turistica
Video di Coen Rouwmaat

Sul borgo

Radda in Chianti, spettacolare borgo medievale, in passato fu la capitale della regione del Chianti. Avvolto da possenti mura, il borgo è sito sulla cima di un colle che divide le valli di Arbia e Pesa.
L'area intorno al borgo ha origine antiche, come dimostra l'area archeologica di Poggio la Croce in cui sono emersi i resti di un antico villaggio.

Alla caduta dell'impero romano, nel V secolo, nella zona si erano già formati piccoli agglomerati di carattere rurale che esistono ancora oggi; questi paesi erano Castelvecchi, Monterinaldi, Volpaia e la stessa Radda.
Tra il IX e X secolo la zona di Radda vide la nascita della società feudale che comportò l'incastellamento dei villaggi. 

L'area archeologica di Poggio la Croce è situata nei pressi della strada che da Castellina in Chianti porta verso Radda in Chianti. Essa è posta sulla sommità del suddetto poggio. In quest'area è stato scoperto un sito archeologico pluristratificato in cui sono state individuate le più antiche presenze umane nella zona del Chianti.
L'area risulta abitata fin dall'età del rame. Oltre a quel periodo sono emerse testimonianze di un villaggio di pastori riferibile alla fine dell'età del bronzo. Oltre ai precedenti l'area risulta essere stata abitata anche in epoca protovillanoviana (XI secolo a.C.), di cui sono emersi i resti di due edifici ma anche le fondamenta di una porta di accesso al villaggio, di una fortificazione e di alcuni resti di un torchio vinario.


Seduti a un tavolino all’aperto sulla terrazza di qualche fattoria o agriturismo, contempliamo alla luce del tramonto l’incantevole panorama del territorio del Chianti. Sul tavolo una bottiglia appena stappata di quel succo rosso e corposo che prende nome proprio dalle colline in cui nasce.
Radda, posto nel cuore di questo territorio, fa parte di un paesaggio plasmato dalla lenta azione della mano dell’uomo, risultato del rapporto dinamico tra natura e cultura e che, per questo, diviene la dimora di una comunità e della sua storia.
Il borgo, storicamente estremo baluardo difensivo dei confini di Firenze verso il territorio senese, non ha conosciuto modifiche nell’impianto urbanistico nel corso dei secoli, mantenendo la bella pianta ellittica, segnata dalla cinta muraria e dalle tracce delle due antiche porte di accesso. Si offre al visitatore lasciandosi attraversare rapidamente a piedi lungo la sinuosa via principale, ma ci lascia la possibilità di un cammino più meditato nella rete di viuzze e sdruccioli, che guidano alla scoperta degli angoli più nascosti.
Di assoluto rilievo, appena fuori dal paese, troviamo l’ex Convento di Santa Maria al Prato, oggi sede della Fondazione per la Tutela del Territorio del Chianti Classico, con la chiesa di origine trecentesca che ospita una bellissima pala lignea tardo-quattrocentesca, opera del pittore Neri di Bicci, raffigurante la Vergine in trono con il Bambino, affiancata dai Santi Niccolò, Giovanni Battista, Maddalena e Antonio Abate.

Scopri gli altri borghi sulla guida Toscana - Borghi Da Amare

Borgo di Radda in Chianti
Comune di Radda in Chianti
 
Provincia di Siena
Regione Toscana

Abitanti: 1.613
Altitudine centro: 530 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Città del vino

Riconoscimenti
Bandiera Arancione - Touring Club Italiano

Il Comune
Piazza F. Ferrucci 1 - Tel. +39 0577 783791

IN AUTO

  • Da Nord: Percorrere l'autostrada A1 in direzione Roma. Uscire a Firenze Certosa ed immettersi sulla superstrada Firenze-Siena, uscire a San Donato in Poggio e proseguire in direzione Castellina in Chianti, giunti a Castellina in Chianti seguire le indicazioni per Radda in Chianti, immboccare la SS 429 fino a Radda in Chianti;
  • oppure, uscire a Firenze Sud, imboccare la SR 222 Chiantigiana e seguire le indicazioni per Radda in Chianti.
  • Da Sud: Percorrere l'autostrada A1 in direzione Firenze, uscire a Montevarchi-Valdarno, a Montevarchi seguire le indicazioni per Gaiole in Chianti, prendere la SS 408 e poi svoltare in direzione Radda in Chianti imboccando la SS 429.

IN TRENO

  • Stazione ferroviaria di Montevarchi
  • Stazione ferroviaria di Chiusi

IN AEREO

  • Aeroporto di Firenze 
  • Aeroporto di Pisa

Dormire, mangiare, comprare...

Ristorante Daniela
Fattore fondamentale è senza dubbio l’utilizzo di prodotti locali di alta qualità.
Piazza Giacomo Matteotti, 7, San Casciano dei Bagni (Siena)
79.61 Chilometri da Radda in Chianti

Eventi

domenica
6
dicembre, 2020

San Nicola di Bari

Dal blog

PIATTO ADATTO A VEGETARIANI Per la ricetta di questa settimana vi proponiamo un primo piatto semplice ma altrettanto gustoso. Stiamo parlando dei Pici all’Aglione e in particolare quelli preparati nel borgo di Radda in Chianti, in provincia di Siena. I pici, tipici proprio della Toscana, sono un tipo di pasta fatta a mano simili a degli spaghetti ma più larghi e di conseguenza ancora più co...
Continua
cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950