La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

Alghero


Condividi
Riconosciuta come la piccola Barcellona, il borgo marinaro di Alghero è il capoluogo della Riviera del Corallo. Una delle sue caratteristiche è il suo paesaggio. Fuori del centro storico e del resto dei quartieri urbani, la grande area del comune vanta diverse spiagge, baie e parchi naturali sul litorale. Il promontorio di Capo Caccia e il suo faro costituiscono una delle icone della città.
  • Borgo di mare
  • Borgo con parco
  • Borgo con torri
  • Agibile ai disabili
  • Area sosta camper
  • Città del vino
  • Città dell'olio
Grotte di Nettuno  | jasomtomo/shutterstock.com
Grotte di Nettuno
jasomtomo/shutterstock.com
Alghero  | Gabriele Maltinti/shutterstock.com
Alghero
Gabriele Maltinti/shutterstock.com
Centro storico  | sbellott/shutterstock.com
Centro storico
sbellott/shutterstock.com
Nuraghe Palmavera  | sbellott/shutterstock.com
Nuraghe Palmavera
sbellott/shutterstock.com
Alghero di sera  | KajzrPhotography/shutterstock.com
Alghero di sera
KajzrPhotography/shutterstock.com
Alghero  | Francesco Maltinti/shutterstock.com
Alghero
Francesco Maltinti/shutterstock.com
Cattedrale dell'Immacolata Santa Maria   | Francesco Maltinti/shutterstock.com
Cattedrale dell'Immacolata Santa Maria
Francesco Maltinti/shutterstock.com
Capo Caccia  | KajzrPhotography/shutterstock.com
Capo Caccia
KajzrPhotography/shutterstock.com
Alghero  | Macrolife/shutterstock.com
Alghero
Macrolife/shutterstock.com
Uno sguardo ad Alghero
Uno sguardo ad Alghero
Video di worldoftirza

Eventi

da
domenica
21
giugno, 2020
a mercoledì 30 settembre 2020

Fiera di San Giovanni

da
sabato
1
agosto, 2020
a venerdì 7 agosto 2020

Nostra Signora della Mercede

sabato
15
agosto, 2020

Ferragosto

martedì
29
settembre, 2020

San Michele

giovedì
31
dicembre, 2020

Cap d'Any

da
martedì
30
marzo, 2021
a lunedì 5 aprile 2021

Setmana Santa

Sul borgo

Conosciuta come la piccola Barcellona italiana, il borgo marinaro di Alghero preserva l'uso del catalano, di cui è un'isola linguistica. E' definita il capoluogo della Riviera del Corallo, nome derivante dalla preziosa quantità di corallo rosso presente nelle sue acque e pescato dai corallari subacquei. Riconosciuto come simbolo della cittadina, un ramo di corallo è infatti inserito nello stemma comunale.

La Grotta Verde, grotta sommersa sul promontorio di Capo Caccia, è stata oggetto di frequentazione a partire dal neolitico antico (VI-V millennio a.C.). Per la fase del neolitico recente (3500 a.C.-2700 a.C.) sono presenti tombe sotterranee come le domus de janas in gruppi o in necropoli, tra cui la necropoli di Anghelu Ruju, appartenenti alla cultura di Ozieri.

Nell'età nuragica il territorio algherese è intensamente popolato con 90 nuraghi individuati (densità di 0,40 per km²), circa un terzo dei quali ormai scomparsi. La maggior parte sono a singola torre e tutti sono costruiti in pietra locale, come calcare, arenaria e trachite. Sono inoltre presenti diversi villaggi, per la maggior parte collegati ai nuraghi, dove sono state rinvenute ceramiche protocorinzie e fenicie, a testimonianza dei rapporti commerciali intrattenuti con le altre regioni mediterranee.

La nascita dell'odierna Alghero viene fatta risalire al XII secolo, quando alla nobile famiglia genovese dei Doria venne concesso di fondarne il primo nucleo storico. La posizione strategica e la presenza di una ricca falda acquifera, testimoniata dai pozzi ancora presenti in alcune case, permise la crescita della città e ne accrebbe l'importanza strategica.

Per circa un secolo restò nell'orbita della repubblica marinara; nel 1283 i pisani riuscirono a conquistarla e la tennero fino al 1284, quando all'indomani della sconfitta pisana della Meloria, i Doria rientrarono ad Alghero.

Cessata la terribile epidemia di peste nera che colpì anche la Sardegna nel 1347, nel 1350 alcuni discendenti dei Doria vendettero i propri diritti a Pietro IV d'Aragona, che stava realizzando territorialmente il neonato Regno di Sardegna, mentre i restanti discendenti cedettero i propri diritti alla Repubblica di Genova nel 1353: questo portò inevitabilmente a uno scontro fra le due fazioni, catalano-aragonesi da un lato, genovesi, in seguito alleati con gli arborensi, dall'altro.

Nel 1355 il borgo ottenne lo stemma comunale. Il 28 agosto 1501 le venne conferito il titolo di Città Regia. Nel 1541, l'imperatore Carlo V venne in visita accompagnato dall'ammiraglio Andrea Doria, constatando le qualità che la resero così appetibile nel passato, e coniando forse la famosa espressione Sed todos caballeros.

Nel 1652 Alghero fu colpita nuovamente dalla peste, portata nella città da una nave catalana. Alcuni algheresi emigrarono verso altre zone dell'isola sperando di salvarsi, ma ottennero l'effetto di diffondere in tutto il territorio la pestilenza, che colpì duramente la Sardegna per ben quattro anni. Nel 1720 il Regno di Sardegna passò alla Casa Savoia, senza che questo avesse apportato mutamenti alla tradizione culturale e linguistica di Alghero.

Alghero conta un panorama naturale molto vario, dalle spiagge con sabbia fine alle scogliere con sassi piatti o molto frastagliati: è apprezzabile soprattutto la vista dal mare, in quanto si riesce a cogliere la varietà della sua costa mista alla vegetazione, la tipica macchia mediterranea e alla pineta che spesso fa da contorno; molto apprezzato per il suo panorama è il promontorio di Capo Caccia, con la sua ormai conosciuta falesia a forma di gigante addormentato che è divenuta una dei simboli di Alghero, insieme al pregiato corallo rosso.

La zona di Capo Caccia con la prospiciente Isola Piana e del golfo di Porto Conte è sito di primario interesse naturalistico, in cui è stata costituita l'Area naturale marina protetta Capo Caccia - Isola Piana. La particolare conformazione geologica (origine carsica) rende la zona ricchissima di grotte ed anfratti, ancora in buona parte inesplorati.

Insistono proprio qui le famose Grotte di Nettuno, accessibili sia dal mare sia da terra (tramite la famosa Escala del Cabirol, di 656 gradini), e che offre al suo interno un panorama di sale e piscine, come la piscina del gigante, e stalattiti e stalagmiti di forme particolari, come l'organo. Sul versante orientale di Capo Caccia si aprono a strapiombo sul mare la Grotta dei Ricami e la Grotta Verde, raggiungibili solo via mare.

Nelle strade del borgo, accanto alla dicitura in italiano dei toponimi si affianca spesso la dicitura catalana. Se nella parte "nuova" della città i toponimi sono semplicemente tradotti in catalano, stessa cosa non si può dire del centro storico, nel quale le diciture rimandano alla tradizione culturale algherese.

La centralissima via Carlo Alberto, per esempio, in un suo tratto prende il nome catalano di Carrer de Sant Francesc (strada/via di san Francesco), proprio in corrispondenza dell'omonima chiesa. Il centro abitato di Alghero presenta uno sviluppo di tipo costiero; si possono individuare due parti. 

La prima occupa la parte centro-meridionale della città e ne costituisce il nucleo principale. Se osservata dal satellite si può notare la forte differenza che intercorre tra il tessuto del centro storico (situato in una pseudo-penisola naturale) e quello circostante, di realizzazione successiva ed in ulteriore sviluppo sulle direttrici sud (strada per Villanova) ed est (strada per Ittiri/Olmedo). La seconda, invece, è situata a nord ed è il fulcro delle residenze turistiche.


La cucina algherese si basa soprattutto sul pesce e i crostacei, in particolare sulla famosa aragosta algherese, conosciuta e apprezzata in tutto il mondo.

Alcuni piatti tipici sono l'aragosta all'algherese, la coppazza e gli spaghetti ai ricci di mare e gli spaghetti alla bottarga, le monzette sotto sale cotte al forno e la paella algherese, che si accompagnano poi ai piatti e ai prodotti tipici della cucina sarda del nord.

Tra i dolci alcuni dei più tipici sono la crema bruciata e il biancomangiare, meglio noto col nome catalano, menjar blanc.

Tra le verdure ricordiamo il pomodoro corallino, il pomodoro camona e i cardi.

Tra i vini di questa zona, l'Alghero DOC e l'Anghelu Ruju, in quanto le vigne sono attorno al sito archeologico.

Importante anche la produzione di olio d'oliva, che proviene dagli oliveti del territorio algherese.

Borgo di Alghero
Comune di Alghero
Provincia di Sassari
Regione Sardegna

Abitanti: 44.019 (42.419 nel borgo)
Altitudine centro: 7 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Città del vino
Città dell'olio

Aree naturali protette:
Area naturale marina Capo Caccia Isola Piana
Parco naturale regionale di Porto Conte

Il Comune
Via S. Anna 38 - Tel. 079-997800

IN AEREO

  • Aeroporto Fertilia "Riviera del Corallo"

Dormire, mangiare, comprare...

Alghero è sul numero 4 della nostra rivista digitale e-borghi travel.
Sfogliala ora gratis!

Dal blog

Una straordinaria offerta di artigianato, quella dei borghi italiani, che compendia tecniche antiche e abilità manuali. Creazioni artigianali che nelle loro declinazioni creative danno forma a opere tipiche dei loro territori, diventando protagoniste di itinerari a tema che vanno oltre l’aspetto ludico. Ecco, quindi, quattro borghi nei quali la scoperta dell’artigianato locale vale di per sé un viaggio. Volterra (Tos...
Continua
Nei giorni scorsi, a Roma, alle Terme di Diocleziano, l'assesore alle Attività produttive del Comune di Alghero, Ornella Piras, ha partecipato alla giornata dedicata ai borghi storici marinari e ha ottenuto un grandissimo traguardo: Alghero è entrata a far parte di un circuito di valorizzazione delle città del turismo di qualità. Il comune è stato inserito nel progetto interregionale di sviluppo turistico, condiviso da diciotto Regioni, con capofila l’ ...
Continua
cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950