La più grande risorsa online su turismo lento e borghi
Accedi alla Community

Greccio


Condividi
Sicuramente uno dei luoghi più belli e pittoreschi della Valle Reatina, l'antico borgo medievale conserva intatta la sua struttura, offrendo ai visitatori una serie di bellezze naturali e un patrimonio artistico e culturale davvero molto intenso. Un luogo molto suggestivo che riuscì persino a rapire il cuore di San Francesco D'Assisi, il quale decise proprio qui nel santuario, di istituire il primo presepe al mondo.
  • Borgo in montagna
  • Borgo con parco
  • Borgo con castello
  • Borgo con torri
  • Agibile ai disabili
  • Borghi più belli d'Italia

Video esclusivo

La culla mondiale del presepe: Greccio, piccolo borgo della Sabina e uno dei più belli ...
L'azienda Antica Pasta è un vero fiore all'occhiello del borgo di Greccio. I suoi prodotti ec...
Greccio  | ValerioMei
Greccio
ValerioMei
Greccio  | ValerioMei
Greccio
ValerioMei
Greccio  | flaviano fabrizi
Greccio
flaviano fabrizi
Greccio  | Buffy1982
Greccio
Buffy1982
Greccio  |
Greccio
Greccio  | Gabriella Clare Marino
Greccio
Gabriella Clare Marino
Greccio, Museo del Presepe  |
Greccio, Museo del Presepe
Greccio  | Gabriella Clare Marino
Greccio
Gabriella Clare Marino
Greccio  | Massimo Rinaldi
Greccio
Massimo Rinaldi
Greccio  | Massimo Rinaldi
Greccio
Massimo Rinaldi
Greccio  | Massimo Rinaldi
Greccio
Massimo Rinaldi
Greccio  | Massimo Rinaldi
Greccio
Massimo Rinaldi
Greccio  | Massimo Rinaldi
Greccio
Massimo Rinaldi
Greccio  | Massimo Rinaldi
Greccio
Massimo Rinaldi
Greccio  | Massimo Rinaldi
Greccio
Massimo Rinaldi
Greccio  | Massimo Rinaldi
Greccio
Massimo Rinaldi
Uno sguardo a Greccio
Uno sguardo a Greccio

Sul borgo

Piccolo borgo situato in provincia di Rieti, Greccio offre ai visitatori una serie di bellezze naturali e un patrimonio artistico e culturale davvero molto intenso. Si tratta di un luogo molto particolare, tanto che fu capace di rapire persino il cuore di San Francesco D'Assisi, che proprio qui decise insieme a Giovanni Velita signore di Greccio, di istituire il primo presepe vivente al mondo per far rivivere la nascita di Gesù.

Oltre al profondo significato religioso, Greccio può essere a tutti gli effetti considerato una vera e propria perla. Qui, tradizioni e folclore popolare si mescolano facendo fare un salto indietro nel tempo e riportando alla luce antichi sapori.
La prima cosa che colpirà i visitatori che arriveranno a Greccio è senza dubbio la natura incontaminata che circonda il borgo, formata da tanto verde e affascinanti sentieri che si snodano tra i boschi.

Oltre al Santuario di San Francesco, a Greccio sono presenti numerose testimonianze di un passato glorioso, reso visibile dal maestoso castello. Tuttavia, le origini del borgo sono ancora più antiche. Il suo nome, infatti, secondo la tradizione, è legato all'arrivo di una colonia greca. Secondo la leggenda, le persone fuggendo da guerra, fame e distruzione, trovarono proprio a Greccio il posto ideale in cui stabilirsi, tra la tranquillità del paesaggio e la posizione strategica che facilitava la difesa.

Durante il Medioevo il borgo venne fortificato, tanto che ancora oggi è rimasto quel fascino tradizionale, nonostante i saccheggi e le distruzioni che lo colpirono da Federico II all'esercito napoleonico. Nonostante questo, nel castello ancora è rimasta una parte dell'antico pavimento e le tre torri ricordano l'antico uso della struttura come fortezza. Dal XVII secolo la torre più alta venne trasformata in un campanile, poiché si trova adiacente alla Chiesa di San Michele Arcangelo.
La struttura, risalente al XIV secolo, è stata ricavata proprio da una parte del vecchio castello. Nel corso dei secoli venne distrutta e ricostruita diverse volte ma ancor oggi al suo interno sono ancora presenti diversi affreschi ed opere d'arte che risalgono al XV e al XVII secolo.

Per gli amanti del trekking, Greccio offre numerosi itinerari che si snodano tra i sentieri che circondano il borgo. Il Cammino di San Francesco ripercorre i passi del frate tra la pianura della Valle Santa in una cornice suggestiva fatta da dolci colline intervallate da rilievi montuosi più aspri. La passeggiata verso Fonte Lupetta è altrettanto suggestiva quanto affascinante e permette di raggiungere l'antica sorgente d'acqua a cui è legata la leggenda del lupo ammansito da San Francesco. Tale acqua, inoltre, pare avere fantastiche proprietà benefiche e diuretiche.

Assolutamente da non perdere una vista al Museo dei Presepi, noto anche come Museo della Natività, posto nella chiesa di Santa Maria. All'interno è possibile ammirare presepi provenienti da diverse culture. Lo spazio è aperto tutti i giorni e può essere visitato acquistando un biglietto.

Durante il periodo delle feste natalizie, Greccio ospita un delizioso mercatino di Natale e soprattutto all'antica arte del presepe. Visitarlo offre l'opportunità di entrare in contatto con artigiani locali e rivivere tradizioni del passato con il presepe, simbolo di Greccio, come protagonista. Immancabile ogni anno subito dopo il Natale, la rappresentazione del Presepe Vivente.

La tradizione gastronomica di Greccio è basata su ingredienti semplici e genuini, con piatti ricchi di gusto.
In autunno la zucca è l'assoluta protagonista per piatti dolci come torte e biscotti e per ottime vellutate accompagnate da pane casereccio tostato e pecorino. L'inverno è il momento di piatti caldi e corposi come le zuppe preparate con funghi e verdure locali o la pasta fatta in casa ripiena di carne. In primavera, la cucina di Greccio diventa un'esplosione di colori con verdure fresche di stagione, servite al vapore o utilizzate per preparare delicate vellutate come ad esempio quella a base di carote e carciofi. L'estate, infine, è la stagione della panzanella a base di pomodoro fresco e basilico, da mangiare come piatto unico o sfizioso aperitivo.


Il territorio presenta elementi di interesse di tipo paesaggistico-panoramico, botanico e idrologico.

Avvincente la rete sentieristica sul territorio ed immersa in una natura incontaminata.
Percorsi dedicati a coloro che desiderano vivere un’esperienza diversa nei boschi di Greccio: una semplice avventura, trekking, oppure un pellegrinaggio dove lo stesso poverello di Assisi amava trascorrere momenti di meditazione immerso nel mistero del creato.

Tra i Sentieri Naturalistici-Religiosi: “Da Greccio alla Cappelletta”, l’antico percorso che si sviluppa in uno scenario panoramico unico; il sentiero che conduceva Giovanni Velita, feudatario di Greccio e amico di Francesco, ai 1.205 m slm della Cappelletta, il primo rifugio del Santo nel territorio, nel momento in cui decise di stabilirsi a Greccio: “Ivi, Egli fece costruire una misera capanna di arbusti, fra due folti carpini, atta a preservarlo dalle intemperie invernali e dai calori estivi”.

L’edificio attualmente presente sul luogo è stato edificato nel 1712 da Papa Clemente XI in ricordo del Santo e, nel corso degli anni, è stato oggetto di successivi ampliamenti e di interventi anche di consolidamento.
Il posto è senza dubbio incantevole e scopre una veduta panoramica a 360 gradi che permette di dominare sia l'intera Valle Santa Reatina quindi tutti i luoghi francescani in essa presenti (Poggio Bustone, La Foresta, Fonte Colombo e lo stesso Santuario di Greccio), sia la terra Sabina ad ovest fino addirittura a scorgere, in condizioni di particolare limpidezza, la Cupola della Basilica di S. Pietro a Roma.

Borgo di Greccio
Comune di Greccio

Provincia di Rieti
Regione Lazio

Abitanti: 1.554 grecciani
Altitudine centro: 705 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
I Borghi più belli d'Italia
Comunità Montana Montepiano Reatino

Il Comune
Via Limiti Nord 17 - Tel. +39 0746 750591

= distanze in linea d'aria

IN AUTO

  • Da Nord: percorrere la A1 fino all'uscita di Orte e da lì in direzione Terni oppure percorrere la E45 (Perugia/Cesena) fino a Terni. Continuare sul raccordo Terni/Orte e uscire a Terni Est verso Rieti. Continuare sul raccordo Terni/Rieti ed uscire a Greccio.
  • Da Sud: percorrere la A1 ed uscire a Roma Nord. Proseguire fino a Fiano Romano e poi prendere la Salaria in direzione Rieti. Arrivati a Rieti prendere il raccordo per Terni e uscire a Greccio.

IN TRENO

  • Stazione di Rieti
  • Stazione di Terni

IN AEREO

  • Aeroporto di Roma-Ciampino 
  • Aeroporto di Perugia 
  • Aeroporto di Roma-Fiumicino 

Dormire, mangiare, comprare...

= distanze in linea d'aria

Greccio è sul numero 30 della nostra rivista digitale e-borghi travel.
Sfogliala ora gratis!

Eventi

giovedì
29
settembre, 2022

San Michele Arcangelo

da
sabato
26
novembre, 2022
a domenica 8 gennaio 2023

XXIV Mostra Mercato dell'Artigianato e dell'Oggettistica per il Presepio

Dal blog

Greccio è uno dei luoghi più caratteristici e pittoreschi che si possono trovare nella Valle Reatina e sarà proprio in questo antico borgo, di origine medievale, che si potrà gustare un piatto tipico della tradizione della regione Lazio: le fave, accompagnate da pecorino e pancetta. Questo particolare trittico è ricco di sapori e di gusti che formeranno il giusto contrasto che lo renderà sfizioso e appetitoso: la dolcezza della pancetta formerà un abbraccio con il salato del pecorino romano...
Continua

Le nostre collaborazioni

cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2022 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Via Achille Grandi 46, 20017, Rho (Milano) | 02 92893360