La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

Sesto al Reghena


Condividi
Sesto al Reghena si identifica con la maestosa abbazia benedettina di S. Maria in Sylvis, risalente all’VII secolo, attorno alla quale si è sviluppata in seguito la località, oggi inclusa tra i Borghi più belli d’Italia.
  • Agibile ai disabili
  • Area sosta camper
  • Borghi più belli d'Italia
La torre Grimani   |
La torre Grimani
Sesto al Reghena, l'Abbazia  |
Sesto al Reghena, l'Abbazia
Sesto al Reghena, La torre Grimani  |
Sesto al Reghena, La torre Grimani
Sesto al Reghena  |
Sesto al Reghena
Video di LD Media

Eventi

sabato
15
agosto, 2020

Maria SS. Assunta

Sul borgo

Il borgo di Sesto al Reghena si trova in Friuli Venezia Giulia. Il suo nome deriva, oltre che dal fiume Reghena, anche dalla sua dislocazione all'altezza della sesta pietra miliare lungo tale via di passaggio. Nasce nel 2 a.C. come mansio e viene chiamata Sextus poiché posta a sei miglia da Iulia Concordia. In questi anni viene eretto un tempio in onore al dio Marte e della dea Vesta, collocato nell'attuale cripta abbaziale. Nel 1960, durante un restauro sotto i pavimenti dell'attuale sagrestia e della cappella, vennero trovati i resti di una domus romana. Sono molteplici gli elementi che attestano il profondo legame con il mondo romano-imperiale, ne è prova il commento di Marco Antonio Sabellico, storico Rinascimentale, che nel suo "De Vetustate Aquileiensis Patriae" scrive della presenza di un busto in marmo di Nerone, databile al periodo della sua carica da imperatore (54-68).

Noto soprattutto per l'Abbazia di Santa Maria in Silvis fondata nel 730-735, appartenne dal 762 ai Benedettini. Nell'899 gli ungari la rovinarono, ma l'abbazia risorse nel X secolo e venne fortificata.  È storicamente accertato che Ecelo II, il Monaco, della famiglia degli Ezzelini, contese nel 1182 delle proprietà ai frati del monastero di Sesto al Reghena. Il 24 aprile 1198 il papa Innocenzo III incaricò Pellegrino, patriarca di Aquileia, di mediare e risolvere la lite tra i due contendenti dopo aver assolto Ecelo dalla scomunica emessa dal patriarca di Grado. Sesto al Reghena fu una delle località interessate dalle numerose proprietà che videro protagonisti i vari componenti della famiglia degli Ezzelini. Proprietà che furono certosinamente accertate, censite e documentate dopo la loro definitiva sconfitta avvenuta nel 1260. Dal 1441 al 1786 fu commenda e ritornò a essere abbazia nel 1921.

La chiesa abbaziale prese forma fra il XII e il XIII secolo, per essere sostanzialmente risistemata nel XV secolo. Altro luogo degno di nota è la Fontana di Venchieredo. Si tratta di uno dei luoghi più importanti per la storia della letteratura del Friuli Venezia Giulia. Lo scrittore Ippolito Nievo ambientò proprio in questo paesaggio campestre alcune pagine del suo libro più famoso, "Le confessioni di un Italiano". 

Borgo di Sesto al Reghena
Comune di Sesto al Reghena
Provincia di Pordenone
Regione Friuli-Venezia Giulia

Abitanti: 6.356
Altitudine centro: 13 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
I Borghi più belli d'Italia

Comune di Sesto al Reghena
Piazza Castello 1 - Sesto al Reghena (PN)
tel. 0434 693911

www.turismofvg.it

IN AUTO

  • Percorrendo l'autostrada le uscite più vicine al centro di Sesto al Reghena sono:
    - Uscita Sesto al Reghena (A28 Portogruaro-Conegliano)
    - Uscita Villotta (A28 Portogruaro-Conegliano)
    - Uscita Santo Stino di Livenza (A4 Torino-Trieste)
    - Uscita Latisana (A4 Torino-Trieste)

IN TRENO

  • Stazione di Portogruaro
  • Stazione di Casarsa della delizia
  • Stazione di Cordovado Sesto

IN AEREO

  • Aeroporto di Trieste
  • Aeroporto di Venezia Marco Polo

Dormire, mangiare, comprare...

Trattoria al Grappolo
Cucina casalinga e legata alle tradizioni del territorio alla scoperta dei sapori stagionali.
Via Concordia Julia 50/A , Sesto al Reghena
Casa.it - D&P Casa
Piazza Plebiscito 15 - 33070, Polcenigo (Pordenone)
27.50 Chilometri da Sesto al Reghena

Sesto al Reghena è sul numero 5 della nostra rivista digitale e-borghi travel.
Sfogliala ora gratis!

Dal blog

In passato la jota era basata su ingredienti essenziali e proteici: crauti, fagioli e farina di granoturco. L’unica concessione alla gola era data dal pestat, un trito di lardo ed erbe aromatiche. Oggigiorno questa tipicità cucinata nei borghi di tutto il Friuli-Venezia Giulia – presente anche sulle tavole dei capoluoghi di provincia - viene servita tutto l’anno e, a seconda del clima, calda, fredda o tiepida, solitamente accompagnata da calici di vino del Carso che ne esaltano il ...
Continua
Quando nel 1993 si svolse la prima edizione delle Giornate FAI di Primavera (50 luoghi aperti al pubblico in una trentina di città) era difficile immaginare che sarebbero diventate uno degli appuntamenti più importanti del panorama culturale italiano. Incoraggiati dalla partecipazione e dall’entusiasmo, anno dopo anno, gli eventi crebbero e i visitatori si moltiplicarono. Su 25 anni della manifestazione contiamo 10.000 luoghi aperti in 4.300 città, oltre 9.200.000 visitatori, 115.000 volontari e...
Continua
cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950