La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

Peccioli


Condividi
Il borgo di Peccioli domina dall'alto della sua collina la Valle dell'Era, lungo la direttrice che da Volterra conduce a Pisa. Si sviluppa attorno ai ruderi dell'antico castello medievale, circondato da oliveti, vigne e verdi colline, e conserva ancora oggi numerosi esempi di architettura del XII secolo come la Pieve di San Verano, la cappella di Peccioli e il Palazzo Pretorio.
  • Paesi Bandiera Arancione
  • Città del vino
Peccioli  |
Peccioli
Tra i vigneti  |
Tra i vigneti
Lavorazione del vino  |
Lavorazione del vino
Peccioli  |
Peccioli

Eventi

martedì
27
ottobre, 2020

San Verano

Sul borgo

Peccioli è un borgo medievale caratterizzato da vie strette e vicoletti ripidi, tipici dei borghi medievali, che vengono chiamati chiassi, con al centro la chiesa in stile romanico pisano e la relativa piazza. Il suo territorio è ricco di paesaggi campestri e piccoli borghi dalle origini antiche,come: Cedri, Ghizzano, Fabbrica, Montecchio, Libbiano e Legoli.
All'interno di essi convivono, in maniera simbiotica, molteplici opere d'arte contemporanea, create da artisti che hanno scelto il borgo di Peccioli come loro spazio creativo.

Tra i monumenti di maggiore rilievo a Peccioli troviamo la Chiesa di San Verano, la Chiesa della Madonna del Carmine, i ruderi della Rocca di Castruccio Castracani e il Museo delle Icone Russe.

L'economia locale si basa prevalentemente sull'allevamento di bestiame, su una pregiata produzione vinicola e sull'attività delle numerose industrie dell'abbigliamento e dei mobilifici diffusi su tutto il territorio. Il territorio è ossigenato dal verde dei cipressi, dai filari delle vigne e dalle fronde degli olivi.

La storia

Il nome fu attestato per la prima volta da una pergamena del 793 come Picciole, Petiole e Pecciori e deriva probabilmente dal termine latino picea, “pino selvatico”, e nonostante un luogo denominato Pecciole desse il titolo ad una chiesa nel secolo VIII, la storia di Peccioli si conosce solo a partire dalla prima metà del sec. XII. Il paese viene ricordato successivamente in una pergamena del 1061 pervenuta alla badia di Poggibonsi per donazione di un certo Marchese Alberto figlio del Marchese Obizzo, nella quale si fa riferimento alla località Petiole posta sull'Era. Il consolidamento del borgo avvenne poi in epoca medievale, attorno ad un castello che si trovò sottoposto alla giurisdizione dei Conti della Gherardesca, che vantavano gia' numerose proprietà nel territorio circostante. Nel XII secolo gli stessi Conti cedettero il Castello di Peccioli ai Vescovi di Volterra che, in lotta contro l'espansione pisana, ne fecero un baluardo difensivo della città di Volterra e, successivamente, un'altro Vescovo lo cedette a Pisa. Nel corso dei secoli il Castello venne pian piano ampliato e rafforzato: il borgo e la rocca situata sul poggio della "Castellaccia", vennero infatti chiusi dentro una prima cinta muraria, dalla quale fu esclusa la parte sud, zona della Pieve di San Verano perchè, come tutte le chiese, in caso di guerra o di assedio, doveva essere pronta ad accogliere i fedeli e i contadini che abitavano in aperta campagna. La cinta era suddivisa in 'cortine' delimitate da torri a pianta quadra, agli angoli, e a pianta rotonda lungo il corso delle cortine stesse.

Nel 1163 Pisa con il suo esercito si impadronì del Castello. In seguito alla sconfitta inflitta ai Pisani dai Genovesi nella Battaglia della Meloria nel 1284, Volterra si pose sotto la protezione della Repubblica di Firenze e gettò così le basi per una nuova offensiva. Nel 1362 si riaccese una guerra fra Pisa e Firenze e i Fiorentini, ben conoscendo l'importanza strategica del Castello di Peccioli, inviarono un forte esercito in Val d'Era al comando del Capitano Bonifazio Lupi, ma il primo tentativo di conquista non riuscì. Ritenendo che il Castello di Peccioli fosse imprendibile in quel momento, l'esercito fiorentino si diresse verso Pisa e a Cascina, Riglione e a Putignano saccheggiò numerosi palazzi, ville signorili e semplici case. L'11 Agosto 1362 il Capitano pisano ed il suo esiguo manipolo di uomini si arrese e fu inviato prigioniero a Firenze. Il 28 Agosto 1364 Peccioli con tutta la Val d'Era ritornò poi nelle mani di Pisa. E di nuovo nell'ottobre del 1406 sotto Firenze. Per tutto il XV secolo Peccioli subì saccheggi e devastazioni da parte di città e nobili antimedicei e non mancò al tempo stesso di ribellarsi alla Repubblica Fiorentina quando se ne presentò l'occasione. Nel 1431 Peccioli sostenne infatti l'invasione del suo territorio da parte delle truppe del Ducato di Milano guidate da Niccolò Piccinino e nel XVI secolo quella delle truppe del Principe d'Orange, che avevano precedentemente assediato la città di Firenze. Nel 1531 la Toscana divenne Granducato e, con Ferdinando I de' Medici, si arricchì soprattutto nel campo della agricoltura (vigne e uliveti) e si ebbe un nuovo ordinamento amministrativo. Con la sottomissione al Granducato Mediceo, ebbe inizio per Peccioli un periodo di pace e di stabilità politica che si protrasse fino all'avvento dei Duchi di Lorena al potere, i quali avviarono i primi lavori per la bonifica del territorio che favorirono ulteriormente lo sviluppo delle attività agricole e  della produzione vinicola. I Duchi di Lorena mantennero il controllo di Peccioli anche dopo la fine della dominazione francese, avvenuta all'inizio dell'Ottocento. Il 27 Aprile 1859,infatti, l'ultimo Granduca di Toscana, Leopoldo II di Lorena, abdicò e l'11 e 12 Marzo 1860 ci fu il "plebiscito" per l'annessione al Regno Sabaudo. Il 2 Giugno 1946 dalla Monarchia si passò alla proclamazione della Repubblica.


In cima a un colle, lungo la Valdera, Peccioli è un po’ il manifesto della Toscana. Vi si ritrovano tutti i suoi caratteri antichi, della tradizione, ma felicemente coniugati con la modernità e il piacere di vivere, di fare cultura.
Attraversando il raccolto e vivace centro storico si giunge alla piazza del Popolo, dove troviamo la pieve intitolata a San Verano (o per meglio dire, le sue terga, perché sulla piazza si affaccia il retro della costruzione) e il Palazzo Pretorio, d’architettura medievale, nel quale oggi è allocato l’originale Museo delle icone russe, la maggior parte delle quali provenienti dalla collezione di Francesco Bigazzi, risalente ai secoli XVIII-XX.
D’altronde, ovunque si cammini, in questo borgo si respira storia e, soprattutto, arte: non solo grazie ai segni prestigiosi del passato, ma perché, da qualsiasi parte giunga il visitatore, in ogni angolo del borgo si troverà a tu per tu con installazioni di arte contemporanea. Dal 1991 in avanti, infatti, Peccioli ha chiamato una serie di artisti internazionali ad abbellire la cittadina con le loro opere, per arricchire il proprio patrimonio monumentale, penalizzato dalla distruzione del castello medievale durante l’ultima guerra.
L’arte è nell’aria ovunque, anche nelle frazioni dei dintorni, che si raggiungono facilmente, immergendosi nel paesaggio toscano. Nella vicina Legoli si può visitare la cappella con gli affreschi di Benozzo Gozzoli risalenti al 1480, mentre a Libbiano si trova l’Osservatorio astronomico Galileo Galilei.

Scopri gli altri borghi nella guida Toscana - Borghi Da Amare

Borgo di Peccioli
Comune di Peccioli
 
Provincia di Pisa
Regione Toscana

Abitanti: 4.807
Altitudine centro: 144 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Paesi Bandiera Arancione
Città del Vino
Unione Valdera

Il Comune
Piazza del Popolo 1 - Tel. +39 0587 67261

IN AUTO

  • Da Milano: imboccare l'autostrada A1, seguire la direzione La Spezia - Parma Ovest, continuare sull'autostrada A15 e seguire la direzione Genova - Livorno, proseguire sull'autostrada A12, uscire a Pisa e continuare su Strada Grande Comunicazione Firenze - Pisa - Livorno, a Cascina seguire la direzione Firenze, uscire a Pontedera - Ponsacco, attraversare Ponsacco e continuare sulla SS 439 seguendo le indicazioni per Peccioli.
  • Da Roma: prendere l'autostrada A1 in direzione Firenze, uscire a Firenze Scandicci, continuare su S.G.C. Firenze - Pisa - Livorno in direzione di Pisa - Livorno, uscire a Pontedera, attraversare Treggiaia e seguire indicazioni per entrare in Peccioli.
  • Da Livorno: Prendere la S.G.C. Firenze - Pisa - Livorno in direzione Pisa, uscire a Pontedera - Ponsacco, attraversare Ponsacco, percorrere la SS 439 seguendo le indicazioni per entrare in Peccioli.
  • Da Firenze: Prendere la S.G.C. Firenze - Pisa - Livorno in direzione Livorno, uscire a Pontedera, continuare sulla SP 11, attraversare Treggiaia e seguire indicazioni per entrare in Peccioli.
  • Da Pisa: Prendere la S.G.C. Firenze - Pisa - Livorno, seguire la direzione Firenze, uscire a Pontedera - Ponsacco, attraversare Ponsacco, percorrere la SS 439 seguendo le indicazioni per entrare in Peccioli.

IN TRENO

  • Stazione ferroviaria di Pontedera

IN AEREO

  • Aeroporto di Pisa 
  • Aeroporto di Firenze 

VIA MARE

  • Porto di Livorno
cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950