La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

Vallo di Nera


Condividi
Situato in una regione della Valnerina particolarmente affascinante, il borgo conserva in parte gli edifici religiosi e civili romanici del primo Medio Evo. L’impianto urbano è caratterizzato da strade ad anello in piano e da rampe radiali molto ripide. L’alta torre che svetta sul fianco del paese si moltiplica nelle torri palombare, che costituiscono un elemento peculiare del paesaggio della Valnerina.
  • Agibile ai disabili
  • Borghi più belli d'Italia
Vallo di Nera  | Stefano_Valeri/shutterstock
Vallo di Nera
Stefano_Valeri/shutterstock
Vallo di Nera  |
Vallo di Nera
Vallo di Nera  |
Vallo di Nera
Vallo di Nera  |
Vallo di Nera
Chiesa di Santa Maria  |
Chiesa di Santa Maria
Vallo di Nera  | ValerioMei/shutterstock
Vallo di Nera
ValerioMei/shutterstock
Vallo di Nera  | Walter Malagoli
Vallo di Nera
Walter Malagoli
Vallo di Nera  | Walter Malagoli
Vallo di Nera
Walter Malagoli
Vallo di Nera  | Walter Malagoli
Vallo di Nera
Walter Malagoli
Vallo di Nera  | Walter Malagoli
Vallo di Nera
Walter Malagoli
Vallo di Nera, Madonnina del maestro di Eggi  | Walter Malagoli
Vallo di Nera, Madonnina del maestro di Eggi
Walter Malagoli
Vallo di Nera, Via dei Casali  | Walter Malagoli
Vallo di Nera, Via dei Casali
Walter Malagoli
Uno sguardo a Vallo di Nera
Uno sguardo a Vallo di Nera

Sul borgo

Testimonianze archeologiche avvalorano la tesi dell'esistenza di remoti insediamenti riconducibili alle popolazioni autoctone di questa valle già nell'VIII secolo a.C. Nel periodo compreso tra il IV e il II secolo a.C. iniziò l'epoca storica della Valdinarco e la successiva romanizzazione, testimoniata da ritrovamenti archeologici.
A partire dal 1177 Vallo di Nera divenne feudo del duca germanico di Spoleto Corrado di Hursligen e, nel 1217, Jacopo Capocci concesse formalmente agli abitanti di Vallo di Nera il possesso del Colle di Flezano ed il diritto di erigervi un castello, in cambio di protezione e difesa da parte di Spoleto.

Ma Vallo di Nera, per la sua caratteristica di importante punto strategico di controllo della strada, fu aspramente conteso tra lo Stato della Chiesa e Spoleto che, nel XIII secolo, riuscì a conquistarlo. Natura e cultura trovano un’autentica simbiosi a Vallo di Nera, espressa nell’antico nome del luogo Castrum Vallis, laddove Vallum potrebbe essere ricondotto tanto al luogo fortificato lungo la valle, quanto al longobardo wald, bosco. Così appare ancora oggi Vallo di Nera un castello di pietra in mezzo ai verdi boschi che lo circondano.

L’impianto urbano posto sulla sommità di un’altura è assai compatto ed è caratterizzato da strade ad anello in piano e da rampe radiali molto ripide. L’alta torre che svetta sul fianco del paese si moltiplica nelle torri palombare, che costituiscono un elemento peculiare del paesaggio della Valnerina.
Queste torri, costruite originariamente con funzioni di difesa, hanno in seguito svolto un importante ruolo nell’economia agraria della zona, in quanto permettevano un’organizzazione verticale delle funzioni: in basso la stalla, sopra l’abitazione, più in alto i granai e, in cima, la colombaia che forniva concime per i campi e carne per gli abitanti.

Fuori le mura si sviluppa il borgo “i casali” ingentilito dalle botteghe Cinquecentesche lungo le vie che collegavano Vallo di Nera con i comuni limitrofi. Il territorio di elevato pregio paesaggistico ed artistico comprende i castelli e le ville di Meggiano, Piedipaterno, Geppa, Paterno, Monte Fiorello, Piedilacosta, La Pieve, Le Campore, Borbonea, Roccagelli. Vallo di Nera è interamente cinto da mura e da torri e conserva intatta la sua struttura urbanistica medievale, con stretti vicoli sormontati da archi. Si ricordano la chiesa francescana di Santa Maria, che contiene affreschi (anche in sagrestia) di scuola giottesca tra cui la celebre "Processione dei Bianchi" dipinta da Cola di Pietro da Camerino nel 1401, la parrocchiale di San Giovanni Battista con affreschi di Jacopo Siculo e quella di Santa Caterina annessa all'ex convento delle terziarie francescane con resti di affreschi. I pastori di Vallo di Nera sono gli antichi, ed ormai celebri, depositari della tradizione orale della Valnerina fatta di filastrocche, canti di lavoro, racconti iperbolici, che meritano di essere ascoltati da chi voglia scoprire i segreti della Valnerina.

La Casa dei racconti nasce come un centro di ricerca e documentazione  con lo scopo di far conoscere questo patrimonio immateriale.

Fra i prodotti di Vallo di Nera, il formaggio merita un posto particolare. Ogni anno si svolge a giugno Fior di Cacio, kermesse gastronomica in cui è possibile degustare tutte le varietà di formaggi di Vallo di Nera e della Valnerina. Altre delizie della zona sono: la trota, il tartufo, il miele ed i salumi.

Borgo di Vallo di Nera
Comune di Vallo di Nera
Provincia di Perugia
Regione Umbria

Abitanti: 364
Altitudine centro: 333 m s.l.m.

Il Comune fa parte di:
I Borghi più belli d'Italia
Città per la pace

Riconoscimenti
Bandiera Arancione - Touring Club Italiano

Comune di Vallo di Nera
Piazza G. Marconi 8 - 06040 Vallo di Nera - PG
tel. +39 0743 616143

IN AUTO

  • Da Roma-Terni: giungere a Terni tramite l'autostrada A1; seguire indicazioni per le Cascate delle Marmore; SS 209 in direzione Norcia
  • Da Roma-Rieti: percorrere la Salaria in direzione Ascoli Piceno; seguire indicazioni per Norcia; proseguire lungo la SS 209 in direzione Terni
  • Da Perugia-Spoleto: giungere a Spoleto tramite la SS Flaminia; percorrere la galleria di Eggi; proseguire in direzione Norcia
  • Da Ascoli Piceno - San Benedetto del Tronto: percorrere la Salaria in direzione Rieti; seguire indicazioni per Norcia; proseguire lungo la SS 209 in direzione Terni

IN AEREO

  • Aeroporto di Perugia
  • Aeroporto di Roma Fiumicino

Dormire, mangiare, comprare...

Lacole Casa Italiana
Un fantastico showroom di arredamento a Pistrino di Citerna che custodisce alcuni tra i più sontu...
Via della Libertà, 56 - 06010, Citerna (Perugia)
101.40 Chilometri da Vallo di Nera

Eventi

mercoledì
20
gennaio, 2021

San Sebastiano

Dal blog

Tra le tavole umbre, la mattina di Pasqua, non può mancare come da tradizione la Torta al formaggio. Un panettone salato che a seconda della zona può subire delle varianti mantenendo però le sue costanti: formaggio, pecorino, sale e pepe. Come da tradizione, questo soffice rustico è accompagnato dai sapori del capocollo, uova sode e vino e anticamente era usanza prepararlo durante la Settimana Santa e portarlo poi in chiesa, per farlo benedire, il giorno di Pasqua. Vediamo come si prepara.
Continua
Una lunga pergamena datata 23 settembre 1217 e firmata da Jacopo di Messer Giovanni Capocci, Podestà di Spoleto, attesta la nascita del castello dello splendido borgo umbro,  e la concessione agli uomini di Vallo del diritto di abitare sul poggio di Flezano, in precedenza occupato da una rocca, feudo del Duca Corrado d’Urslingen. Si popola così Vallo di Nera, l’antico Castrum Valli edificato nel cuore della Valnerina. E cos&ig...
Continua
cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950