La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

Montescaglioso


Condividi
Montescaglioso è sito nell’area archeologica storica e naturale del Parco delle Chiese rupestri del Materano, dal 1993 Patrimonio dell’Umanità insieme ai Sassi di Matera. Importante centro storico-culturale, l’importanza di questo borgo ruota attorno all’Abbazia benedettina di San Michele Arcangelo (1079), il più considerevole dei quattro complessi monastici che hanno fatto guadagnare al paese l'appellativo di “Città dei Monasteri”.
  • Borgo con parco
  • Borgo con mura
  • Borgo con castello
  • Città dell'olio
Montescaglioso  |
Montescaglioso
Montescaglioso, retro della Chiesa Madre  |
Montescaglioso, retro della Chiesa Madre
Montescaglioso, Abbazia di San Michele Arcangelo  | Paki Cassano
Montescaglioso, Abbazia di San Michele Arcangelo
Paki Cassano
Montescaglioso  | Mi.Ti./shutterstock
Montescaglioso
Mi.Ti./shutterstock
Parco delle Chiese Rupestri del Materano  | MORENO01/shutterstock
Parco delle Chiese Rupestri del Materano
MORENO01/shutterstock
Il Castello  | Mi.Ti./shutterstock
Il Castello
Mi.Ti./shutterstock
Montescaglioso  | Mi.Ti./shutterstock
Montescaglioso
Mi.Ti./shutterstock
Chiesa della Madonna delle Grazie  | Mi.Ti./shutterstock
Chiesa della Madonna delle Grazie
Mi.Ti./shutterstock
Montescaglioso, carro allegorico del Carnevale Montese  | Apt Basilicata
Montescaglioso, carro allegorico del Carnevale Montese
Apt Basilicata
Montescaglioso, il Carnevalone: Quaremma con in braccio Carnevalicchio  | Apt Basilicata
Montescaglioso, il Carnevalone: Quaremma con in braccio Carnevalicchio
Apt Basilicata
Montescaglioso, i Cucibocca  | Apt Basilicata
Montescaglioso, i Cucibocca
Apt Basilicata
Montescaglioso  | Fabio Boccuzzi/shutterstock
Montescaglioso
Fabio Boccuzzi/shutterstock
Montescaglioso, Chiostro Celleraria  | Apt Basilicata
Montescaglioso, Chiostro Celleraria
Apt Basilicata
Montescaglioso  | Fabio Boccuzzi/shutterstock
Montescaglioso
Fabio Boccuzzi/shutterstock
Montescaglioso  | Mi.Ti./shutterstock
Montescaglioso
Mi.Ti./shutterstock
Uno sguardo a Montescaglioso
Uno sguardo a Montescaglioso

Eventi

da
martedì
18
agosto, 2020
a giovedì 20 agosto 2020

Festa Patronale di San Rocco

domenica
6
settembre, 2020

La Cavalcata del Borbone

martedì
5
gennaio, 2021

A nott dù casvoc (la notte dei Cucibocca)

martedì
16
febbraio, 2021

Carnevalone

venerdì
19
marzo, 2021

Falò di San Giuseppe

lunedì
5
aprile, 2021

Festa della Madonna della Nuova

Sul borgo

Montescaglioso è un importante centro storico-culturale noto come la Città dei Monasteri per la presenza di quattro complessi monastici, tra i quali spicca l'Abbazia di San Michele Arcangelo.

Meritano sicuramente una visita la Chiesa Madre, il Castello Normanno e il Santuario della Madonna della Murgia, la chiesa più importante del patrimonio rupestre di Montescaglioso.

Tradizione e gusto caratterizzano la cucina di Montescaglioso, una delle “città dell’olio” lucane.
Non è un caso che sulla tavola montese non manchi mai l’olio extravergine d’oliva lucano DOP, estratto per lo più dalla spremitura dell’oliva Maiatica di Ferrandina, che ne rende delicato e fruttato il sapore, utilizzato in gran parte dei piatti tipici. Ottime anche le produzioni di prodotti sott’olio quali pomodori, melanzane e carciofini.

Il ricco menù comprende la tipica pasta fatta in casa, in cui dominano orecchiette e cavatelli, oltre carni ovine e caprine alla brace, e poi la cosiddetta “Cialledda”, una minestra a base di pane, cipolle, olio d’oliva, pecorino e peperoncino.
Il tutto, ovviamente, annaffiato da ottimo vino locale, soprattutto in occasione dell’evento enogastronomico “In Vino Veritas”.

La Storia

I primi insediamenti nel territorio di Montescaglioso risalgono al VII secolo a.C.
L'intera area, strettamente collegata alla città magnogreca di Metaponto (fondata da coloni greci a metà del VII secolo a.C. in prossimità della foce del fiume Bradano), vive di intensi scambi e contatti con i centri greci della costa ionica.
Con la decadenza di Metaponto in epoca romana ed il progressivo insabbiamento del porto della città greca, Montescaglioso assunse un ruolo sempre più importante nel territorio circostante.

È probabile, infatti, che una parte della popolazione di Metaponto, costretta ad abbandonare la città e a disperdersi negli abitati limitrofi dopo essersi schierata con Annibale nel 207 a.C. durante la seconda guerra punica, si sia trasferita a Montescaglioso.
Alla fase romana della città appartiene un mosaico che attesta la presenza a Montescaglioso di una magistratura repubblicana e di un grande edificio pubblico. Un telamone in tufo proveniente da un altro palazzo pubblico di Montescaglioso è conservato nel Museo nazionale della Magna Grecia di Reggio Calabria.

Divenuta roccaforte bizantina, dopo il 1000 fu conquistata dai Normanni e accolse un'importante comunità benedettina con il conte normanno Rodolfo Maccabeo. In seguito Federico II l'assegnò a Manfredi.
Sotto gli Angioini e gli Aragonesi fu feudo di vari signori: del Balzo, d'Avalos, Orsini, Loffredo, Grillo e Cattaneo.
Fin dall'inizio del XX secolo il paese conobbe la presenza del Partito Socialista Italiano, rispettando in tal senso la tendenza lucana che nei primi anni del Novecento vide attecchire gli ideali legati all'internazionalismo proletario di stampo marxista.

Nonostante il regime fascista, e nonostante il paese ospitasse la vedetta della Marina Militare, l'attività dei partiti antifascisti è sempre stata attiva e ciò è testimoniato dal fatto che all'annuncio dell'arresto di Benito Mussolini, avvenuto il 25 luglio 1943 in seguito all'approvazione da parte del Gran consiglio del fascismo della mozione di sfiducia proposta da Dino Grandi, la popolazione del paese reagì con violente manifestazioni contro il podestà Francesco Locantore fino a giungere, il 19 settembre, alla sua uccisione, benché vi fossero in paese le truppe canadesi arrivate quello stesso giorno.

Subito dopo la caduta del regime l'attività politica del paese riprese con vigore e tornarono a farsi sentire quei malumori presenti da sempre nell'animo dei cittadini, legati alle usurpazioni delle terre demaniali e alla presenza del latifondo con i suoi rapporti di produzione basati sui soprusi.


La Notte dei Cucibocca (5 Gennaio)
Una tradizione antica che segna la fine delle festività e delle libagioni natalizie. Una sorta di iniziazione per insegnare ai bambini a vincere la paura. I misteriosi Cucibocca si aggirano tra i vicoli del borgo indossando un mantello scuro e un cappellaccio, il volto irriconoscibile dietro una fluente barba di canapa. Ai piedi hanno una catena spezzata e in mano un grosso ago, con il quale minacciano di cucire la bocca ai bambini, che incuriositi gli si avvicinano. Meglio non gridare.

Il Carnevale Montese (4,11 e 13 Febbraio)
Una sfilata di maschere legata ad antichi riti popolari. I carri allegorici, realizzati dai giovani cartapestai montesi custodi di una tradizione secolare, animano le vie del borgo. A mezzanotte del Martedì Grasso, quando viene bruciato il fantoccio che rappresenta Carnevalone, si odono i quaranta rintocchi della Chiesa Madre. Il giorno dopo, appese ad una corda, le sette figure della Quaresima compaiono nei vicoli del borgo, a ricordare gli obblighi quaresimali del buon cristiano: digiuno, astinenza e penitenza.

Il Carnevalone (13 Febbraio)
Alle prime luci dell’alba del Martedì Grasso ha inizio la sfilata del tradizionale Carnevalone, un rito antichissimo che affonda le sue radici nella cultura agro-pastorale. La prima ad apparire è ‘u Fus, la Parca. Lancia in strada, facendolo roteare a terra, il suo fuso di legno agganciato a una corda, simbolo del destino: meglio non farsi colpire. Quaremma, moglie di Carnevalone, è vestita di nero come le sue sei figlie, ognuna delle quali rappresenta una delle settimane di Quaresima. In braccio Quaremma porta Carnevalicchio, un pupazzo vestito di bianco, simbolo della Pasqua. Chiude il corteo il vecchio e stanco Carnevalone che, in groppa ad un asino, percorre le vie del borgo, consapevole della sua imminente morte.

Borgo di Montescaglioso
Comune di Montescaglioso

Provincia di Matera
Regione Basilicata

Abitanti: 9.940
Altitudine centro: 352 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Città dei sapori
Città dell'olio

Aree naturali protette:
Parco delle Chiese Rupestri del Materano

Comune di Montescaglioso
Via Cosimo Venezia 1 - Montescaglioso (MT)
Tel. +39 0835 2091

IN AUTO

  • Percorrendo l'autostrada le uscite più vicine al centro di Montescaglioso sono:
    - Uscita Taranto Nord (A14 Bologna-Taranto)
    - Uscita Mottola - Castellaneta (A14 Bologna-Taranto)

IN TRENO

  • Stazione di Gioia del Colle
  • Stazione di Acquaviva delle fonti

IN AEREO

  • Aeroporto di Bari

Dormire, mangiare, comprare...

Pasticceria Ragone Dal 1963
Via Roma, 260 - 75028 , Tursi (Matera)
38.85 Chilometri da Montescaglioso
Lido Sporting Beach
Largo Enotria Lungomare di - 75025, Policoro (Matera)
38.89 Chilometri da Montescaglioso

Dal blog

cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950