La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

Tursi


Condividi
Non c'è angolo di Tursi che non meriti di essere scoperto, nutrendo la curiosità del visitatore che non smette di lasciarsi sorprendere. Il borgo è un centro medievale del V secolo circa, nato originariamente attorno al castello e successivamente sviluppatosi nella vallata sottostante. Le architetture portano ancora impressi i segni della dominazione araba, nell’antico borgo della Rabatana.
  • Borgo con castello
  • Agibile ai disabili
  • Borghi autentici d'Italia
Scorcio  |
Scorcio
Cattedrale dell'Annunziata  |
Cattedrale dell'Annunziata
Tursi  |
Tursi
Tursi, le petrizze del quartiere Rabatana  | materainside.it
Tursi, le petrizze del quartiere Rabatana
materainside.it
Tursi vista dal quartiere Rabatana  |
Tursi vista dal quartiere Rabatana
Tursi  |
Tursi
Tursi, stanza di Albino Pierro  |
Tursi, stanza di Albino Pierro
Tursi  |
Tursi
Convento di San Francesco  | Mi.Ti./shutterstock
Convento di San Francesco
Mi.Ti./shutterstock
Santuario di S. Maria d'Anglona  | Mi.Ti./shutterstock
Santuario di S. Maria d'Anglona
Mi.Ti./shutterstock
Tursi  | Mi.Ti./shutterstock
Tursi
Mi.Ti./shutterstock
Cattedrale dell'Annunziata  | Mi.Ti./shutterstock
Cattedrale dell'Annunziata
Mi.Ti./shutterstock
Uno sguardo a Tursi
Uno sguardo a Tursi
Video di Dream Drone

Eventi

martedì
8
settembre, 2020

Festa della Madonna di Anglona

giovedì
18
marzo, 2021

u umnnàrie, Falò di San Giuseppe

domenica
25
aprile, 2021

Processione delle Madonna di Anglona

mercoledì
26
maggio, 2021

San Filippo Neri

Sul borgo

Il borgo di Tursi è un centro medievale del V secolo circa, in Basilicata, nato originariamente attorno al castello e successivamente sviluppatosi nella vallata sottostante assunse una singolare forma allungata.

Il suo centro abitato è diviso per gran parte dal torrente Pescogrosso, che prende il nome dagli enormi massi ritrovati lungo il suo corso e sfocia come affluente nel fiume Sinni.
Diverse sono le fonti che cercano di spiegare la derivazione del nome "Tursi" e le più accreditate sostengono che derivi dal nome di persona, "Turcico", un uomo d'armi di origini bizantine, proprietario della zona, che ampliò verso valle l'antico borgo saraceno, "Rabatana", donando alla nuova zona il nome di Tursikon o Tursicon.

La Rabatana fu il primo nucleo abitativo di Tursi, ed è letteralmente circondato per ogni lato da profondi e inaccessibili burroni. Intorno alla metà del V secolo, i Goti costruirono il Castello attorno al quale sorsero le prime case in pietra e si costituì il nucleo primordiale di Tursi, che crebbe a seguito dello spopolamento di Anglona (ora frazione di Tursi).

Tursi è un borgo tutto da scoprire, dalle architetture che portano ancora impressi i segni della dominazione araba, nell’antico borgo della Rabatana, al castello gotico, fino al Parco Letterario dedicato ad Albino Pierro e ambientato proprio nella casa del poeta più volte candidato al Premio Nobel per la Letteratura, e poi, ancora lo splendido Santuario di Anglona, a pochi chilometri da Tursi, fino ai palazzi storici e alle altre chiese. Tutto questo costituisce il patrimonio di inestimabile valore della “città di Pierro”.

Scavi archeologici eseguiti in Basilicata, nei pressi di Anglona e nei pressi di Policoro, hanno riportato alla luce innumerevoli opere attualmente custodite nel Museo archeologico nazionale della Siritide, accertando l'esistenza di insediamenti risalenti al 3000 a.C.

La Rabatana oggi è diventata meta turistica soprattutto per via del poeta Albino Pierro, che ha fatto della Rabatana la fonte ispiratrice della sua poesia. In essa si possono ripercorrere le stradine dei ruderi del nucleo primordiale e visitare quel che resta delle antiche abitazioni, spesso di un solo vano a pianterreno. 

Il borgo di Tursi ha un'economia prevalentemente agricola, diffusissime sono le coltivazioni di agrumi e alberi da frutto. Rinomate sono le arance di Tursi, definite "stacce".
Tra le ricette tradizionali spiccano: cardi al cacio e uova, legati alla ricorrenza del Lunedì dell’Angelo, “i pirc’dduzz”, pasta di casa a tocchetti condita con il vino cotto, i fusilli con la mollica di pane fritto e la capriata, un minestrone composto da una varietà di legumi e patate.
Da non dimenticare la pasta casereccia e il pane cotto nel forno a legna proposto in diverse forme: “a pitta”, una specie di ruota piana, e “u piccillète”, una sorta di ciambellone bianco, tra le focacce troviamo anche “a caccallèt” che può essere dolce, con l’uva sultaninala, o salata. Non manca del buon vino come il Matera DOC.
Molto diffusi sono il cosiddetto “cotto di fichi”, una deliziosa composta da utilizzare in ricette diverse, e “i gileppi” con le arance, una squisita marmellata di bucce di arancia. Prodotto locale è poi il fungo cardoncello, cucinato, in questo territorio, in svariati modi o mangiato anche crudo con ricotta dura, limoni e l’olio d’oliva delle Murge materane.


La cucina è stata influenzata dalla povertà e dalla vita contadina. Per questo originariamente il pane era fatto in casa. Ad oggi, molti panifici locali fanno ancora il pane casereccio e per questo troviamo: a "pitta" (una specie di ruota piana) e "u piccillète" (una sorta di ciambellone bianco a forma di volante), tra le focacce troviamo a "caccallèt" che può essere dolce, con l'uva sultaninala, e salata con i ciccioli. La focaccia classica è chiamata volgarmente "vruscète" ed è generalmente condita con pomodori e peperoni. Nelle sere invernali, davanti al focolare si consuma la "ffella-rusch", una fetta di pane abbrustolita al fuoco e condita con strutto o un filo d'olio, sale e pupàcce pisèt (peperone macinato), ricavato macinando i "pupàcce crusk" (peperoni secchi e croccanti).

Il piatto più tipico, è quello dei frizzuli ca' millica o maccaruni ca' millica, ossia maccheroni lavorati col ferro a sezione quadrata (da calza o di ombrello) e conditi con sugo di pomodoro e mollica di pane fritta. Tra i primi piatti troviamo anche i "raskatelle pupàcce e pummidòre", cavatelli col sugo di pomodori e peperoni freschi.

Quando si uccideva il maiale, nulla andava perduto, a cominciare dal sangue che serviva per la preparazione del sanguinaccio. Le parti meno nobili, quali le cotiche, il lardo, le interiora venivano utilizzate, nella preparazione delle "frittole" (ciccioli) e della "nnuglia" che era detto salame pezzente poiché fatto con gli scarti della carne. Questi alimenti sono usati principalmente come contorni, o cucinati insieme alle verdure, nella preparazione della minestra maritata. Dopo il maiale, la carne più consumata era quella ovina, usata per la preparazione dei Gghiommaricchie, degli involtini di interiora fatti solitamente alla brace o infornati in una teglia con le patate. Nel periodo pasquale è usanza fare i "cavzòn" (calzoni tipici ripieni di salsiccia, o di verdure o di patate), mentre nel periodo natalizio si preparano le crispelle (morbide ciambelle di pasta lievitata e fritte in abbondante olio, o panzerottini fritti ripieni con peperoni secchi e alici), i "panzèrott e uand" (panzerottini fritti ripieni di crema ai ceci, e dolci tipo chiacchiere). Tra i vini troviamo il Matera DOC.

Altri piatti tipici tursitani sono:

  • cicorjè e fèv - cicorie e fave,
  • finucch' e fasul - minestra di finocchi e fagioli,
  • Mugnèm chièn - Melanzane ripiene,
  • Pastùrej,
  • Zuppa di lumache,
  • Insalata d'arance.

L'Arancia Staccia prende il nome da un antico gioco simile a quello delle bocce in cui si utilizzava la staccia (in lingua dialettale), una pietra piatta e levigata. Infatti l'arancia staccia è pressoché piatta e schiacciata ai poli e matura in marzo. La particolare buccia è molto spessa e soffice, la polpa è senza semi e il sapore è squisito e impareggiabile. Questa particolare arancia è presente solo nel territorio dei comuni di Tursi e il vicino Montalbano Jonico. L'enorme diffusione delle coltivazioni di agrumi, nell'ultimo secolo, soprattutto nella zona di Anglona, hanno dato il nome alla vallata sottostante al sacro colle di Anglona, denominandola Conca d'Oro. D.O.P. Molto diffuse sono anche le coltivazioni del Percoco bianco di Tursi.

Borgo di Tursi
Comune di Tursi
Provincia di Matera
Regione Basilicata

Abitanti: 5.037
Altitudine centro: 210 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Borghi Autentici d'Italia

Comune di Tursi
Viale Del Municipio - 75028 Tursi (MT)
Tel. 0835-531111

IN TRENO

  • Stazione di Sibari 
  • Stazione di Praia a mare

Dormire, mangiare, comprare...

Pasticceria Ragone Dal 1963
Via Roma, 260 - 75028 , Tursi
Lido Sporting Beach
Largo Enotria Lungomare di - 75025, Policoro (Matera)
17.63 Chilometri da Tursi

Tursi è sul numero 5 della nostra rivista digitale e-borghi travel.
Sfogliala ora gratis!

Dal blog

L'Italia è una terra ricca di meraviglie e posti tutti da scoprire. Turisti provenienti da tutto il mondo vengono a visitare i borghi del Paese alla scoperta di strade e vicoli caratteristici che offrono scorci unici al mondo, caratterizzati da piccole e strette stradine pittoresche, acciottolate e in pietra che spesso si inerpicano verso alture e posti panoramici che affacciano su viste mozzafiato. Perdersi tra i vicoli e le strade dei...
Continua
Si è svolta martedì 2 gennaio 2018, nella sala consiliare Armando Salvatore Di Noia del Comune di Tursi, la cerimonia per il conferimento della cittadinanza onoraria a Daisaku Ikeda, filosofo, educatore, maestro buddhista e attivista giapponese. Il maestro, terzo presidente della sezione nazionale della Soka Gakkai nel periodo 1960 – 1979, attuale presidente onorario della medesima associazione internazionale e candidato più volte al Nobel per la pace, ha inviato una lettera di ringraziamento al Comune d...
Continua
cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950