La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

Sovana


Condividi
Borgo rinascimentale, Sovana conserva l'aspetto del classico borgo medievale. Non a caso, all'ingresso del paese si trovano i ruderi dell'imponente Rocca Aldobrandesca, risalente al XI secolo. Ciò che affascina i visitatori è il paesaggio, il cibo, il vino ed il Parco Archeologico Città del Tufo, pronti a lasciare a bocca aperta.
  • Borgo con castello
  • Agibile ai disabili
  • Area sosta camper
  • Borghi più belli d'Italia
Il Duomo di Sovana  |
Il Duomo di Sovana
Fonte battesimale   |
Fonte battesimale
Sovana  |
Sovana
Sovana  | Ginevra Bacilieri
Sovana
Ginevra Bacilieri
Sovana  | Toscana Promozione Turistica
Sovana
Toscana Promozione Turistica
Sovana, Piazza del Pretorio in notturna  | Toscana Promozione Turistica
Sovana, Piazza del Pretorio in notturna
Toscana Promozione Turistica
Video di Marcopolo TV

Eventi

mercoledì
16
giugno, 2021

San Mamiliano protettore

Sul borgo

Borgo medievale e rinascimentale, Sovana sorge nel Pianetto che porta il suo stesso nome, un piccolo fondovalle che si sviluppa tra le colline dell'Albegna e del Fiora, nel cuore dell'area del Tufo sulla riva sinistra del fiume Fiora.

Suana era un centro etrusco, che dalla conquista di Vulci in poi (280 a.C.) subì un graduale processo di romanizzazione, culminato con la creazione del municipio con la concessione della cittadinanza romana agli italici.
Nel V secolo è già documentata come sede vescovile. L'attuale centro storico si sviluppò nel corso del Medioevo nelle vicinanze della preesistente necropoli etrusca, sotto il controllo della famiglia Aldobrandeschi, che vi fece edificare un castello intorno all'anno mille.

Alla fine del XIII secolo venne ereditata dagli Orsini seguendo il medesimo destino di Sorano e Pitigliano fino al XV secolo, epoca in cui il centro venne conquistato dai senesi. A metà del XVI secolo la definitiva caduta della Repubblica di Siena portò Sovana nelle mani dei Medici, che la inglobarono nel Granducato di Toscana.
I Medici cercarono di ripopolare il borgo, in stato di forte degrado dopo le epidemie di peste, con coloni provenienti dalla Grecia: il tentativo fu inutile, nel 1702 sono censite a Sovana solo ventiquattro persone.

Il Palazzo dell'Archivio, situato nella centrale piazza del Pretorio, che prende il nome dall'omonimo (e coevo) Palazzo, risale al XII secolo e fu abitazione del giusdicente dopo il 1411.
Le mura di Sovana sono da ricondurre a tre diversi periodi storici: I primi a realizzare una cinta muraria a difesa del borgo furono gli etruschi, a partire dal VII secolo a.C.; dopodiché, tra l'XI e il XII secolo, furono costruite le mura medievali, opere degli Aldobrandeschi, in conci di tufo; infine, nel corso del XV e del XVI secolo, vennero innalzate le mura rinascimentali, opera dei senesi e successivamente ristrutturate dai Medici.

La Rocca aldobrandesca, sorta su preesistenti strutture di epoca etrusca attorno all'anno mille come sede e simbolo del potere della famiglia Aldobrandeschi, rimase abbandonata verso la fine del XIII secolo, per poi essere restaurata nel corso del XV secolo dai senesi.
Con l'annessione al granducato di Toscana nel XVI secolo, Cosimo I de' Medici fece eseguire alcuni lavori di ristrutturazione che, tuttavia, non impedirono il successivo abbandono e il conseguente degrado della struttura. Oggi sono ben visibili i monumentali ruderi della fortezza.

Sovana è un interessante centro di cultura in quanto sede di musei e percorsi archeologici nelle vicine aree etrusche.
Presso il centro storico è situato il Polo museale di Sovana, allestito all'interno della chiesa di San Mamiliano, con l'esposizione del cosiddetto "tesoretto di Sovana", e all'interno del Palazzo Pretorio, con l'info-point.

Il borgo è anche una delle sedi del Parco archeologico Città del Tufo, che comprende all'interno l'antica necropoli, divisa principalmente in due settori: il primo comprende la via cava del Cavone, Poggio Felceto, Poggio Prisca e Poggio Stanziale, a nord del fosso Calesine e lungo il torrente Picciolana; il secondo comprende la via cava di San Sebastiano, la necropoli di Sopraripa e la monumentale tomba della Sirena, a sud del fosso Calesine e lungo il torrente Folonia.


Sovana dentro le sue mura non ha tramandato grandi palazzi, fregi o ornamenti, ma piccole, vecchie e umili case la cui origine è nel XII e XIII secolo, e che forse come in nessun altro posto ci fanno sentire dentro il Medioevo. Anche se è difficile dire se siano i ricordi etruschi o quelli medievali a prevalere nella piccola Sovana. Se infatti la presenza etrusca è testimoniata principalmente dalla necropoli conle sue tombe scolpite nel tufo,il fascino della “strada di mezzo” che attraversa il borgo è invece tutto medievale: i suoi edifici religiosi e civili concentrati in così poco spazio dimostrano l’importanza in epoca feudale di questo posto di poche case che è stato una città, sede principale di una vasta contea, presidio fortificato, luogo natale di un Papa.
Sovana è tutta compresa tra la Rocca e il Duomo, monumenti che simboleggiano il potere politico degli Aldobrandeschi e quello spirituale della chiesa. Della Rocca aldobrandesca, inserita nella cinta muraria medievale, restano possenti ruderi, come il mozzo torrione. Dalla porta della Rocca ci si immette nella piazza centrale, su cui si affaccianoil duecentesco palazzetto dell’Archivio con campanile a vela e torre dell’Orologio, e la chiesa di Santa Maria, romanica e gotica, e con uno splendido ciborio preromanico, unico in Toscana.Sul lembo occidentale dello sperone di tufo che domina la valle della necropoli sorge il Duomo, scrigno di tesori artistici. Nella folta boscaglia, la Tomba Ildebranda è il più suggestivo monumento funebre etrusco della Toscana.

Scopri gli altri borghi sulla guida Toscana - Borghi Da Amare

Borgo di Sovana
Comune di Sorano
Provincia di Grosseto
Regione Toscana

Abitanti: 3.428
Altitudine centro: 379 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
I Borghi più belli d'Italia
Strada del Vino e dei Sapori Colli di Maremma

Il Comune
Piazza Del Municipio 15 - tel: 0564633023

IN AUTO

  • Da Nord: prendere l'autostrada A1 e uscire a Firenze Certosa, imboccare il raccordo autostradale per Siena, uscire a Siena Sud in direzione di Roma, proseguire sulla SS 2 Cassia fino al bivio per Sorano.
  • Da Sud: Percorrere il Grande Raccordo Anulare seguendo la direzione per Firenze, a Roma prendere l'autostrada del Sole A1, uscire a Orte e seguire la direzione per Viterbo, seguire in direzione di Siena e immettersi sulla SS 2 Cassia, proseguire poi sulla SS 74 seguendo indicazioni per Sorano.

IN TRENO

  • Stazione ferroviaria di Albinia

IN AEREO

  • Aeroporto di Roma Fiumicino 
  • Aeroporto di Firenze 
  • Aeroporto di Pisa

Dormire, mangiare, comprare...

La Vecchia Dispensa
Ettore Ponticelli propone nella sua bottega olio di prima spremitura e di ottima qualità.
Via Italia in Montemerano, 31, Manciano (Grosseto)
13.29 Chilometri da Sovana

Dal blog

Magliano in Toscana, Montemerano, Santa Fiora. E poi Scansano, Sorano, Sovana, tutti borghi in provincia di Grosseto, ognuno con una storia da raccontare, un contributo di bellezza e storia all’Italia. Per scoprirli un punto di partenza ci deve essere e un indirizzo da segnarsi è Montebelli Agriturismo & Country Hotel di Caldana, in provincia di Grosseto e nell’intrigante Maremma. Una struttura nella quale sveg...
Continua
cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950