La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

Scarperia


Condividi
Un borgo situato nel Mugello, Scarperia è noto soprattutto per la produzione di coltelli artigianali e di macchine di caffè professionali. Nel suo centro storico è possibile vedere il Palazzo dei Vicari, un palazzo di origine trecentesca, che dal XV secolo fu sede del Vicario mandato dalla Repubblica Fiorentina per amministrare una vasta estensione del contado mugellano.
  • Borgo con castello
  • Borgo con mura
  • Borgo con torri
  • Agibile ai disabili
  • Area sosta camper
  • Borghi più belli d'Italia
Scarperia, Piazza dei Vicari  | Fiorenzani
Scarperia, Piazza dei Vicari
Fiorenzani
Scarperia  | Pro Loco Scarperia
Scarperia
Pro Loco Scarperia
Scarperia, Palazzo dei Vicari  | Fiorenzani
Scarperia, Palazzo dei Vicari
Fiorenzani
Scarperia  | Pro Loco Scarperia
Scarperia
Pro Loco Scarperia
Scarperia, Propositura dei Santi Jacopo e Filippo  | Pro Loco Scarperia
Scarperia, Propositura dei Santi Jacopo e Filippo
Pro Loco Scarperia
Scarperia, Museo dei Ferri Taglienti  | Pro Loco Scarperia
Scarperia, Museo dei Ferri Taglienti
Pro Loco Scarperia
Scarperia, Giornate Rinascimentali  | Pro Loco Scarperia
Scarperia, Giornate Rinascimentali
Pro Loco Scarperia
Scarperia  | Pro Loco Scarperia
Scarperia
Pro Loco Scarperia
Scarperia, il Diotto  | Pro Loco Scarperia
Scarperia, il Diotto
Pro Loco Scarperia
Scarperia  |
Scarperia
Scarperia  | Pro Loco Scarperia
Scarperia
Pro Loco Scarperia
Scarperia  | Pro Loco Scarperia
Scarperia
Pro Loco Scarperia
Scarperia  | Pro Loco Scarperia
Scarperia
Pro Loco Scarperia
Scarperia, Infiorata  | Leopoldo Checchi
Scarperia, Infiorata
Leopoldo Checchi
Scarperia  | Pro Loco Scarperia
Scarperia
Pro Loco Scarperia
Scarperia  | Pro Loco Scarperia
Scarperia
Pro Loco Scarperia
Uno sguardo a Scarperia
Uno sguardo a Scarperia

Sul borgo

Scarperia (in passato anche Scarpignana e fondata con il nome di Castel San Barnaba) è famoso per la produzione artigianale di coltelli e di macchine per caffè professionali. Il territorio è caratterizzato da colline dall'aspetto dolce e curvilineo.
È presente, poco fuori dal borgo, il Passo del Giogo, da cui si accede al comune di Firenzuola, per proseguire fino ad Imola e successivamente a Bologna.

Il Palazzo dei Vicari è un palazzo di origine trecentesca, che probabilmente in origine era costituito dalla sola torre e doveva essere la residenza del Capitano. Dopo l'erezione della terranuova a sede vicariale si resero necessari consistenti ampliamenti e modifiche: tra questi la sistemazione degli ambienti al primo piano, come la cappella e il salone, e la realizzazione dell'attuale ingresso.
Inizialmente fu sede del podestà e poi dei Vicari, diventando nel 1415 sede del Vicariato della Repubblica Fiorentina che l’aveva fondata nel 1306, come avamposto militare e luogo di controllo della viabilità transappenninica, rappresentando l’unica via di comunicazione fra Firenze e Bologna fino alla metà del 18esimo secolo.
Quando Scarperia conseguì la vittoria contro le truppe milanesi (1351), il legame con Firenze si rafforzò a tal punto che, come segno di ringraziamento le fu concesso il privilegio di avere lo stesso stemma di Firenze solo a colori invertiti: giglio rosso su campo bianco.

All’interno del Palazzo possiamo ammirare un affresco della scuola del Ghirlandaio, del 1501, ed anche l’antico orologio della torre campanaria opera documentata di Filippo Brunelleschi, unica testimonianza della sua attività nel campo dell’orologeria, anche se la sua produzione è stata più ampia, come ci testimoniano i biografi Manetti e Vasari.

Nel comune di Scarperia è presente l'Autodromo Internazionale del Mugello e il Golf Club Poggio dei Medici.


A pochi chilometri da Firenze, tra il rincorrersi delle colline, gli alti cipressi, lo sfondo delle cime e dei passi, si estende il territorio del Mugello e della Val di Sieve. È un paesaggio di boschi che danno tartufi neri e funghi, e che invita alla scoperta delle pievi e dei borghi. Tra questi c’èScarperia: un paese dall’anima di ferro, appena ingentilita dalle pitture rinascimentali disseminate in palazzi e chiese, o dai versi poetici di Margherita Guidacci, che tanto amò questo borgo.
Qui tutto parla di ferri taglienti, cioè di “coltelli, cesoie e temperini”, la cui produzione assicurò fama agli artigiani locali, dal Medioevo fino a metà Settecento. Dall’umile coltello della mensa dei poveri alle preziose lame impugnate dai nobili, dal fedele utensile usato nel lavoro dei campi al pugnale come pegno d’amore o simbolo di fedeltà: tutta l’arte della coltelleria ha trovato a Scarperia il suo antro di Vulcano.
Il borgo, sorto come avamposto fiorentino lungo la viadi Bologna, è poi diventato importante mercato e luogo di sosta sfruttando la sua posizione. Ancora oggi è attraversato e diviso in due dalla strada che conduce a Bologna, intorno alla quale gli edifici hanno formato un tessuto urbano di forma vagamente rettangolare racchiuso da mura intervallate da torri quadrate. Il cuore dell’insediamento fortificato è il Palazzo dei Vicari, residenza di impianto trecentesco, severa e turrita sul lato rivolto verso la piazza, e fortezza sul retro.

Scopri gli altri borghi sulla guida Toscana - Borghi Da Amare


Le origini della festa del Diotto si perdono nella notte dei tempi. Scarperia, fondata dalla Repubblica Fiorentina il 7 settembre 1306, ha da sempre organizzato i festeggiamenti della ricorrenza, l'8 settembre per associarli alla Santissima festa della Natività della Madonna, che appunto cade il giorno seguente il "Di otto".

Nel 1953 le autorità Scarperiesi decisero di far rivivere l'antica usanza della successione vicariale, riproponendo in chiave storica la festa del Diotto sempre molto sentita in terra Mugellana. Alle prime ombre della sera, allo scampanio che si diffonde dall'alta ed elegante torre, l'antico portone del Palazzo dei Vicari si spalanca consentendo l'uscita di un corteo composto da oltre un centinaio di figuranti con il Vicario Uscente, ed a suon di chiarine e rullar di tamburi si dirige tra le due fitte ali di folla, incontro al nuovo dignitario che di li a poco prenderà il suo posto al governo del Vicariato.

A Porta Fiorentina i due personaggi si incontrano, si salutano e quindi il corteo che proviene da Firenze scortando pomposamente il Nuovo Vicario inviato a succedere in quella carica al governo di Scarperia, si unisce a quello locale e percorrendo a ritroso le antiche vie festosamente illuminate ed addobbate, raggiunge la bella piazza che si distende di fronte al Palazzo dei Vicari dove, per festeggiarlo, lo si fa assistere ai giochi organizzati in suo onore.

Il Maestro di Campo dà inizio alle cinque gare; al termine delle quali verrà assegnato il Palio del Diotto ad uno dei quattro Rioni partecipanti alla finale, che a gare ultimate avrà totalizzato il maggior punteggio. I giochi hanno origine agreste e sono la genuina espressione della forte gente Scarperiesi che nel lavoro artigianale ed in quello dei campi, ha sempre profuso energia e talento. Le gare impegnano i sei concorrenti per fazione nel "tiro dei coltelli", nella "corsa delle bigonce", nel "tiro alla fune", nella "corsa sui mattoni" e nel "palo della cuccagna".

Il tutto intervallato dalle musiche e dai lanci dei Musici & Bandierai di Castel San Barnaba. Il Palio del Diotto si tiene ogni anno il giorno 8 settembre, in Piazza dei Vicari nel borgo di Scarperia, in Toscana.

Borgo di Scarperia
Comune di Scarperia e San Piero
Città Metropolitana di Firenze
Regione Toscana

Abitanti: 12.150 (5.163 nel borgo)
Altitudine centro: 292 m s.l.m.

Sito Unesco:
Giardini e Ville Medicee. La Villa del Trebbio

il Comune fa parte di:
I Borghi più belli d'Italia
Città dei motori
Città e siti patrimonio mondiale Unesco
Unione Montana del Mugello

Il Comune
Via dei Bastioni 3, Scarperia - Tel. +39 055 843161

IN AUTO

  • Da Nord e da Sud: Prendere l'autostrada A1, uscire a Barberino, continuare sulla SP 31 e poi sulla SS 65, seguire in direzione di Scarperia e San Piero.

IN TRENO

  • Stazione ferroviaria di San Piero a Sieve

IN AEREO

  • Aeroporto di Firenze

Dormire, mangiare, comprare...

Eventi

martedì
29
giugno, 2021

Santi Pietro e Paolo

da
sabato
4
settembre, 2021
a domenica 5 settembre 2021

Giornate Rinascimentali

martedì
7
settembre, 2021

Rificolona

mercoledì
8
settembre, 2021

Palio del Diotto

Dal blog

Magnifica e munifica, la Toscana, una regione costellata da monili preziosi: i borghi della memoria, un unicum di storia, tradizioni, leggende, costumi e folclore. A iniziare dal suo capoluogo, Firenze, nel cui territorio spiccano, fra i numerosi, Vinci, Barberino Val d’Elsa, Certaldo, Montefioralle e Scarperia. E poi Montelupo Fiorentino, la cui tradizione manifatturiera si ritrova anche nella gastronomia che dal passato arriva fino a o...
Continua
cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950