La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

San Vito Chietino


Condividi
San Vito Chietino, apprezzata stazione balneare della Costa dei Trabocchi, è collocato su uno sperone roccioso che si allunga fino al mare. Il trabocco più antico è quello di Punta Turchino, descritto da D'Annunzio in uno dei suoi più celebri romanzi.
  • Borgo di mare
  • Agibile ai disabili
  • Città dell'olio
San Vito Chietino  |
San Vito Chietino
Costa dei Trabocchi  |
Costa dei Trabocchi
Strada pedonale nel centro storico  |
Strada pedonale nel centro storico
San Vito Chietino  |
San Vito Chietino
Il promontorio D'Annunzio  |
Il promontorio D'Annunzio
Abbazia di San Giovanni Venere   |
Abbazia di San Giovanni Venere

Eventi

da
domenica
5
luglio, 2020
a domenica 30 agosto 2020

Mercatino artigianale 'Curiosando'

da
mercoledì
8
luglio, 2020
a venerdì 10 luglio 2020

Summer Beer Festival

sabato
20
marzo, 2021

Festa Patronale di San Vito Martire

martedì
15
giugno, 2021

Festa Patronale di San Vito Martire

Sul borgo

Il borgo marinaro di San Vito Chietino è un'apprezzata stazione balneare della Costa dei Trabocchi, in Abruzzo.
Collocato su uno sperone roccioso che si allunga fino al mare, gode di un paesaggio aperto sull'Adriatico e sul tratto di costa compreso fra Ortona a Vasto, in cui sono visibili alcuni trabocchi, da cui tale litorale prende nome.
Verso l'interno sono distinguibili la Majella e più in lontananza, il Gran Sasso d'Italia.

Le prime notizie sul paese risalgono all'età romana quando già esisteva un porto frentano presso il torrente Feltrino.
In epoca imperiale il porto venne utilizzato dai romani per i collegamenti oltre l'Adriatico ma ebbe anche importanza per le navi mercantili. Di quel periodo rimane parte del vecchio porto, vicino all'attuale lungomare di Gualdo di San Vito Marina.
Il borgo, invece, non aveva perduto la propria popolazione, come ci è testimoniato da una chiesa in onore di San Vito Martire di epoca paleocristiana.

Dopo la caduta dell'Impero romano d'Occidente San Vito seguì le sorti dell'area di appartenenza: fu occupata prima dai Goti (V - VI secolo), poi, dai bizantini (VI secolo) e dai longobardi (a partire dalla seconda metà del VI secolo), che fondarono il ducato di Spoleto, cui la località appartenne fino alla conquista normanna avvenuta nell'XI secolo.
In quest'ultimo periodo il litorale visse un periodo di declino, il porto venne abbandonato e si ricoprì di pietre e detriti fluviali.

In età alto medievale venne edificato un castello detto "Castellalto" di cui non si hanno notizie precedenti l'anno 1000.
Nei secoli successivi san Vito e l'intero Abruzzo divennero parti integranti prima del Regno di Sicilia, poi del Regno di Napoli. Durante il periodo aragonese (1442-1501), il porto di San Vito era ancora usato per le fiere di Lanciano e adoperato per il commercio marittimo.

Con la decadenza delle fiere lancianesi, anche il porto di San Vito decadde nuovamente, e Lanciano decise di vendere il porto col relativo feudo di San Vito Chietino a un certo Sancho Lopez nel 1528.
Negli anni seguenti il feudo passò di signoria in signoria: tra cui i Caracciolo, famiglia cui apparteneva Ferdinando Caracciolo, duca di Castel di Sangro, ultimo feudatario di San Vito. In epoca duosiciliana San Vito, costituitosi in comune, divenne sede dell'omonimo Circondario, pur continuando ad appartenere al Distretto di Lanciano.

Durante il Risorgimento si distinse nella lotta anti-borbonica. Nel 1863 la città assunse legalmente la denominazione con la quale è oggi conosciuta mediante l'aggiunta al toponimo di San Vito, dell'attributo Chietino, in riferimento alla propria provincia di appartenenza.

I Trabocchi furono inventati nel XVIII secolo da famiglie ebree di pescatori, sulla costa di San Vito.
Il trabocco più antico è infatti quello di Punta Turchino, descritto anche da D'Annunzio in uno dei suoi più celebri romanzi, ricostruito nel 2016 in seguito alla distruzione avvenuta due anni prima a causa di una violenta mareggiata.
Successive costruzioni si ebbero anche in Puglia (Vieste e Peschici). Oggi i trabocchi sono stati ricostruiti ed ampliati rispetto ai precedenti originali, ma non sono più funzionali al loro scopo precipuo, ovvero quello della pesca.

Borgo di San Vito Chietino
Comune di San Vito Chietino
Provincia di Chieti
Regione Abruzzo

Abitanti: 5.361
Altitudine centro: 122 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Città dell'olio

Comune di San Vito Chietino
Largo Altobelli, 1 - 66038 San Vito Chietino
Tel. 0872.61911

IN AUTO

  • Da Nord e da Sud: dall'autostrada A14 (da nord in direzione di Ancona e da sud in direzione Pescara), uscire a Lanciano e seguire la strada in direzione San Vito Chietino.
  • Da Chieti: percorrere la SS 81, prendere l'autostrada A14 in direzione Bari e uscire a Lanciano. Seguire la strada in direzione San Vito Chietino.
  • Da Pescara: percorrere la SS 16 in direzione Chieti, continuare sull'autostrada A 14 verso Bari e uscire a Lanciano. Proseguire verso San Vito Chietino.

IN TRENO

  • Raggiungere la stazione ferroviaria di Pescara

IN AEREO

  • Aeroporto di Pescara

VIA MARE

  • Porto turistico di Ortona
  • Porto di Vasto
  • Porto turistico di Pescara

Dormire, mangiare, comprare...

Casa Albergo Tiroasegno
Via Nazionale Frentana, 210 - 66010 , Lama dei Peligni (Chieti)
26.93 Chilometri da San Vito Chietino
La Locanda del Pescatore
Via Cristoforo Colombo, 12 - 66038, San Vito Chietino
Cantina Orsogna
Via Ortonese, 29 -66036, Orsogna (Chieti)
16.39 Chilometri da San Vito Chietino
Sweet Home
Via Adriatico, 38 - 66036, Orsogna (Chieti)
16.40 Chilometri da San Vito Chietino

Dal blog

10 borghi affacciati sul mare, 10 perle rare del nostro panorama italiano, 10 location che non si possono perdere durante l'anno dei borghi. Ok, di perle in Italia ne abbiamo moltissime ma oggi vogliamo mostrarvene alcune in particolare che crediamo valga davvero la pena di visitare nel periodo estivo sulle coste centrali del nostro paese. 1. Il nostro tour di borghi sul mare nel Centro Italia parte dalla Toscana con il borgo di...
Continua
La parte di costa adriatica che si estende da Ortona fino a Vasto, comprendendo anche il borgo di San Vito Chietino, chiamata la costa dei trabocchi, per via dei “baldacchini” - i trabocchi, appunto - costruiti sul litorale da dove vengono calate le reti, per poi rialzarle con il pescato del giorno, vanta una tradizione marinara e peschereccia secolare. Il fondale relativamente alto, le scogliere diffuse e gli areali...
Continua
cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950