Vi portiamo nelle segreta della grande fortezza sabauda, che solo Napoleone riuscì a espugnare
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard

Sun, 28 Apr 2019
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard

Il Forte di Bard si palesa all'improvviso ai nostri occhi mentre percorriamo l'autostrada in direzione di Aosta. Maestosa e impressionante, posta sulla sommità di uno strapiombo roccioso a forma di panettone, la grande muraglia sabauda si arrese soltanto alle truppe di Napoleone. Per il resto, si confermò nei secoli un baluardo inespugnabile contro gli invasori, la maggior parte dei quali furono relegati senza troppi convenevoli nelle segrete della fortezza. Oggi le anguste carceri del Forte sono tra le attrazioni più gettonate da parte dei turisti in visita all'antico borgo valdostano, che sorge lungo il fiume Dora Baltea, nonché alle pendici della rocca. Prendete l'ascensore panoramica che dal paesino conduce all'ingresso del castello e, una volta entrati, fate un giro nello spazio museale permanente: le prigioni del Forte di Bard vi aspettano... a sbarre aperte!

L'itinerario espostivo è multimediale. Filmati, documenti e ricostruzioni 3D ci accompagnano nell'evoluzione architettonica della fortezza, che ha sempre mantenuto le sue caratteristiche militari e difensive, citando, a partire da Napoleone Bonaparte, i "big" che hanno contribuito a rendere gloriosa la fama del Forte, come il comandante austriaco Stockard von Bernkopf, lo scrittore francese Stendhal e Camillo Benso conte di Cavour, qui rinchiuso nel 1831. Le prigioni sono composte da 24 celle, tutte di dimensioni assai ridotte, circa 1,3 per due metri, il che ci fa capire come il soggiorno dei detenuti non fosse proprio dei più confortevoli. Nella prima sezione del percorso, attraverso panelli tridimensionali, vengono illustrate le mutazioni strutturali del Forte nel corso delle varie epoche: romana, medioevale, '500 e '600 e '700. Un filmato dà voce ai protagonisti dell’avvenimento storico più significativo della storia del Forte di Bard: l’assedio da parte delle truppe napoleoniche.

Nella seconda sezione, gli "avatar" di Napoleone, del generale francese Berthier e del capitano Bernkopf svelano le tattiche belliche della dura battaglia combattuta nel 1800. La video-spiegazione è corroborata dalle proiezioni dei disegni del topografo e pittore Pietro Bagetti e dagli scritti di Stendhal. La terza parte è dedicata alla testimonianza del capitano Francesco Antonio Olivero, cui Carlo Felice di Savoia affidò la ricostruzione del Forte dopo l'assalto di Napoleone. La quarta sezione riporta in auge Camillo Benso conte di Cavour, detenuto di lusso durante il periodo di ricostruzione: a lui fu assegnata, nel 1831, la supervisione dei lavori. Cavour, in realtà, visse l’esperienza come una punizione, una "prigione morale" che lui stesso, in seguito, definì un «esilio». In questa sezione sono presenti anche alcuni oggetti di vita quotidiana di quell'epoca e in un uso all'interno del Forte. 

Nell’ultima sala, si ripercorre la decadenza e la rinascita del Forte nel corso del '900 attraverso un’intervista a Ferdinando Jacquemet, testimone vivente in grado di raccontare l’ultimo capitolo della lunga storia di Bard. Il percorso espositvo culmia con la proiezione di un filmato che analizza l’evoluzione degli insediamenti militari sulla rocca di Bard dall’anno mille a oggi. Oltre alle prigioni, il polo museale offre anche uno spazio dedicato ai più piccoli, chiamato Le Alpi dei ragazzi, dove i giovani visitatori diventano alpinisti la scalata virtuale del Monte Bianco. Nel viaggio si percorreranno i vari step, cui è dedicata una sala per ciascuno, che l'apprendista alpinista deve affrontare per raggiungere la vetta. Uno yeti tridimensionale guiderà i bambini all’ultima sala, dove verrà proiettato un filmato sui ghiacciai. 

Visitare, dunque, il Forte di Bard significa vivere un'esperienzia unica, ideale per grandi e piccini. Se siete in viaggio verso Aosta o le principali mete turistiche come Courmayeur o Gressoney Saint-Jean, vi consigliamo di fermarvi nel borgo di Bard per una breve sosta: il piccolo centro storico, costituito da case in mattoni e vecchie stradine leggermente saliscendi, vi conquisterà per la sua sobrietà e il suo silenzio tipico dei paesi di montagna. E' vero, qui siamo a valle, ma l'imponente Forte, che protegge il borgo dall'alto della rocca, ci fa sentire lontani da tutto. Anche del mondo odierno.

By Stefano De Bernardi
COMMENTI :

Eventi a Bard

  • Monterosa Walser Ultra Trail
    01-08-2020 | Bard (AO)
    Manifestazioni sportive

    Aggiungi al tuo calendario 2020-08-01 2020-08-01 Europe/Rome Monterosa Walser Ultra Trail Il Trail dei Walser alle pendici del Monte Rosa. Bard

    Il Trail dei Walser alle pendici del Monte Rosa.

    Borgo di Bard

  • Festa Patronale di Santa Maria Assunta
    15-08-2020 | Bard (AO)
    Feste patronali

    Aggiungi al tuo calendario 2020-08-15 2020-08-15 Europe/Rome Festa Patronale di Santa Maria Assunta Bard

    Borgo di Bard

  • Marché Au Fort
    11-10-2020 | Bard (AO)
    Sagre

    Aggiungi al tuo calendario 2020-10-11 2020-10-11 Europe/Rome Marché Au Fort Il Marché au Fort é la grande vetrina dedicata alle eccellenze della produzione enogastronomica della Valle d'Aosta. L'evento, che si svolgerà tra le suggestive mura del Borgo medievale e del Forte di Bard è la più importante rassegna enogastronomica dedicata ai prodotti e alle specialità della tavola della piccola regione alpina. La manifestazione abbraccerà gli angoli più caratteristici del Borgo medievale di Bard e del Forte, a partire dalle ore 9.30 sino alle 18.00. I visitatori potranno incontrare nel mercato i produttori e acquistare le specialità del territorio e saranno coinvolti in degustazioni e percorsi guidati. Bard

    Il Marché au Fort é la grande vetrina dedicata alle eccellenze della produzione enogastronomica della Valle d'Aosta. L'evento, che si svolgerà tra le suggestive mura del Borgo medievale e del Forte...

    Borgo di Bard


Notizie correlate

Castel Savoia, una residenza da favola
Castel Savoia, una residenza da favola
Ai piedi del Monte Rosa, nei pressi di Gressoney-Saint-Jean, sorge l'antica villa della Regina Elisabetta, che in Valle d'Aosta trascorse molte estati, tra escursioni, scalate e amore per la botanica
By Joni Scarpolini
Caltagirone esiste! Non è Mark, ma un borgo...
Caltagirone esiste! Non è Mark, ma un borgo...
Si trova in Sicilia, in provincia di Catania, ed è famoso per la Scalinata di Santa Maria del Monte e le sue splendide ceramiche
By Stefano De Bernardi
Liberiamo San Francesco del Prato
Liberiamo San Francesco del Prato
Dai cofanetti con le sbarre dell’ex carcere, al progetto per la salvaguardia dei nidi di rondone, ecco le iniziative fiorite a Parma intorno al restauro della chiesa grande quanto il Duomo
By Redazione
Hotel Villa Neri Resort & Spa, in Sicilia e tra mito e realtà
Hotel Villa Neri Resort & Spa, in Sicilia e tra mito e realtà
Arcaica terra di grandi emozioni, la Sicilia è una continua fonte di meraviglie e sorprese. A iniziare da borghi custodi di storia e leggende millenarie, per giungere a un presente che la vede protagonista anche in questa location
By Luciana Francesca Rebonato
Villa La Tonnara a Porto Cesareo, Salento e borghi per intenditori
Villa La Tonnara a Porto Cesareo, Salento e borghi per intenditori
Profumo di mare in questa residenza storica e incastonata nel Salento, affacciata su onde che sembrano cristallo liquido. Tutt’intorno, il Salento e i suoi tesori, con borghi da esplorare e curiosità da scoprire
By Luciana Francesca Rebonato
Montebelli Agriturismo e Country Hotel di Caldana, elisir di Maremma, natura e borghi
Montebelli Agriturismo e Country Hotel di Caldana, elisir di Maremma, natura e borghi
Un soggiorno a contatto con la vita e i ritmi della campagna per assaporarne tutta la seduzione. Il lusso in questa struttura è uno stile di vita, quello di concedersi spazio e tempo per rigenerarsi e per scoprire i seducenti borghi del territorio
By Luciana Francesca Rebonato

Piú letti del mese

Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Poker d’assi di borghi fortificati per andare alla scoperta della storia e delle curiosità. Leggende intrecciate ad arte e architettura, epopee medievali o rinascimentali che rivelano al visitatore tutta l’unicità di questi gioielli italiani
By Luciana Francesca Rebonato
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
Quattro borghi italiani che si distinguono per il loro artigianato, essenza di un’arte antica tramandata nei secoli. Un viaggio nella tipicità, itinerari emozionali che puntano i riflettori sull’unicità
By Luciana Francesca Rebonato
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, piccolo centro della Riviera di Ulisse, è una continua sorpresa tra panorami e scorci caratteristici dove ci si deve far guidare esclusivamente dalla curiosità
By Luca Sartori
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
La Colatura di Alici è un prodotto tradizionale che negli anni ha caratterizzato gastronomicamente il piccolo borgo di pescatori di Cetara
By Redazione
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
La Riviera dei Ciclopi, che prende il nome dalle isole antistanti, è quel tratto di costa siciliana che va da Aci Castello ad Acireale
By Redazione
La leggenda dell'amore di Bora
La leggenda dell'amore di Bora
La storia della nascita di Trieste è legata alla leggenda di Bora, figlia del dio Vento.
By Ivan Pisoni
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di