La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

Hostaria di Bacco

Dove mangiare a Furore , Salerno, Campania


Condividi

Aperta nel 1930 da Raffaele Ferraioli in concomitanza con l’inaugurazione della nuova (strada rotabile) Amalfi-Agerola, l’Hostaria a quel tempo era solo una mescita di vino con qualche piatto alla buona per chi dalla costa saliva sino ad Agerola. Nel 1948 tra quei percorsi di viottoli e scale arrivarono Anna Magnani e Roberto Rossellini, per girare il film L’amore. A Nannarella la cuoca Erminia dedica i ferrazzuoli, il piatto preferito dell’attrice quando si rifugiava a Furore, durante la tormentata storia d’amore con il regista, alla metà degli anni Quaranta. Sono passate quattro generazioni, l’Hostaria si è evoluta e ammodernata, rimanendo fedele allo spirito originario dell’architettura mediterranea.

Tra gli orti e le vigne, il ristorante è un trionfo di sapori locali: pasta fatta in casa, totani, alici, patate e verdure. Un’altra imperdibile ricetta di Erminia sono le linguine con la colatura d’alici, discendente del garum degli antichi Romani e oggi Presidio Slow Food, e selezionato come piatto del “Buon Ricordo” dall’Unione nata nel lontano 1964 con l’obiettivo di ridare notorietà e prestigio alle tante espressioni locali della tradizione gastronomica italiana.

Per portare un po’ di Furore sulla propria tavola, si possono seguire i corsi di cucina degli chef del ristorante. Infine, l’albergo: con le sue «terrazze benedette, baluardi della contemplazione estatica, dove si sta seduti a guardare il mare e, d’estate, verso sera si aspetta la prima brezza» vi offre una ospitalità calda ed avvolgente.

Prenota ora con Booking.com

Contatta ora Hostaria di Bacco

Voglio ricevere la newsletter
  • Ristorante
  • Cucina tipica
  • Parcheggio gratuito
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950