La più grande risorsa online su borghi e turismo
Accedi alla community

Castel Savoia

Cosa vedere a Gressoney-Saint-Jean, Aosta, Valle d'Aosta


Condividi

Castel Savoia è una villa ottocentesca dominante la vallata di Gressoney, meta di villeggiatura assai amata dalla regina Margherita, a partire dal 1887, e dal consorte Umberto I. La regina, a seguito di alcuni soggiorni presso la residenza del barone Beck Peccoz, volle far costruire una residenza per sé sul versante della valle al di sotto del Col Ranzola, da cui si gode un ampio panorama sulla valle e sulle cime del Monte Rosa.
Dopo alcune resistenze di Umberto I, che preferiva soggiornare nel Castello di Sarre per lunghe battute di caccia, la regina Margherita ottenne il permesso per realizzare la sua dimora di villeggiatura che fece progettare all'architetto Emilio Stramucci, già adoperatosi per i rimaneggiamenti di Palazzo Reale e di altre dimore sabaude. La nobildonna, rimasta vedova nel 1900 e ormai relegata alla sola funzione di regina madre, vi trascorse lunghi periodi di villeggiatura fino al 1925, ospitando illustri membri della letteratura di cui amava circondarsi, tra cui il poeta Giosué Carducci e l'affezionato nipote, il giovane principe di Piemonte Umberto II. Dopo la morte della regina Margherita avvenuta a Bordighera nel 1926, durante il suo soggiorno invernale a Villa Margherita, il castello rimase chiuso per alcuni anni e venne venduto nel 1936 all'industriale milanese Ettore Moretti che lo mantenne quasi intatto. I suoi eredi vendettero il castello alla regione autonoma Valle d'Aosta nel 1981.

Il Castello è in realtà una grande villa a tre piani in stile eclettico, caratterizzata dalle cinque torri neogotiche. Esse sono sormontate da guglie tutte differenti l'una dall'altra, mentre la torre centrale, la più alta, ospita un terrazzo coperto caratterizzato da una copertura a cuspide con abbaini che garantivano la vista ai Carabinieri Reali su tutta la proprietà. L'edificio è stato costruito con ampio uso di rocce locali e appare in tutta la sua austerità ma l'alternarsi di moduli architettonici, la moltitudine di finestre, bifore, trifore e la varietà di stili, gli conferiscono un aspetto piuttosto omogeneo e armonioso.
Una particolarità contraddistingue questa residenza, ovvero l'assenza delle cucine, che la regina stessa volle far costruire al di fuori dell'edificio, a circa trenta metri di distanza, nella struttura che dal 1981 ospita la biglietteria e i servizi igienici per i visitatori. Il collegamento con le cucine per trasportare le vivande era garantito da una galleria ipogea dotato di un doppio binario Decauville, dove le portate percorrevano il loro breve tragitto su carrelli elettrici chiusi ermeticamente fino ad un ascensore interno che portava i pasti direttamente nella sala da pranzo del castello.

L'ubicazione sul fianco della valle in una posizione consente di godere di un'ampia vista sul ghiacciaio Lyskamm e sul Monte Rosa. L'edificio è inoltre circondato da un ampio parco che ospita una piccola pineta e il giardino roccioso ai piedi dell'edificio. Collegate dal viale d'accesso al castello, vi sono anche alcune strutture abitative: la Villa Belvedere, che fungeva da foresteria, alloggio per i custodi, per la servitù e per la scorta di Carabinieri Reali e il Romitaggio Carducci, dedicato alla memoria del poeta e amico della regina che vi soggiornò.

  • Via Obre Biel Waeg, 7, Gressoney-Saint-Jean (Aosta)
  • Castello, rocca, fortezza

Gressoney-Saint-Jean

Gressoney-Saint-Jean

Dormire, mangiare, comprare...

Les Bières du Grand St. Bernard
Vengono prodotte birre artigianali di alta qualità nello stabilimento di Gignod in Valle d’Aosta,...
Rue des Forges 1, Etroubles (Aosta)
46.65 Chilometri da Castel Savoia
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950