Museo Etnografico Ostana - Alta Valle Po - Cosa vedere a Ostana - Castelli, chiese, monumenti e musei - Il Civico Museo Etnografico dedicato all'Alta Valle Po si trova a Ostana, in Piemonte.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Museo Etnografico Ostana - Alta Valle Po

Cosa vedere a Ostana, Cuneo

Il Civico Museo Etnografico “Ostana – Alta Valle Po” si trova a Ostana, in Piemonte. Allestito nel 1996, è nato con l’intento non solo di far memoria di un tempo passato, quanto, ancor più, di far conoscere ed apprezzare la varietà e la complessità del mondo che rappresentava questo fazzoletto di terra occitana. Le sale del museo sono allestite con ricostruzioni dei vari ambienti; il visitatore può contare inoltre su schede esplicative, documenti e fotografie per calarsi appieno nella realtà di un tempo.

Nella prima sala, apprese le principali vicende storiche del paese e osservata la cartina del 1900 con i toponimi locali in occitano, il visitatore entra nel laboratorio di un mënuzie (falegname) e conosce i suoi vari attrezzi di lavoro: lou toùërn, lou bonc, lou rabot, la piano, l’ënvëstiòou, lou diaou, lou davi, lou varlét, lou martel, la raspo, la frëndo; oggetti non riprodotti ma originali, di cui molti appartenuti ad un falegname di San Bernardo, borgata di Ostana, nella prima metà del ‘900.

Nella seconda sala si visitano l’ëstabi (la stalla) e la vòouto (la cantina). Nella stalla, il locale dove si svolgeva la vita in inverno, si trovano lou liëch e la parondo in paglia di segale, a riparo dell’umidità, l’ëstuo in pietra, lou driçòou per riporre le stoviglie, la boncho dë palho, lou couròou per i primi passi dei bimbi, la cuno per i neonati, il rouét per filare la lana. Ed ancora, la crëppio ed i recipienti per il bestiame come la tinozza per l’abbeveraggio ed i secchi per la mungitura, e, appese al jouquìe de jaline, le sounalhe e le canàoule (collari di legno). In cantina si ritrovano gli attrezzi tipici della lavorazione del latte: la siroùiro, i baçin, e le gavie, l’oulo, la buriëro, le palëtte, la cavanho cioè il cesto in vimini in cui era riposto il burro avvolto nelle foglie di piàie (acero di monte) e nel mantil, portato a vendere al mercato, il venerdì, dalle donne che scendevano a piedi a Paesana.

Nella terza sala, dedicata all’abbigliamento di Ostana in uso fino agli anni ‘50 del 1900, sono esposti, oltre ad un abito da sposa degli anni ’40, lou chamizot (sorta di sottoveste-canottiera in lana “di casa”, lavorata a maglia), tricò, croupat, ‘schaouçe, pounche e pelerine, maioun e sharpe…, camicie e lenzuola in télo, la fibra tessile della canapa, coltivata sul luogo fino agli anni della II^ guerra mondiale, “pettinata” dai brustiàire e “lavorata” dai tisòou del paese. Una macchina per cucire risalente a fine ’800 e la “divisa” religiosa della Coumpanìo dë les Filhe dë Marìo completano l’allestimento.

Nella quarta sala si entra nel mondo delle coltivazioni in uso ad Ostana, con gli attrezzi utilizzati in questi lavori (zappe di varie fogge, gerle, tridente, basto), i semi di grano saraceno dentro l’umino, il contenitore cilindrico che si usava come misura di capacità per le granaglie, e il vëntouar di inizio ‘900 costruito da un artigiano di allora, a San Bernardo. Oltre al grano saraceno, la terra di Ostana produceva anche segale, patate e orzo. In un angolo della stessa sala, che è in realtà la stanza che un tempo ospitava gli alunni di Ostana, si osserva uno scorcio di vita scolastica dei primi anni del secolo scorso: un banco originario, la cattedra, una cartina geografica del 1920, pagelle, quaderni, libri ed una cartella di legno, tutti risalenti a quegli anni. Un piccolo spazio è inoltre dedicato al chavatìn con chiodi, tomaie, forme per le scarpe e zoccoli. In un armadio a vetrina restaurato, i “preziosi” della ricca collezione del museo: monili, orologi, lumi d’epoca, copie di antiche pergamene e una copia degli Statuti di Ostana risalenti al 1425.

Il Museo ospita periodicamente mostre fotografiche con lo scopo di offrire uno sguardo d’insieme su Ostana nei vari aspetti che la contraddistinguono, come l’ambiente, il territorio, i coltivi.

Contatta ora Museo Etnografico Ostana - Alta Valle Po

Compila questo modulo per metterti in contatto direttamente

Accetto i termini della privacy
Voglio ricevere la newsletter
TAGS :

Visita Ostana

Eventi a Ostana

Cosa vedere nei dintorni

Museo del Costume e dell'Artigianato Tessile
Museo del Costume e dell'Artigianato Tessile
Il Museo del Costume di Chianale, in Piemonte, è ospitato nell'antica chiesa dei Cappuccini.
Frazione Chianale, 7, Pontechianale (CN)
15.90 Chilometri da Museo Etnografico Ostana - Alta Valle Po
Gueiza 'd la tana
Gueiza 'd la tana
La Gueiza 'd la tana si trova in località Odin, nei pressi del monumento di Chanforan, in Val d'Angrogna.
Sentiero della Gheisa d'la Tana, località Odin, Angrogna (TO)
17.44 Chilometri da Museo Etnografico Ostana - Alta Valle Po
Monumento di Chanforan
Monumento di Chanforan
Il monumento di Chanforan si trova in località Odin, in Val d'Angrogna.
Frazione Odin, 121, Angrogna (TO)
17.79 Chilometri da Museo Etnografico Ostana - Alta Valle Po
Coulege dei Barba
Coulege dei Barba
Il Coulege dei Barba si trova in località Pradeltorno, in Val d'Angrogna.
Località Prà del Torno, 61, Angrogna (TO)
19.49 Chilometri da Museo Etnografico Ostana - Alta Valle Po
Casa Cavassa
Casa Cavassa
Casa Cavassa è uno degli edifici-simbolo del Rinascimento saluzzese, oggi è sede del Museo civico della città.
Via S. Giovanni, 5 - 12037 , Saluzzo (CN)
24.16 Chilometri da Museo Etnografico Ostana - Alta Valle Po
Chiesa di San Giovanni
Chiesa di San Giovanni
La Chiesa di San Giovanni è uno degli edifici più importanti del borgo di Saluzzo.
Via S. Giovanni, 1 - 12037 , Saluzzo (CN)
24.17 Chilometri da Museo Etnografico Ostana - Alta Valle Po
La Castiglia
La Castiglia
La Castiglia era la residenza privilegiata e fortificata dei marchesi di Saluzzo, diventata fino al 1992 una prigione.
Piazza Castello 12037, Saluzzo (CN)
24.32 Chilometri da Museo Etnografico Ostana - Alta Valle Po
Antico Palazzo Comunale
Antico Palazzo Comunale
Il Palazzo Comunale di Saluzzo risale al 1462, durante il marchesato di Ludovico I e la Torre Civica era il simbolo di una forza indipendente dal potere marchionale e dall’influenza religiosa.
Salita al Castello, 26 - 12037 , Saluzzo (CN)
24.32 Chilometri da Museo Etnografico Ostana - Alta Valle Po
Casa Pellico
Casa Pellico
Casa Pellico è un edificio di origine medievale, situato appena al di fuori della cerchia di mura del 1280.
Piazzetta dei Mondagli, 5 -12037 , Saluzzo (CN)
24.51 Chilometri da Museo Etnografico Ostana - Alta Valle Po

Piú letti del mese

Viaggio nella Valle dei Mocheni, la valle incantata del Trentino Alto Adige
Viaggio nella Valle dei Mocheni, la valle incantata del Trentino Alto Adige
Andiamo alla scoperta della Valle dei Mocheni, anche definita la Valle incantata. Un luogo dal fascino unico, nel cuore del Trentino Alto Adige.
By Redazione
Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Poker d’assi di borghi fortificati per andare alla scoperta della storia e delle curiosità. Leggende intrecciate ad arte e architettura, epopee medievali o rinascimentali che rivelano al visitatore tutta l’unicità di questi gioielli italiani
By Luciana Francesca Rebonato
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
Quattro borghi italiani che si distinguono per il loro artigianato, essenza di un’arte antica tramandata nei secoli. Un viaggio nella tipicità, itinerari emozionali che puntano i riflettori sull’unicità
By Luciana Francesca Rebonato
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, piccolo centro della Riviera di Ulisse, è una continua sorpresa tra panorami e scorci caratteristici dove ci si deve far guidare esclusivamente dalla curiosità
By Luca Sartori
Ricetta: Le Sfogliatelle di donna Anna
Ricetta: Le Sfogliatelle di donna Anna
Le sfogliatelle di Lama dei Peligni sono decisamente le dirette discendenti delle note sfogliatelle napoletane
By Redazione
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
La Colatura di Alici è un prodotto tradizionale che negli anni ha caratterizzato gastronomicamente il piccolo borgo di pescatori di Cetara
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di