Museo Capitolare - Cosa vedere a Atri - Castelli, chiese, monumenti e musei - Il Museo capitolare di Atri è stato fondato nel 1912, ed è uno dei più antichi d'Abruzzo.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Museo Capitolare

Cosa vedere a Atri, Teramo

Il Museo capitolare di Atri è stato fondato nel 1912, ed è uno dei più antichi d'Abruzzo. Fu voluto da monsignor Raffaele Tini e fu arricchito nel tempo da cospicue donazioni (come quella di ceramiche da parte della famiglia Bindi). Raccoglie opere che vanno dal XIII al XX secolo provenienti dalla città. Il museo è ospitato nelle sale al piano superiore del chiostro benedettino di un monastero del XII secolo, divenuto nel XV secolo residenza dei canonici del duomo e cimitero episcopale. Comprende dieci sale oltre al chiostro e alla cripta.

All’interno due grandi reliquiari francescani del XVII sec. in legno, con reliquie che provengono dalle catacombe romane; tre portaceri lignei del XVI sec. di buona fattura; lungo le scale una discesa dello Spirito Santo fine XVI sec. e una serie di sei candelieri e croce in legno dorato con Cristo in argento.

Le sale 1 e 2 sono dedicate ai mobili da Sagrestia, la 3 all’Arte Tessile sacra. Pianete, stole, piviali, mitrie del periodo barocco e rococò (sec. XVII e XVIII) in seta, velluto, broccato e damasco con filature in argento e oro. Da notare il tappeto rosso ricamato in argento donato nel 1732 al cardinale Troiano Acquaviva dalla regina d’Inghilterra.

Nella sala 4 si trova la Pinacoteca, nella 5 un Angelo Annunciante e la Vergine Annunciata, olii su tela di un pittore napoletano. La sala 6 è sempre dedicata alla Pinacoteca. Nella sala 7, al centro in vetrine modulari, dalla particolare forma a capanna, sono esposti i 100 pezzi della raccolta Vincenzo Bindi costituiti da piatti, mattonelle, piastrelle, vasi, ecc. prevalentemente di Castelli, ma anche di altre scuole, rappresentanti pressoché l’intera storia della ceramica d’Abruzzo, dagli inizi del XVI sec. al XIX. Sono presenti mattoni maiolicati che provengono dal soffitto di S. Donato in Castelli, opere dei Grue (Francesco, Carlantonio, Francesco Antonio Saverio, Anastasio, Liborio, Francesco Saverio e Niccolò Tommaso), dei Gentili (Carmine, Giacomo e Berardino). Non mancano i Cappelletti: Nicola (1691-1767) e Fedele (1874-1920), Gernaldo Fuina e tante altre ceramiche di autori non determinati ed altre più recenti costituenti la cosidetta ceramica povera. Nel mezzo, solitaria, La Madonna col Bimbo maiolica bicolore, invetriata, attribuita a Luca della Robbia ed eseguita verso il 1470. In fondo due grandi vasi policromi di Francesco Saverio Grue (1720-1755) rappresentanti “Natività” e “Adorazione dei Magi” determinati ed altre più recenti costituenti la cosidetta ceramica povera. Nel mezzo, solitaria, La Madonna col Bimbo maiolica bicolore, invetriata, attribuita a Luca della Robbia ed eseguita verso il 1470.

Nella sala 8, in due vetrine, un Reliquario a Croce in argento sbalzato, cesellato, dorato, con smalti e niello del 1435 e la stupenda Croce in cristallo di Rocca, un lavoro di scuola veneziana della fine del XIII sec. proveniente dalla chiesa S. Francesco in Atri: un pezzo tra i più prestigiosi del Museo. La sala 9 contiene opere del primo novecento, scolpite dall’atriano Tommaso Illuminati, fratello dell’insigne umanista Prof. Luigi Illuminati, nato in Atri nel 1883 e che compì la sua maturazione artistica sotto il Ferrari e il Bazzani a Roma. Vi si notano pezzi in legno, bronzo e terracotta raffiguranti fiori, figure sacre e teste di personaggi.

Contatta ora Museo Capitolare

Compila questo modulo per metterti in contatto direttamente

Accetto i termini della privacy
Voglio ricevere la newsletter
TAGS :

Visita Atri

Eventi a Atri

Cosa vedere nei dintorni

Cattedrale di Atri
Cattedrale di Atri
La Cattedrale di Atri, dedicata a Santa Maria Assunta, si trova nel cuore del borgo, in Abruzzo.
Piazza Duomo, Atri (TE)
0.10 Chilometri da Museo Capitolare
Museo Civico 'Luigi Chiavetta'
Museo Civico 'Luigi Chiavetta'
Il Museo Civico di Città Sant'Angelo, in Abruzzo, è ospitato all'interno della Chiesa di San Salvatore.
Via del Grottone, 7, Città Sant\'Angelo (PE)
9.43 Chilometri da Museo Capitolare
Chiesa di Sant'Agostino
Chiesa di Sant'Agostino
La chiesa di Sant'Agostino si trova nel centro storico di Città Sant'Angelo, in Abruzzo.
Via del Grottone, 15, Città Sant\'Angelo (PE)
9.47 Chilometri da Museo Capitolare
Chiesa di San Francesco
Chiesa di San Francesco
La chiesa di San Francesco si trova nel borgo di Città Sant'Angelo, in Abruzzo.
Piazza IV Novembre, 2, Città Sant\'Angelo (PE)
9.52 Chilometri da Museo Capitolare
Chiesa di San Bernardo
Chiesa di San Bernardo
La chiesa di San Bernardo si trova nel borgo di Città Sant'Angelo, in Abruzzo.
Largo Guglielmo Oberdan, 1, Città Sant\'Angelo (PE)
9.54 Chilometri da Museo Capitolare
Collegiata di San Michele Arcangelo
Collegiata di San Michele Arcangelo
La Collegiata di San Michele Arcangelo è la chiesa principale di Città Sant'Angelo, in Abruzzo.
Largo Cavour, 8, Città Sant\'Angelo (PE)
9.55 Chilometri da Museo Capitolare
Museo Laboratorio Ex Manifattura Tabacchi
Museo Laboratorio Ex Manifattura Tabacchi
Il Museo Laboratorio d'Arte Contemporanea di Città Sant'Angelo, in Abruzzo, si trova all'interno della storica ex Manifattura Tabacchi.
Vico Lupinato, 1, Città Sant\'Angelo (PE)
9.61 Chilometri da Museo Capitolare
Museo delle Ceramiche
Museo delle Ceramiche
Il museo delle ceramiche si trova nel borgo di Castelli, in Abruzzo, ai piedi del Gran Sasso.
Salita Paradiso, Castelli (TE)
24.27 Chilometri da Museo Capitolare
Chiesa di San Donato
Chiesa di San Donato
Nel 1963 Carlo Levi definì la chiesa di San Donato di Castelli, in Abruzzo, la Cappella Sistina della Maiolica.
SP 37, Castelli (TE)
24.29 Chilometri da Museo Capitolare

Piú letti del mese

Ricetta: Pitta di patate
Ricetta: Pitta di patate
La pitta di patate alla pizzaiola è un piatto tipico salentino adatto sia per una cena o per un antipasto, da gustare sia caldo che freddo
By Redazione
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Un dolce pasquale tipico della città di Lucca e i suoi dintorni. La pasimata della Garfagnana si contraddistingue per la presenza dell'uvetta
By Redazione
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
I borghi storici della Lombardia conservano perfettamente le tradizioni enogastronomiche del territorio, grazie alle mani esperte delle massaie che hanno saputo tramandare i segreti della cucina più antica di questa regione.
By Redazione
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Un soffice rustico umbro da preparare durante la Settimana Santa e da gustare il giorno di Pasqua, anticamente portato in chiesa per farlo benedire
By Redazione
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Per chi ama un viaggio sensoriale con note romantiche, la costa ligure e i borghi di Lucignano e Varenna sono ricchi di paesaggi, scorci e sentieri.
By Redazione
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Il borgo di Nonantola, in Emilia, ospita la celebre Abbazia carica di storia e tesori. Il suo fondatore fu un personaggio coraggioso e carismatico che svestì i panni della nobiltà per abbracciare quelli più umili del monachesimo.
By Roberto Giarrusso
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di