Castello Malaspina - Cosa vedere a Fosdinovo - Castelli, chiese, monumenti e musei - Il castello Malaspina è il castello più grande e meglio conservato della Lunigiana, in Toscana.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Castello Malaspina

Cosa vedere a Fosdinovo, Massa-Carrara

  • Piazza Sauxillanges, Fosdinovo (MS)

Il castello Malaspina è il castello più grande e meglio conservato della Lunigiana, in Toscana.
Il castello di Fosdinovo è stato residenza principale del marchese, reggitore dell'omonimo feudo, appartenente ad uno dei rami dei Malaspina dello Spino Fiorito, dal XIV al XVIII secolo.
La costruzione dell'imponente fortezza, che si fonde perfettamente con la roccia arenaria, ebbe inizio nella seconda metà del XII secolo, anche se si parla del Castrum Fosdinovense già in un documento di Lucca del 1084.
Innalzata a dominio e difesa del primitivo Castro di Fosdinovo, nel 1340 venne ufficialmente ceduta dai Nobili di Fosdinovo a Spinetta Malaspina, morto nel 1352. Egli creò così il marchesato di Fosdinovo risiedendo nel castello che il nipote Galeotto I, scomparso nel 1367, in seguito ingrandirà e abbellirà.
Nella parte finale del Quattrocento fu restaurato razionalmente da Gabriele II Malaspina. Nel Cinquecento, grazie all'opera del suddetto regnante e del suo successore Lorenzo Malaspina, il castello acquistò l'aspetto di dimora gentilizia e la dimensione di corte rinascimentale, mentre nel Seicento, durante il marchesato di Giacomo (Jacopo) II Malaspina, il borgo si ingrandì ulteriormente fino a contare, nel 1636, ben ottocento “fuochi”.
Il castello di Fosdinovo si compone di una pianta quadrangolare con quattro torri rotonde orientate, un bastione semicircolare, due cortili interni (uno centrale), camminamenti di ronda sopra i tetti, giardini pensili, loggiati ed un avamposto verso il paese, detto anticamente lo “spuntone”, formidabile strumento difensivo (una sorta di rivellino).
Protetta, nei tempi trascorsi, da un ponte levatoio, la porta d'ingresso duecentesca introduce in un piccolo cortile in stile romanico dove una colonna marmorea, anch'essa del Duecento, ne sostiene i loggiati superiori. Dal cortile, dove si trovavano i cannoni difensivi, partono le larghe rampe di scale (ci si passava con i cavalli) che conducono a quello più grande centrale.
Questo presenta un elegante porticato rinascimentale con colonne in pietra, un pozzo ed un bel portale cinquecentesco in marmo da cui comincia il percorso per raggiungere le sale del castello, arredate ed affrescate alla fine del 1800. La Sala d'ingresso, la Sala da pranzo col grande camino settecentesco e le ceramiche da farmacia del Seicento, la Sala del trono, il vasto Salone con gli attigui salotti e la camera del trabocchetto con la sottostante camera delle torture.

Si racconta che proprio da questa stanza, la marchesa Cristina Pallavicini, donna malvagia e lussuriosa, eliminava i suoi amanti facendoli cadere nella botola situata ai piedi del letto. E proprio i trabocchetti erano una caratteristica del castello. Ne esistevano tre, due nel loggiato che dava sull'orto ed uno nella torre d'angolo. Alla loro base erano infissi affilati coltelli con la punta rivolta verso l'alto, di modo che lo sventurato, una volta caduto dalla botola attivata con una molla, veniva colto immediatamente dalla morte. Oltre a questi tremendi strumenti di tortura, ne esisteva un altro ancor più terribile. Si trattava di un braccio di ferro che sporgeva dal muro della torre, ad esso era applicata una carrucola ed un anello murato in terra, collegati da una corda. Il torturato veniva appeso e lasciato penzoloni sotto gli occhi di tutti, finché non fosse morto.

Nella più antica torre di levante, si trova la cosiddetta “camera di Dante”, dove, secondo la tradizione, dormì il Sommo Poeta quando fu ospitato nel castello durante il periodo di esilio. Gli affreschi presenti nel grande salone centrale raffigurano proprio l'antica amicizia di Dante con i Malaspina, ricordata da Giovanni Boccaccio.

TAGS :

Visita Fosdinovo

Eventi a Fosdinovo

Cosa vedere nei dintorni

Museo audiovisivo della Resistenza
Museo audiovisivo della Resistenza
Il Museo audiovisivo della Resistenza si trova nel borgo di Fosdinovo, in Toscana.
Via delle Prate, 12, Fosdinovo (MS)
1.86 Chilometri da Castello Malaspina
Villa Malaspina di Caniparola
Villa Malaspina di Caniparola
La Villa Malaspina di Caniparola si trova ai piedi delle colline del borgo di Fosdinovo, in Toscana.
Viale Malaspina, 32, località Caniparola, Fosdinovo (MS)
3.84 Chilometri da Castello Malaspina
Villa Romana del Varignano
Villa Romana del Varignano
I resti della villa romana del Varignano si trovano in località Grazie a Porto Venere, in Liguria.
Via Varignano Vecchio, 55, Portovenere (SP)
16.50 Chilometri da Castello Malaspina
Castello Doria
Castello Doria
Il Castello Doria di Porto Venere, in Liguria, è una delle più maestose architetture militari della Repubblica di Genova.
Sentiero 1, Portovenere (SP)
17.75 Chilometri da Castello Malaspina
Grotta di Lord Byron
Grotta di Lord Byron
La grotta Byron è situata presso lo sperone di roccia sotto la chiesa di San Pietro nel borgo di Porto Venere in Liguria.
Via dei Mulini, 1, Portovenere (SP)
17.81 Chilometri da Castello Malaspina
Chiesa di San Pietro
Chiesa di San Pietro
La chiesa di San Pietro si trova nel borgo di Porto Venere, affacciata sul golfo dei Poeti in Liguria.
SP530, 92, Portovenere (SP)
17.93 Chilometri da Castello Malaspina
MAM Museo Archivio della Memoria
MAM Museo Archivio della Memoria
Il Museo Archivio della Memoria si trova nel borgo di Bagnone, in Toscana.
Piazza Marconi, 7, Bagnone (MS)
20.10 Chilometri da Castello Malaspina
Chiesa di San Giovanni Battista
Chiesa di San Giovanni Battista
La chiesa, nella parte alta di Riomaggiore, protegge il paese e i suoi abitanti.
Via Pecunia, 47 - 19017, Riomaggiore (SP)
22.93 Chilometri da Castello Malaspina
Via dell'Amore
Via dell'Amore
Via dell'Amore è una delle più importanti attrazioni turistiche delle Cinque Terre che collega Riomaggiore e Manarola
Via dell' Amore - 19017 , Riomaggiore (SP)
23.12 Chilometri da Castello Malaspina

Piú letti del mese

Viaggio nella Valle dei Mocheni, la valle incantata del Trentino Alto Adige
Viaggio nella Valle dei Mocheni, la valle incantata del Trentino Alto Adige
Andiamo alla scoperta della Valle dei Mocheni, anche definita la Valle incantata. Un luogo dal fascino unico, nel cuore del Trentino Alto Adige.
By Redazione
Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Poker d’assi di borghi fortificati per andare alla scoperta della storia e delle curiosità. Leggende intrecciate ad arte e architettura, epopee medievali o rinascimentali che rivelano al visitatore tutta l’unicità di questi gioielli italiani
By Luciana Francesca Rebonato
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
Quattro borghi italiani che si distinguono per il loro artigianato, essenza di un’arte antica tramandata nei secoli. Un viaggio nella tipicità, itinerari emozionali che puntano i riflettori sull’unicità
By Luciana Francesca Rebonato
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, piccolo centro della Riviera di Ulisse, è una continua sorpresa tra panorami e scorci caratteristici dove ci si deve far guidare esclusivamente dalla curiosità
By Luca Sartori
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
La Colatura di Alici è un prodotto tradizionale che negli anni ha caratterizzato gastronomicamente il piccolo borgo di pescatori di Cetara
By Redazione
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
La Riviera dei Ciclopi, che prende il nome dalle isole antistanti, è quel tratto di costa siciliana che va da Aci Castello ad Acireale
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di