Museo delle miniere di mercurio del Monte Amiata - Cosa vedere a Santa Fiora - Castelli, chiese, monumenti e musei - Il Museo delle miniere di mercurio del Monte Amiata è situato nel borgo di Santa Fiora, all'interno del Palazzo Sforza Cesarini.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Museo delle miniere di mercurio del Monte Amiata

Cosa vedere a Santa Fiora, Grosseto

Il Museo delle miniere di mercurio del Monte Amiata è situato nel borgo di Santa Fiora, all'interno del Palazzo Sforza Cesarini. L'esposizione si pone come obiettivo quello di informare, testimoniare e ricordare il passato minerario del Monte Amiata, documentando con oggetti e immagini le tecniche di estrazione del mercurio, l'organizzazione del lavoro e le vicende sociali inerenti alla condizione lavorativa dei minatori. A partire dal 2008 il museo si è dotato di un'ampia collezione di minerali provenienti prevalentemente dal centro Italia e soprattutto dalle provincie minerarie toscane. Dal 2010 il museo partecipa insieme all'Acquedotto del Fiora e alla Provincia di Grosseto ad un progetto di ripopolamento della peschiera con la trota macrostigma (Salmo cettii).

Il museo delle miniere di mercurio è allestito al piano terra del Palazzo Sforza Cesarini, in piazza Garibaldi, nei locali che un tempo ospitavano le cucine e le stanze di servizio dei nobili proprietari. Il palazzo è stato costruito intorno al 1575 nel luogo dove sorgeva l'originaria rocca aldobrandesca di Santa Fiora, ed è caratterizzato da strutture murarie in pietra, dove si aprono finestre rettangolari e, al pian terreno, una serie di porte ad arco tondo. Nello stesso edificio è inoltre ospitato anche il Comune.

Il museo si articola in sei sale arredate con minerali, oggetti e strumenti di lavoro, e con ventidue pannelli che illustrano e approfondiscono una serie di tematiche di carattere storico, tecnico, antropologico e sociale, legate al mondo delle miniere sul Monte Amiata.

La prima sala, dove sono situati anche la biglietteria e il bookshop, illustra il territorio del Monte Amiata in cui si è sviluppata l'industria mineraria, con carte geologiche e un plastico che riproduce i luoghi d'estrazione del cinabro. Un altro pannello fornisce al visitatore un excursus cronologico sulla storia estrattiva, partendo sin dal periodo preistorico e dalla civiltà etrusca: sono esposti reperti ritrovati nel corso di scavi archeologici, quali picconi, asce e mazze, a testimonianza che i giacimenti erano conosciuti fin dal III millennio a.C.

La seconda sala è volta a documentare l'evoluzione delle tecniche estrattive e degli strumenti utilizzati nel lavoro in miniera. Altri pannelli continuano l'itinerario cronologico avviato nella sala precedente illustrando la storia delle miniere amiatine dal Medioevo fino ai tempi moderni.

La terza sala è dedicata all'estrazione del cinabro e alle donne e i bambini che erano incaricati di selezionare il minerale da mandare ai forni. Inoltre funge anche da saletta video – viene proiettato un interessante documentario sulle miniere e la società amiatina tra il XIX e il XX secolo – e sono esposti numerosi strumenti del mestiere del minatore. Da questa sala si accede in più ad un'altra piccola stanza, in cui è stata allestita una discenderia con galleria, per ricostruire fedelmente un ambiente interno della miniera.

La quarta e la quinta sala, situate entrambe al piano superiore, approfondiscono le caratteristiche fisico-chimiche del mercurio, l'influenza economica del mercurio sul mercato (produzione, vendita), per poi arrivare ad illustrare le conseguenze del lavoro in miniera nella vita dei minatori, come frane, esplosioni, ma anche malattie, e l'ambiente sociale dei sindacati, degli scioperi e delle lotte per la tutela dei lavoratori. Infine la visita giunge al termine con la storia contemporanea: cinque pannelli raccontano della chiusura delle miniere e della bonifica e recupero ambientale messi in atto per valorizzare i siti minerari.

La sesta sala è un piccolo corridoio situato nuovamente al piano terra, alle spalle della biglietteria, ed offrono al visitatore un elenco completo delle miniere amiatine, con tutti i dati storici e geografici.

Contatta ora Museo delle miniere di mercurio del Monte Amiata

Compila questo modulo per metterti in contatto direttamente

Accetto i termini della privacy
Voglio ricevere la newsletter
TAGS :

Visita Santa Fiora

Eventi a Santa Fiora

Cosa vedere nei dintorni

Palazzo Sforza Cesarini
Palazzo Sforza Cesarini
Il Palazzo Sforza Cesarini è una delle principali architetture del centro storico della località di Santa Fiora.
Piazza Garibaldi, 25 - 58037, Santa Fiora (GR)
0.04 Chilometri da Museo delle miniere di mercurio del Monte Amiata
Defizio
Defizio
Balcone naturale affacciato sulla Peschiera, sul fiume Fiora e su un poggio abitato fin dalla preistoria
Via del Diacceto, Santa Fiora (GR)
0.04 Chilometri da Museo delle miniere di mercurio del Monte Amiata
Peschiera
Peschiera
La Peschiera di Santa Fiora è uno specchio d'acqua custodito dal Monte Amiata, vicino all'omonimo paese
Via della Peschiera, Santa Fiora (GR)
0.08 Chilometri da Museo delle miniere di mercurio del Monte Amiata
Pieve delle Sante Flora e Lucilla
Pieve delle Sante Flora e Lucilla
La pieve delle Sante Flora e Lucilla è un edificio religioso di culto cattolico situato a Santa Fiora
Piazza Arcipretura, 1 - 58037, Santa Fiora (GR)
0.12 Chilometri da Museo delle miniere di mercurio del Monte Amiata
Chiesa della Madonna della Neve
Chiesa della Madonna della Neve
La chiesa della Madonna della Neve è detta anche "della Piscina" per la vicinanza con il complesso della Peschiera, dove si raccolgono le acque del Fiora
Strada Provinciale la Bella, 73 - 58037, Santa Fiora (GR)
0.15 Chilometri da Museo delle miniere di mercurio del Monte Amiata
Chiesa di Santa Chiara
Chiesa di Santa Chiara
Il Chiesa di Santa Chiara, edificata nel 1705, conserva all'interno un Crocifisso ligneo quattrocentesco assai venerato e portato in processione ogni 3 maggio
Via delle Monache, 24 - 58037, Santa Fiora (GR)
0.18 Chilometri da Museo delle miniere di mercurio del Monte Amiata
Piazza del Ghetto
Piazza del Ghetto
L'area chiamata Piazza del Ghetto, nel terziere di Borgo, a Santa Fiora, era il luogo dove la comunità ebraica viveva e aveva la possibilità di praticare il proprio culto
Terziere di Borgo, Santa Fiora (GR)
0.20 Chilometri da Museo delle miniere di mercurio del Monte Amiata
Convento della Santissima Trinità
Convento della Santissima Trinità
Il convento della Santissima Trinità si trova nei pressi della frazione di Selva nel comune di Santa Fiora
Via delle Vigne, 14 - 58037, Santa Fiora (GR)
3.35 Chilometri da Museo delle miniere di mercurio del Monte Amiata
Chiesa di Santa Maria delle Grazie
Chiesa di Santa Maria delle Grazie
La chiesa di Santa Maria delle Grazie si trova a Castel del Piano, in Toscana.
Via Guglielmo Marconi, 3, Castel del Piano (GR)
7.86 Chilometri da Museo delle miniere di mercurio del Monte Amiata

Piú letti del mese

Ricetta: Pitta di patate
Ricetta: Pitta di patate
La pitta di patate alla pizzaiola è un piatto tipico salentino adatto sia per una cena o per un antipasto, da gustare sia caldo che freddo
By Redazione
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Un dolce pasquale tipico della città di Lucca e i suoi dintorni. La pasimata della Garfagnana si contraddistingue per la presenza dell'uvetta
By Redazione
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
I borghi storici della Lombardia conservano perfettamente le tradizioni enogastronomiche del territorio, grazie alle mani esperte delle massaie che hanno saputo tramandare i segreti della cucina più antica di questa regione.
By Redazione
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Un soffice rustico umbro da preparare durante la Settimana Santa e da gustare il giorno di Pasqua, anticamente portato in chiesa per farlo benedire
By Redazione
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Per chi ama un viaggio sensoriale con note romantiche, la costa ligure e i borghi di Lucignano e Varenna sono ricchi di paesaggi, scorci e sentieri.
By Redazione
Aliano, quando un luogo incontra l'anima dello scrittore
Aliano, quando un luogo incontra l'anima dello scrittore
Un paesaggio di ispirazione per uno dei personaggi più significativi e importanti del periodo fascista: Carlo Levi.
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di