Centopietre - Cosa vedere a Patù - Castelli, chiese, monumenti e musei - Il monumento delle Centopietre è il simbolo di Patù
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Centopietre

Cosa vedere a Patù, Lecce

  • Piazza Marco Pedone, Patù (LE)

Simbolo di Patù è il monumento delle Centopietre.
Il popolo credeva essere stato costruito dai giganti, date le notevoli dimensioni dei circa 100 blocchi che lo compongono.
Leggenda narra che nel corso del IX secolo giunsero truppe francesi del Carolingio “Re Carlo” in soccorso di Vereto, attaccata dai Saraceni che miravano ad espandersi dal Capo di Leuca all’interno della penisola salentina. L’armata giunse via mare a Gallipoli e intercettò i nemici tra Leuca e Vereto nella zona chiamata “Campo Re”. Alla vigilia dello scontro le truppe francesi il cavaliere “Germiniano o Giminiano” come ambasciatore per trattare la pace con il risultato che questi fu imprigionato e trucidato, scatenando la dura reazione dei cristiani. Lo scontro avvenne il 24 giugno del 877 e fu terribile. I Cristiani vinsero, recuperarono il corpo dell’ambasciatore e lo seppellirono in un onorato sepolcro costruito con 100 pietre tufacee e combaciate senza malta di cemento.
La leggenda riporta anche che in un secondo momento le spoglie di Giminiano furono traslate in Francia, patria dell’eroe.

Centopietre si presenta come una bassa e primitiva capanna rettangolare edificata con 100 grossi conci (presumibilmente provenienti dalla vicina e ormai distrutta Vereto). Il tetto ha due spioventi, ed è costituito da 26 lastroni di pietra disposti a spina di pesce. La forma di tale costruzione specialmente nella sua copertura litica a tettoia a 2 spioventi, ricorda quella di alcuni dolmen della Bretagna come pure quella di alcuni altri primitivi monumenti che ancora oggi esistono in terra d’Otranto.

La costruzione è orientata nel senso della lunghezza da nord a sud. Esternamente misura m.7,25 di lunghezza e m.6 circa di larghezza e m.2,50 circa di altezza dal suolo fino al comignolo della tettoia litica. Oggi si accede all’interno attraverso due ingressi, uno sulla parete est e l’altro lungo la parete meridionale, sul lato Nord si nota un finestrino.

Originariamente era un edificio chiuso, inaccessibile. Nel XIII e XIV sec. lungo la parete sud del monumento, inizialmente sigillato, fu aperto a forza un ingresso. La parte interna è suddivisa longitudinalmente in due navate da un architrave litico formato da 3 blocchi lapidei allineati che danno appoggio ai conci che coprono l’edificio e sono sostenuti, a loro volta, da due muri più corti e tre pilastri e due colonne.
Due dei tre blocchi che formano l’architrave, presentano una decorazione con triglifi e metope che avvalorano la tesi che per l’edificazione del monumento sia stato utilizzato materiale proveniente dalla distrutta Vereto.

Nel 1950, l’architetto Prandi dopo un approfondito studio sostiene l’ipotesi che il monumento sia stato costruito tra il IX e il X secolo d.C. come tomba inaccessibile. Fu progettato da un architetto bizantino, come risulta dalle misure esterne del monumento che hanno come modulo il piede bizantino, utilizzando conci presenti nelle vicinanze, presumibilmente della distrutta Vereto con misure multiple del piede romano.

TAGS :

Visita Patù

Eventi a Patù

Cosa vedere nei dintorni

Chiesa di San Giovanni Battista
Chiesa di San Giovanni Battista
La Chiesa di San Giovanni Battista risalente al X secolo, si erge di fronte alla Centopietre.
Piazza Marco Pedone, Patù (LE)
0.03 Chilometri da Centopietre
Chiesa di Santa Maria di Vereto
Chiesa di Santa Maria di Vereto
L’edificio conserva al suo interno uno straordinario affresco, che lega la chiesa ad un mistero legato ad un figura emblematica della Cristianità: San Paolo e la sua associazione al fenomeno del tarantismo.
Via San Gregorio, Patù (LE)
0.81 Chilometri da Centopietre
Barbarano del Capo e la Leuca Piccola
Barbarano del Capo e la Leuca Piccola
La Leuca Piccola di Barbarano del Capo, in Salento, era posta lungo la “Via dei Pellegrini” per il Santuario della Madonna di Leuca.
Strada Provinciale 190, 47, località Barbarano del Capo, Morciano di Leuca (LE)
2.94 Chilometri da Centopietre
Montesardo
Montesardo
Il borgo di Montesardo fa parte del territorio di Alessano, in Puglia.
Piazza Castello, 6, località Montesardo, Alessano (LE)
4.44 Chilometri da Centopietre
Macurano
Macurano
Macurano è un villaggio rupestre sulla strada che collega Alessano a Marina di Novaglie, in Puglia.
Strada Provinciale 248, 2, Alessano (LE)
4.80 Chilometri da Centopietre
Torre Vado
Torre Vado
Adagiata ai piedi di una serra salentina, Torre Vado è una delle mete predilette del turismo balneare del Capo di Leuca.
Lungomare Cristoforo Colombo, 6, località Torre Vado, Morciano di Leuca (LE)
5.10 Chilometri da Centopietre
Torre costiera di Torre Vado
Torre costiera di Torre Vado
La torre costiera di Torre Vado, nel Salento, è il simbolo della località balneare.
Lungomare Cristoforo Colombo, 6, località Torre Vado, Morciano di Leuca (LE)
5.14 Chilometri da Centopietre
Marina di Novaglie
Marina di Novaglie
Marina di Novaglie è una località balneare di Alessano, in Puglia.
Via A. Vespucci, località Marina di Novaglie, Alessano (LE)
5.59 Chilometri da Centopietre
Chiesa Collegiata di San Salvatore
Chiesa Collegiata di San Salvatore
La Chiesa collegiata di San Salvatore si trova nel borgo di Alessano, in Puglia.
Piazza Don Tonino Bello, 7, Alessano (LE)
5.81 Chilometri da Centopietre

Piú letti del mese

Ricetta: il Panficato gigliese
Ricetta: il Panficato gigliese
Discepolo del panforte senese, il panficato è il dolce tipico di Giglio Castello che viene preparato con fichi secchi e noci e tanti altri prodotti tipici dell'isola
By Redazione
Ricetta: Pitta di patate
Ricetta: Pitta di patate
La pitta di patate alla pizzaiola è un piatto tipico salentino adatto sia per una cena o per un antipasto, da gustare sia caldo che freddo
By Redazione
Ricetta: le Melanzane Ripiene
Ricetta: le Melanzane Ripiene
Un piatto tipico, semplice e gustoso della cucina calabrese che non può mancare durante il pranzo domenicale o durante i giorni di festa
By Redazione
Civitas Medievale a Dozza: un viaggio nel tempo a due passi da Bologna
Civitas Medievale a Dozza: un viaggio nel tempo a due passi da Bologna
Da non perdere, all'inizio di marzo il borgo di Dozza ospiterà il pittoresco evento Civitas Medievale.
By Redazione
Bolgherirun2020: l'evento che ti permette di scoprire gli angoli più belli della Toscana
Bolgherirun2020: l'evento che ti permette di scoprire gli angoli più belli della Toscana
Torna Bolgherirun, l'evento sportivo che permette di scoprire, attraverso il divertimento, il fantastico paesaggio della Toscana.
By Redazione
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
I borghi storici della Lombardia conservano perfettamente le tradizioni enogastronomiche del territorio, grazie alle mani esperte delle massaie che hanno saputo tramandare i segreti della cucina più antica di questa regione.
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di