Centro Studi Osvaldo Licini - Cosa vedere a Monte Vidon Corrado - Castelli, chiese, monumenti e musei - Il Centro Studi Osvaldo Licini ospita un'esposizione permanente dei lavori preparatori del pittore di Monte Vidon Corrado.
 
CERCA PER ZONA

Centro Studi Osvaldo Licini

  • Piazza Osvaldo Licini, 9, Monte Vidon Corrado (FM)
  • +39 0734 759348
  • +39 334 9276790
  • Visita il sito

Il Centro Studi “Osvaldo Licini” di Monte Vidon Corrado attiva scambi culturali con analoghe istituzioni a livello nazionale e internazionale, con le Università, le Accademie, i musei e le raccolte private, le gallerie. Attualmente il Centro Studi è sede di raccolta di documentazione e di testimonianze (carteggi, articoli a stampa, fotografie, interviste), possiede inoltre una biblioteca specializzata che raccoglie la bibliografia su Licini e sull’arte del Novecento italiano ed europeo.

Esposizione permanente
“Segni e non sogni”, così Licini aveva definito la sua arte. Le carte esposte a Monte Vidon Corrado sono disegni, studi, schizzi, annotazioni che l’artista ha eseguito sui supporti più svariati, spesso occasionali, in diversi momenti del suo percorso, e comunque tutte caratterizzate, al di là delle differenze tematiche, stilistiche, strutturali, dall’inconfondibile segno liciniano, incisivo, icastico, fluttuante. Marchiori scriveva che per Licini “il disegno era mezzo, espressione e strumento d’indagine: il sismografo, per così dire, delle idee immediate”. Licini disegnava molto, i dipinti erano preceduti da una lunga “fase gestazionale” che prevedeva numerosi schizzi e disegni preparatori.

I disegni esposti abbracciano un ampio arco cronologico e ci offrono un excursus significativo della ricerca artistica di Licini. Ben rappresentato è il periodo figurativo, quello degli anni venti. Un gruppo di disegni è dedicato alla figura umana: tra questi il corpo ossuto, spigoloso, acerbo di bimba, tracciata su un prestampato commerciale, molto simile al “Ritratto di Nella” del 1926; ancora la stessa Nella sembra individuabile in un busto di fanciulla sdraiata con il capo tra le braccia. Allo stesso periodo risalgono le due nature morte: il rimando a Morandi è inevitabile, ma per contrasto. All’assolutezza, all’immobilità Licini contrappone il senso della precarietà delle cose, l’instabilità, gli oggetti sembrano levitare, sfuggire da un momento all’altro al principio di gravità.

Ancora alla metà del terzo decennio del Novecento è databile il foglio con la marina: gli alberi dai rami spogli e sinuosi evocano Van Gogh, uno degli artisti più amati da Licini. Vi sono poi altri paesaggi collinari evidentemente marchigiani, riconducibili tutti agli anni Venti. Su un campionario di fogli da disegno, l’artista ha inoltre eseguito una serie di vedute di un paese con le sue prospettive sghembe, le viuzze arroccate: anche qui, come nelle nature morte, il segno ci rimanda ad una realtà precaria, mobile, in cui a dispetto della staticità gli edifici hanno contorni obliqui. Del resto Licini stesso affermava che la pittura “è, contrariamente a quello che è l’architettura, un’arte irrazionale, con predominio di fantasia e immaginazione, cioè poesia”.

La svolta astratta, avvenuta attorno agli anni Trenta, è fortemente presente in questi fogli: ricorrono le arcane, liriche geometrie, sia in forma di rette e direttrici che in composizioni più complesse, abitate da cifre, lettere realizzata a matita o a inchiostro. Molti poi sono i personaggi liciniani: le Amalassunte, che campeggiano ai margini di un foglio o su una busta con timbro postale, dotate di sinuose e sensuali mani o piedi; le lune ammiccanti, inquietanti; l’erotismo ardito, eretico degli Angeli ribelli, alcuni più strutturati, altri appena evocati nello studio di teste e poi gli Olandesi volanti e tutta l’iconografia tipicamente liciniana. In alcune carte l’artista mescola, con fare quasi alchemico, testo poetico ed immagini, in uno scambio continuo tra visionarietà della parola, fortemente evocativa, e pregnanza del segno grafico, carico di valenze semantiche. È la Poesia che si esprima attraverso il linguaggio letterario e quello visivo. I temi affrontati sono l’eros, il pathos, la profonda riflessione sul senso dell’esistenza, sulla dimensione umana in bilico tra il cielo immenso e il nero fango della terra, l’ironia, la dissacrazione, il volo, la caduta, il sogno.

Leopardi, Novalis, Apollinaire, Mallarmé, Rimbaud, Campana sono i poeti prediletti da Licini, i cui echi si percepiscono nei testi dell’artista. Questi fogli quindi possono essere estremamente interessanti per lo studioso, per lo storico dell’arte che intenda indagare a fondo l’universo liciniano; gli schizzi in particolare si prestano ad approfondire la genesi delle opere, ad analizzare il processo dell’atto creativo. L’efficacia espressiva, l’incisività e la godibilità sotto il profilo estetico di questi disegni li rende accattivanti anche per il semplice visitatore e per chiunque intenda avvicinarsi all’arte del grande maestro.

Archivio documentario
L’epistolario Licini-Catalini, acquisito nel 2007 dal Centro Studi “Osvaldo Licini” di Monte Vidon Corrado dagli eredi di Felice Catalini, è, come tutte le raccolte di lettere liciniane, composto solo da scritti “in uscita”, non essendo rimasta traccia della posta arrivata all’artista, che aveva la consuetudine di disfarsene. È una raccolta di ventuno lettere e cinquantasette cartoline che coprono un arco di tempo di trentasei anni, dal 1922 al 1958. Tutte inviate ai componenti della famiglia Catalini, sono così ripartite: dodici lettere e trentotto cartoline a Felice, sei lettere e nove cartoline ad Ermenegildo, una lettera ed una cartolina ad Agata – moglie di Felice -, una lettera a Filippo – figlio di Felice - , una lettera e sette cartoline alle sorelle dei Catalini Rita e Bianca, una cartolina alla sola Rita ed una alla famiglia Catalini di Grottazzolina. Felice (chiamato da Osvaldo con il diminutivo dialettale Felicì, o addirittura Cicì o Francesco) ed Ermenegildo (per il quale Osvaldo usa o la forma contratta Gildo o, spesso, Checco) Catalini erano rispettivamente del 1893 e del 1895, quasi coetanei di Licini, appartenevano ad una numerosa famiglia di otto figli, cresciuti dalla madre Rosa Andrenacci, rimasta prematuramente vedova; dopo l’esperienza del seminario, dettata dalla situazione familiare, i fratelli avevano frequentato il Liceo di Fermo e poi Felice si era laureato in giurisprudenza ad Urbino divenendo prima avvocato e quindi notaio, Ermenegildo invece aveva conseguito nel ’20 la laurea in Lettere a Roma e in seguito, nel 1929, una laurea in Legge nell’ateneo napoletano, scegliendo di fare il professore di Liceo.

Quando nel 1922 i fratelli Catalini e Osvaldo Licini si conoscono, sono accomunati da esperienze esistenziali simili: reduci di guerra e freschi di laurea. L’analisi della corrispondenza, gli argomenti affrontati, il prevalere di un certo registro linguistico, consentono non solo di conoscere aspetti della biografia dell’artista, della sua personalità, dei suoi interessi culturali, dei suoi viaggi, offrendo una chiave di lettura storica dei dipinti, soprattutto di quelli del periodo figurativo, ma anche di tratteggiare, come in uno specchio, le immagini dei destinatari delle lettere, e di entrare e individuare i caratteri del rapporto amicale intercorso tra Licini e i due fratelli.

Contatta ora Centro Studi Osvaldo Licini

Compila questo modulo per metterti in contatto direttamente

Accetto i termini della privacy
Voglio ricevere la newsletter
TAGS :

Visita Monte Vidon Corrado

Eventi a Monte Vidon Corrado

Cosa vedere nei dintorni

Casa Museo Osvaldo Licini
Casa Museo Osvaldo Licini
In questa casa di Monte Vidon Corrado, Osvaldo Licini, uno dei più grandi artisti dell’astrattismo europeo, era nato il 22 marzo del 1894.
Via Osvaldo Licini, 5, Monte Vidon Corrado (FM)
0.04 Chilometri da Centro Studi Osvaldo Licini
Chiesa di San Vito Martire
Chiesa di San Vito Martire
Dell’antica chiesa di San Vito Martire di Monte Vidon Corrado, risalente ai primi decenni del XVI secolo, oggi rimane la cappella barocca di San Vito Martire, patrono del paese.
Piazza della Vittoria, 9, Monte Vidon Corrado (FM)
0.04 Chilometri da Centro Studi Osvaldo Licini
Chiesa della Madonna del Carmine
Chiesa della Madonna del Carmine
La chiesa della Madonna del Carmine si trova nella parte bassa del borgo di Monte Vidon Corrado, nelle Marche.
Via della Giustizia, 12, Monte Vidon Corrado (FM)
0.33 Chilometri da Centro Studi Osvaldo Licini
CEA Bosco di Smerillo e Lago di San Ruffino
CEA Bosco di Smerillo e Lago di San Ruffino
I Centri di educazione ambientale Bosco di Smerillo e Lago di San Ruffino si occupano della valorizzazione di un ampio territorio compreso tra il lago di San Ruffino e Monte Falcone.
SP50, Smerillo (FM)
13.28 Chilometri da Centro Studi Osvaldo Licini
Chiesa di Santa Maria Assunta
Chiesa di Santa Maria Assunta
Il duomo di Montalto delle Marche è dedicato a Santa Maria Assunta.
Piazza Sisto V, 2, Montalto delle Marche (AP)
17.90 Chilometri da Centro Studi Osvaldo Licini
Santuario della Madonna della Salute
Santuario della Madonna della Salute
Il Santuario della Madonna della Salute si trova in contrada Monti, nei pressi del borgo di Moresco.
Contrada Monti, Moresco (FM)
20.62 Chilometri da Centro Studi Osvaldo Licini
Chiesa della Madonna dell'Olmo
Chiesa della Madonna dell'Olmo
La chiesa della Madonna dell'Olmo si trova nei pressi di Moresco, in contrada Tredico.
Contrada Tredico, Moresco (FM)
21.08 Chilometri da Centro Studi Osvaldo Licini
Basilica di Santa Maria a Piè di Chienti
Basilica di Santa Maria a Piè di Chienti
La basilica di Santa Maria a Piè di Chienti si trova nel borgo di Montecosaro, nelle Marche.
Via Santissima Annunziata, 27, Montecosaro (MC)
21.67 Chilometri da Centro Studi Osvaldo Licini
Polo Museale e Convento di San Francesco
Polo Museale e Convento di San Francesco
Il complesso conventuale di San Francesco del borgo di Montefiore dell'Aso, nelle Marche, risale al XIII secolo.
Piazzale San Francesco, 1 , Montefiore dell\'Aso (AP)
22.89 Chilometri da Centro Studi Osvaldo Licini

Piú letti del mese

La leggenda di Aloisa, il fantasma degli innamorati del borgo di Grazzano Visconti
La leggenda di Aloisa, il fantasma degli innamorati del borgo di Grazzano Visconti
Un luogo incantato, ricostruito come il set di un film, e il suo fantasma, protettore dell'amore puro
By Ivan Pisoni
Ricetta: le Fave ncrapiate di Ostuni
Ricetta: le Fave ncrapiate di Ostuni
Assaggiamo i sapori tipici di uno dei più caratteristici borghi pugliesi, Ostuni
By Nadia Calasso
Ricetta: Pan De Mej - Dolce tipico di Angera
Ricetta: Pan De Mej - Dolce tipico di Angera
Il Pan De Mej è un dolce tipico di Angera, un caratteristico borgo che si trova sul Lago Maggiore. Da assaggiare assolutamente e preparare a casa. Ecco la ricetta
By Nadia Calasso
Ricetta: Sagne piccantine specialità d'Abruzzo
Ricetta: Sagne piccantine specialità d'Abruzzo
Sagne piccantine, specialità d'Abruzzo da assaggiare assolutamente se in uno di questi giorni estivi siete in vacanza in Abruzzo, una bontà che vi piacerà anche preparandola a casa.
By Nadia Calasso
La città incantata 2019 al Castello di Santa Severa
La città incantata 2019 al Castello di Santa Severa
Zingaretti: il meeting internazionale cambia location ma non spirito e obiettivi
By Redazione
Cosa vedere e cosa fare a  Metaponto Lido
Cosa vedere e cosa fare a Metaponto Lido
Splendide località a pochi passi da Matera, che vi offriranno un viaggio emozionante tra storia e mare.
By Nadia Calasso
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di